Pubblicità

My Mom Doesn’t Understand What it’s like to be Openly Bipolar

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 657 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Every morning, on my drive to work, I call my mom. One might think this makes me a mama’s boy, but it’s more to stave off boredom than anything else.

The conversations are generally limited to family gossip and the like, but recently, the subject of me living openly with bipolar disorder came up. I said, “It is very hard to live openly with bipolar disorder.”

My Mom Doesnt Understand What its like to be Openly Bipolar

 

My mom said, “I can’t even imagine what that must be like.”

Wait. What?

Realizing My Mom Doesn’t Understand My Life With Bipolar Was Eye-Opening

Finding out that my own mom doesn’t know what I go through living openly with bipolar disorder was a punch in the gut. Even though I am nearing 40 years old, she is my mother. Doesn’t she have some sort of “mom-sense” that fills in these gaps for her?

Of course, that is ridiculous. She doesn’t know because she doesn’t live in my head. She doesn’t follow me around 24/7 and observe me. She only knows what she sees and hears and, because I don’t often share the more negative aspects of my life with her, she is left to wonder.

That conversation was a few weeks ago and it still rolls around in my head. What do I want her to know? What would I like her to understand? What would I tell her?

tratto da psychcentral.com - prosegui nella lettura dell'articolo

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto (1539692710493)

JESSICA,40     Vivo un periodo difficile, dove l'ex del mio compagno fa di tutto per farti saltare le rotelle...e ci riesce, mi spia nei social, ...

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Suicidio

Per suicidio (dal latino suicidium, sui occido, uccisione di se stessi) si intende l'atto con il quale un individuo si procura volontariamente e consapevolmente...

Autismo

La sindrome fu identificata nel 1943 dallo Psichiatra inglese Leo Kanner, il quale notò che alcuni bambini presentavano un comportamento patologico che esulava ...

Acrofobia

L'acrofobia è definita come una paura dell'altezza. A differenza di una fobia specifica come l'aerofobia, ossia la paura di volare, l'acrofobia può generare uno...

News Letters

0
condivisioni