Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

NATALE IN UNA FAMIGLIA DIVISA

on . Postato in News di psicologia | Letto 231 volte

Natale rappresenta per tutti un’occasione di ritrovo familiare. Ma cosa succede nelle famiglie divise? Con chi trascorrono le feste i figli di genitori divorziati? Il Natale è la festa della famiglia: l’immagine canonica della Notte Santa è quella della famiglia che si ritrova intorno a un tavolo imbandito, scarta i doni sotto l’albero, si reca in chiesa allo scoccare della mezzanotte.
Ma il Natale è soprattutto la ricorrenza più amata dai bambini, che gongolano al pensiero della pausa scolastica e della cascata di regali in arrivo.
Purtroppo però questa circostanza gioiosa può accrescere la sofferenza di quei bambini che non hanno una famiglia unita e che quindi vivono il Natale come un momento di stress emotivo.
Quella delle famiglie divise è una realtà molto presente nel nostro Paese: attualmente in Italia sono due milioni i genitori separati,e i divorzi sono in crescita. Non sono pochi quindi gli sfortunati bambini che devono scegliere se passare il Natale con la mamma o con il papà. Ma cosa dice la legge? «Attualmente non c’è una normativa che stabilisca come due genitori separati possano gestire il ponte natalizio», risponde la dottoressa Cristina Cesana, mediatore familiare.
«Di prassi viene concordata, dalla coppia in sede di ricorso per separazione consensuale o su ordine del giudice in sentenza, una suddivisione flessibile del periodo, che permetta ai genitori di conciliare gli impegni con eventuali trasferte.
Tuttavia è buona norma definire che il figlio trascorra una delle due festività (Natale o Capodanno) con il papà e l’altra con la mamma. Magari prevedendo un’alternanza nel corso degli anni». E al di là delle pratiche giudiziarie, cosa è meglio per il bambino: vedere la propria famiglia riunita almeno per la parentesi di festa o mantenere separati i momenti di festeggiamento per non confonderlo? «Ogni figlio desidera vedere insieme i genitori nelle occasioni per lui importanti: la recita, il compleanno, la gara sportiva. Ciò è tanto più vero per il figlio di genitori separati. Ma il punto è un altro. È necessario valutare la qualità della relazione che i genitori hanno tra loro: se il rapporto tra gli ex coniugi è conflittuale, sarà più opportuno ridurre al minimo i momenti comuni, che costituirebbero solo occasioni di scontri».

 

Tratto da Salute e Benessere - prosegui nella lettura dell'articolo

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Credo di essere depressa, mi a…

Psiche, 33     Salve, vi scrivo perchè da un pò di tempo (non so neanche io precisamente quanto) ho dei sintomi che mi fanno presagire qualcosa d...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Volontà

In psicologia, il concetto di volontà viene concepito, a seconda della scuola di riferimento, come: • Una funzione autonoma, non riconducibile ad altri process...

Complesso di Elettra

Secondo la definizione di Carl Gustav Jung il complesso di Elettra si definisce come il desiderio della bambina di possedere il pene, e della competizione con l...

Gimnofobia

Il termine, dal greco “gymnos” (nudo) e “phobos” (paura), definisce la paura persistente, anormale ed ingiustificata per la nudità Coloro che soffrono di quest...

News Letters