Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Nascondere le proprie emozioni al partner può danneggiare il matrimonio

on . Postato in News di psicologia

La tendenza a sopprimere e il non comunicare le proprie emozioni determina una bassa soddisfazione coniugale in entrambi i partner

soppressione.emotiva.soddisfazione coniugaleUno studio pubblicato sul Journal of Social and Personal Relationships ha evidenziato come il nascondere le proprie emozioni al proprio coniuge possa determinare un peggioramento della soddisfazione coniugale nel corso del tempo, soprattutto quando sono i mariti a mettere in atto tale comportamento.

Da un punto di vista generico i ricercatori precisano che ci sono persone molto aperte e disponibili nel parlare delle proprie emozioni, contrariamente ad altre che reprimono i loro sentimenti.

La motivazione sottostante tale comportamento potrebbe essere quella di voler migliorare la propria relazione, in quanto si crede, erroneamente, che esprimere emozioni o sentimenti negativi possa ferire gli altri.

Di conseguenza vi è la tendenza a evitare l’espressione e la comunicazione verbale di ciò che si prova.

La ricerca indica generalmente che le persone che sopprimo abitualmente le loro emozioni tendono ad avere difficoltà a formare forti relazioni sociali, in quanto la condivisione dei propri sentimenti è una parte importante per la costruzione della fiducia e del rapporto tra due persone, siano essi amici, familiari e partner.

Un team di ricercatori guidato da Patrizia Velotti, dell’Università degli Studi di Genova, ha condotto un studio per esaminare l’impatto della soppressione emotiva in una relazione interpersonale specifica quale il matrimonio.

Il campione era composto da 229 coppie italiane eterosessuali e sono stati valutati entrambi i coniugi in due sessioni temporali distinte: a 5 mesi dal matrimonio e successivamente dopo 2 anni di matrimonio.

Dall’analisi dei risultati è emerso che la soppressione emotiva ha deteriorato la soddisfazione coniugale sia nei mariti che nelle mogli; un risultato interessante è che la soppressione emotiva del marito era direttamente correlata a livelli più bassi di soddisfazione coniugale per la moglie, cosa che invece non si è verificata nel caso contrario.

Gli autori concludono sottolineando che la soppressione emotiva all’interno di coppie sposate crea un circolo vizioso in cui nascondere le proprie emozioni determina un evitamento dell’altro, che a sua volta rinforza la soppressione emotiva.

L’effetto principale di questo insieme di relazioni è una più bassa soddisfazione coniugale per entrambi i partner.

I ricercatori consigliano pertanto, per quelle coppie che cercano di gettare le basi per un matrimonio felice, di sforzarsi nell’essere più aperti nel comunicare le proprie emozioni.

 

Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psychostore

 

 

Tags: circolo vizioso soppressione emotiva scarsa comunicazione crisi matrimonio evitamento del partner scarsa soddisfazione coniugale mariti+ mogli

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Sfogo... (1504940202677)

andrea, 30       Individuo probabilmente schizofrenico... all'età di tre anni la madre, esasperata dal rapporto con il padre cerca di soff...

blocchi mentali (1505330248387…

PASHINO, 42       Sono in terapia da quattro anni, ho avuto una vita molto difficile e di solitudine con genitori ciechi e una sorella anch...

DEPERSONALIZZAZIONE? (15044611…

Emanuele, 20       Salve, dopo un lungo periodo lavorativo all' estero in cui ho vissuto isolato dal mondo in un ranch in Australia (terra...

Area Professionale

Psicologo a scuola senza conse…

In merito ai fatti avvenuti ad Arezzo, coinvolgente la figura professionale dello psicologo e la cui presenza in aula a scopi valutativi senza consenso da parte...

Il Jobs Act Autonomi 2017: nov…

Il Jobs Act autonomi 2017, contenuto all'interno della precedente Legge di Stabilità del 2016, è in vigore dal 14 giugno 2017. Il disegno di legge prevede 21 ar...

Linee guida per le prestazioni…

LINEE GUIDA PER LE PRESTAZIONI PSICOLOGICHE VIA INTERNET E A DISTANZA Realizzate dalla Commissione ATTI TIPICI del CNOP le nuove linee guida per le prestazio...

Le parole della Psicologia

Ailurofobia

La ailurofobia o elurofobia comp. di ailuro-, dal gr. áilouros ‘gatto’, e -fobia. è la paura irrazionale e persistente dei gatti. La persona che manifesta ques...

Agorafobia

Il termine agorafobia viene dal greco e letteralmente significa: "paura degli spazi aperti”. Le persone che ne soffrono temono perciò lo spazio esterno, vissuto...

Musofobia

Il termine musofobia, che deriva del greco μῦς (mys) che significa "topo", è la paura persistente ed ingiustificata per i topi, più in generale per i roditori. ...

News Letters