Pubblicità

Nascondere le proprie emozioni al partner può danneggiare il matrimonio

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 2019 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

La tendenza a sopprimere e il non comunicare le proprie emozioni determina una bassa soddisfazione coniugale in entrambi i partner

soppressione.emotiva.soddisfazione coniugaleUno studio pubblicato sul Journal of Social and Personal Relationships ha evidenziato come il nascondere le proprie emozioni al proprio coniuge possa determinare un peggioramento della soddisfazione coniugale nel corso del tempo, soprattutto quando sono i mariti a mettere in atto tale comportamento.

Da un punto di vista generico i ricercatori precisano che ci sono persone molto aperte e disponibili nel parlare delle proprie emozioni, contrariamente ad altre che reprimono i loro sentimenti.

La motivazione sottostante tale comportamento potrebbe essere quella di voler migliorare la propria relazione, in quanto si crede, erroneamente, che esprimere emozioni o sentimenti negativi possa ferire gli altri.

Di conseguenza vi è la tendenza a evitare l’espressione e la comunicazione verbale di ciò che si prova.

La ricerca indica generalmente che le persone che sopprimo abitualmente le loro emozioni tendono ad avere difficoltà a formare forti relazioni sociali, in quanto la condivisione dei propri sentimenti è una parte importante per la costruzione della fiducia e del rapporto tra due persone, siano essi amici, familiari e partner.

Un team di ricercatori guidato da Patrizia Velotti, dell’Università degli Studi di Genova, ha condotto un studio per esaminare l’impatto della soppressione emotiva in una relazione interpersonale specifica quale il matrimonio.

Il campione era composto da 229 coppie italiane eterosessuali e sono stati valutati entrambi i coniugi in due sessioni temporali distinte: a 5 mesi dal matrimonio e successivamente dopo 2 anni di matrimonio.

Dall’analisi dei risultati è emerso che la soppressione emotiva ha deteriorato la soddisfazione coniugale sia nei mariti che nelle mogli; un risultato interessante è che la soppressione emotiva del marito era direttamente correlata a livelli più bassi di soddisfazione coniugale per la moglie, cosa che invece non si è verificata nel caso contrario.

Gli autori concludono sottolineando che la soppressione emotiva all’interno di coppie sposate crea un circolo vizioso in cui nascondere le proprie emozioni determina un evitamento dell’altro, che a sua volta rinforza la soppressione emotiva.

L’effetto principale di questo insieme di relazioni è una più bassa soddisfazione coniugale per entrambi i partner.

I ricercatori consigliano pertanto, per quelle coppie che cercano di gettare le basi per un matrimonio felice, di sforzarsi nell’essere più aperti nel comunicare le proprie emozioni.

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: circolo vizioso soppressione emotiva scarsa comunicazione crisi matrimonio evitamento del partner scarsa soddisfazione coniugale mariti+ mogli

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Sto bene da solo  [16102359254…

 Zeno, 30 anni     Buonanotte, sono sempre stato ansioso e poco socievole ma ultimamente sento che questo problema si è esarcerbato,spesso ...

Avere una relazione con una pe…

Carpazia, 30 anni     Buonasera, il più delle volte, giustamente direi, ci si concentra sulla persona che soffre di questa patologia, ma c'è b...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Istinto

Il termine istinto, come indica l'etimologia stessa (il termine latino “instinctus”, deriva da instinguere, incitare), è usato nel linguaggio ordinario per indi...

Memoria

La memoria è quel meccanismo neuropsicologico che permette di fissare, conservare e rievocare esperienze e informazioni acquisite dall’ambiente (interno ed este...

Lo stereotipo

Il termine stereotipo deriva dalle parole greche "stereos" (duro, solido) e "typos" (impronta, immagine, gruppo), quindi "immagine rigida". Si tratta di...

News Letters

0
condivisioni