Pubblicità

Mio figlio di 10 mesi all'asilo nido (143785)

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 504 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Margheita 21

Buongiorno, sono mamma di un bimbo di quasi 5 mesi. A settembre, per esigenze inerenti lo studio dovrò mandare mio figlio, ormai di 10 mesi al'asilo nido. Sono preoccupata perchè sono convinta, anche dopo aver letto studi psicologici in merito, che i primi tre anni di vita siano molto importanti per lo sviluppo del bambino e che quindi questi debbano essere passati vicino alla madre. Penso che lui possa soffrirne del distacco, e che la mancanza della figura materna per parecchie ore della giornata, potrebbe risentirne. Probabilmente, sono solo mie paranoie ma vorrei avere il vostro parere per stare tranquilla. Vi ringrazio cortesemente. Distinti Saluti

Salve Margherita, il vero obiettivo, nei primi anni di vita di un bambino, è costruire una "base sicura", un ambiente in cui sentirsi sicuro, e questo deriva dal costruire relazioni affettive stabili. Quindi, si tratta di avere interazioni di qualità, in cui lo scambio relazionale, tra emozioni e stimoli comportamentali, sia ricco e integrale.
Secondo questo punto di vista, l'ambiente dell'asilo nido, che si affianca ma non si sostituisce all'ambiente familiare e alle relazioni con i genitori, può essere stimolante e favorire la crescita del bambino. Dipende, naturalmente, dalle situazioni specifiche e dalle dinamiche che si realizzano nel contesto educativo e anche dall'atteggiamento dei genitori quando avviano il bambino all'asilo nido, ovvero se c'è ansia oppure fiducia nelle educatrici.

(Risponde il Dott. Renato Vignati)

Pubblicato in data 07/06/2010
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Infanzia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come imparare ad andare [1599…

mar, 29 anni Ho avuto una relazione di 5 anni finita per motivi banali, incomprensioni, caratteri opposti e contrastanti. La storia é finita quasi tre anni...

MARITO DEPRESSO DA 3 MESI [159…

blu, 43 anni Buongiorno, non riesco a capire come poter aiutare mio marito che oramai sono 3 mesi che è depresso soprattutto la mattina appena sveglio e l...

Consulenza [1599577765688]

Bice84, 36 anni Salve, volevo chiederle un'informazione riguardo alcuni comportamenti di mio marito. ...

Area Professionale

Disfunzioni sessuali dopo la s…

L'11 giugno 2019 l'European Medicines Agency (EMA) ha formalmente dichiarato di riconoscere la disfunzione sessuale post-SSRI (Post-SSRI Sexual Dysfunction, PSS...

Considerazioni teoriche sulla …

In letteratura sono presenti diverse teorie sulle cause sottostanti l'abuso e la violenza domestica. Queste includono teorie psicologiche che considerano i trat...

La relazione gene-ambiente nel…

Fra gli scienziati è in corso un importante dibattito sui nuovi modelli che esaminano il ruolo combinato dei geni e dell'ambiente nell'evoluzione della schizofr...

Le parole della Psicologia

Amok

"Follia rabbiosa, una specie di idrofobia umana... un accesso di monomania omicida, insensata, non paragonabile a nessun'altra intossicazione alcolica".» (Zweig...

Raptus

Il raptus (dal latino raptus, "rapimento") è un impulso improvviso e di forte intensità, che porta un soggetto ad episodi di parossismo, in genere violenti, i q...

Violenza domestica

La violenza domestica è il comportamento abusante di uno o entrambi i compagni in una relazione intima di coppia, quali il matrimonio e la coabitazione. Second...

News Letters

0
condivisioni