Pubblicità

Muoversi col pensiero

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 293 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Chi è paralizzato può sperare in futuro di utilizzare il pensiero per interagire con l'ambiente circostante. È l'incredibile risultato di una sperimentazione condotta presso il Centre for Neuroengineering della Duke University di Durham, negli Stati Uniti.
I ricercatori statunitensi sono convinti che il loro studio possa rappresentare la base di partenza per la messa a punto di uno scheletro robotico esterno da utilizzare in caso di paralisi, ad esempio per i pazienti tetraplegici.

 

 

Gli scienziati hanno confermato l'efficacia del loro strumento su due scimmie che, grazie soltanto agli impulsi nervosi del cervello, sono state in grado di muovere le mani di un personaggio virtuale presente sullo schermo di un computer restando completamente immobili. Le mani hanno toccato tre oggetti, anch'essi virtuali, di forma e consistenza differenti, ognuno dei quali era connesso con diversi ...

 

 

Tratto da: "italiasalute.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo





0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Pregoressia

È un disturbo alimentare, noto anche come mammoressia, legato all’ossessione di tornare subito in forma dopo il parto Non si tratta di un deficit contemplato n...

Prosopoagnosia

La prosopoagnosia (o prosopagnosia) è un deficit percettivo del sistema nervoso centrale che impedisce il riconoscimento dei volti delle persone (anche dei fami...

Dejà vu - Dejà vecu

Da due secoli, il fenomeno del "déjà-vu" affascina il mondo della scienza ed è stato oggetto di numerose interpretazioni, dalle più strampalate, che gli attribu...

News Letters

0
condivisioni