Pubblicità

Mio figlio di 10 mesi all'asilo nido (143785)

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 770 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Margheita 21

Buongiorno, sono mamma di un bimbo di quasi 5 mesi. A settembre, per esigenze inerenti lo studio dovrò mandare mio figlio, ormai di 10 mesi al'asilo nido. Sono preoccupata perchè sono convinta, anche dopo aver letto studi psicologici in merito, che i primi tre anni di vita siano molto importanti per lo sviluppo del bambino e che quindi questi debbano essere passati vicino alla madre. Penso che lui possa soffrirne del distacco, e che la mancanza della figura materna per parecchie ore della giornata, potrebbe risentirne. Probabilmente, sono solo mie paranoie ma vorrei avere il vostro parere per stare tranquilla. Vi ringrazio cortesemente. Distinti Saluti

Salve Margherita, il vero obiettivo, nei primi anni di vita di un bambino, è costruire una "base sicura", un ambiente in cui sentirsi sicuro, e questo deriva dal costruire relazioni affettive stabili. Quindi, si tratta di avere interazioni di qualità, in cui lo scambio relazionale, tra emozioni e stimoli comportamentali, sia ricco e integrale.
Secondo questo punto di vista, l'ambiente dell'asilo nido, che si affianca ma non si sostituisce all'ambiente familiare e alle relazioni con i genitori, può essere stimolante e favorire la crescita del bambino. Dipende, naturalmente, dalle situazioni specifiche e dalle dinamiche che si realizzano nel contesto educativo e anche dall'atteggiamento dei genitori quando avviano il bambino all'asilo nido, ovvero se c'è ansia oppure fiducia nelle educatrici.

(Risponde il Dott. Renato Vignati)

Pubblicato in data 07/06/2010
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Infanzia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Suicidio

Per suicidio (dal latino suicidium, sui occido, uccisione di se stessi) si intende l'atto con il quale un individuo si procura volontariamente e consapevolmente...

Acting out

Il termine Acting out , letteralmente “passaggio all’atto”, indica l’insieme di azioni aggressive e impulsive utilizzate dall’individuo per esprimere vissuti co...

Gestalt

Con il termine Gestalt si va a designare un importante indirizzo della psicologia moderna, secondo il quale l’esperienza percettiva e per estensione, la vita ps...

News Letters

0
condivisioni