Pubblicità

Musica, un grande conforto per i malati terminali

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 758 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)


Un articolato studio a cura di un team di ricercatori composto dal professor Sandi Curtis –  specializzato in musicoterapia presso la Concordia University Department of Creative Arts Therapies – alcuni studenti della facoltà, musicisti di un’orchestra sinfonica e un professionista che opera presso un reparto ospedaliero di cure palliative, ha dimostrato come la musica possa essere di grande aiuto e conforto per i pazienti terminali o i malati cronici confinati in un letto d'ospedale o casa di riposo.

«Il nostro studio ha mostrato come la musicoterapia si è dimostrata efficace nel migliorare il sollievo dal dolore, il comfort, il relax, l'umore, la fiducia, la resistenza, la qualità della vita e il benessere nei pazienti», ha dichiarato Curtis sulle pagine di Music and Medicine, su cui è stato pubblicato lo studio.
La ricerca è durata tre anni. Durante questo periodo i beneficiari sono stati 371, di entrambi i sessi e di età compresa tra i 18 e i 101 anni.

 

Tratto da: " lastampa.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Archetipo

“La nostra psiche è costituita in armonia con la struttura dell'universo, e ciò che accade nel macrocosmo accade egualmente negli infinitesimi e più soggettivi ...

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. L...

La Sindrome di Stendhal

Patologia  psicosomatica, caratterizzata  da un senso di malessere diffuso provato di fronte alla visione di opere d’arte di straordinaria bellezza. ...

News Letters

0
condivisioni