Pubblicità

NATALE IN UNA FAMIGLIA DIVISA

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 387 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Natale rappresenta per tutti un’occasione di ritrovo familiare. Ma cosa succede nelle famiglie divise? Con chi trascorrono le feste i figli di genitori divorziati? Il Natale è la festa della famiglia: l’immagine canonica della Notte Santa è quella della famiglia che si ritrova intorno a un tavolo imbandito, scarta i doni sotto l’albero, si reca in chiesa allo scoccare della mezzanotte.
Ma il Natale è soprattutto la ricorrenza più amata dai bambini, che gongolano al pensiero della pausa scolastica e della cascata di regali in arrivo.
Purtroppo però questa circostanza gioiosa può accrescere la sofferenza di quei bambini che non hanno una famiglia unita e che quindi vivono il Natale come un momento di stress emotivo.
Quella delle famiglie divise è una realtà molto presente nel nostro Paese: attualmente in Italia sono due milioni i genitori separati,e i divorzi sono in crescita. Non sono pochi quindi gli sfortunati bambini che devono scegliere se passare il Natale con la mamma o con il papà. Ma cosa dice la legge? «Attualmente non c’è una normativa che stabilisca come due genitori separati possano gestire il ponte natalizio», risponde la dottoressa Cristina Cesana, mediatore familiare.
«Di prassi viene concordata, dalla coppia in sede di ricorso per separazione consensuale o su ordine del giudice in sentenza, una suddivisione flessibile del periodo, che permetta ai genitori di conciliare gli impegni con eventuali trasferte.
Tuttavia è buona norma definire che il figlio trascorra una delle due festività (Natale o Capodanno) con il papà e l’altra con la mamma. Magari prevedendo un’alternanza nel corso degli anni». E al di là delle pratiche giudiziarie, cosa è meglio per il bambino: vedere la propria famiglia riunita almeno per la parentesi di festa o mantenere separati i momenti di festeggiamento per non confonderlo? «Ogni figlio desidera vedere insieme i genitori nelle occasioni per lui importanti: la recita, il compleanno, la gara sportiva. Ciò è tanto più vero per il figlio di genitori separati. Ma il punto è un altro. È necessario valutare la qualità della relazione che i genitori hanno tra loro: se il rapporto tra gli ex coniugi è conflittuale, sarà più opportuno ridurre al minimo i momenti comuni, che costituirebbero solo occasioni di scontri».

 

Tratto da Salute e Benessere - prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Depressione (1557401609185)

Victoria, 22 Mi sveglio già stanca, da troppo tempo ormai, quasi da sempre. Mio padre è tornato a casa ieri sera, ha iniziato a sistemare la spesa in cucina ...

Ipocondria (1556980274713)

 Kiki, 30 Salve,Avrei bisogno di un consulto riguardo una persona a me molto vicina e molto cara, la quale soffre di ipocondria. Fortunatamente non ha...

Coppia terapeutica (1556664446…

Giulia, 40     Salve, sono bipolare borderline seguita da oltre 20 anni da psichiatri e psicoterapeuti. Vorrei sottoporre alla vostra attenzion...

Area Professionale

Articolo 17 - il Codice Deonto…

Anche questa settimana proseguiamo su Psiconline.it, con l'art.17 (segreto professionale e tutela della Privacy), il lavoro di analisi e commento, a cura d...

Articolo 16 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.16 (comunicazioni scientifiche e anonimato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini ch...

Articolo 15 - il Codice Deonto…

proseguiamo su Psiconline.it, con il commento all'art.15 (Collaborazioni con altri professionisti), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini c...

Le parole della Psicologia

Cataplessia

E’ un disturbo caratterizzato dalla perdita improvvisa del tono muscolare durante la veglia, solitamente causata da forti emozioni. La debolezza muscolare tipi...

Personalità

“Esistono bisogni emotivi primitivi, esistono bisogni di evitare la punizione e di conservare il favore del gruppo sociale, esistono bisogni di mantenere l’armo...

Emetofobia

Dal greco emein che significa "un atto o un'istanza di vomito" e fobia, ovvero "un esagerato solito inspiegabile e illogico timore di un particolare oggetto,&nb...

News Letters

0
condivisioni