Pubblicità

Nella prima infazia, la discriminazione razziale è collegata alla depressione e all'invecchiamento precoce

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 439 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Lo stress precoce derivante dalla discriminazione razziale pone gli afroamericani a maggior rischio di un invecchiamento accelerato, un indicatore dello sviluppo prematuro di gravi problemi di salute e forse di una speranza di vita più breve, secondo uno studio condotto da un ricercatore di psicologia della Georgia State University.

discriminazione razziale infanzia depressione

Sierra Carter, assistente professore di psicologia presso il Georgia State, e i suoi collaboratori hanno utilizzato i dati basati su questionari e campioni di sangue per esaminare l'invecchiamento a livello cellulare.


"Abbiamo scoperto che per questi giovani afroamericani, le esperienze di discriminazione razziale nella prima infanzia hanno influenzato un processo di invecchiamento accelerato all'interno del loro corpo", ha affermato Carter.

"Lo stress da discriminazione razziale può essere considerato uno stimolo stressante cronico che può logorare i sistemi del corpo", ha affermato. "Seguendo queste persone nel tempo, possiamo vedere che questo fattore di stress sta influenzando un processo di alterazione fisiologica che provoca un invecchiamento prematuro dei sistemi corporei. Questo accelerato processo di invecchiamento che vediamo, causato dallo stress da discriminazione razziale, potrebbe influenzare alcune delle disparità razziali sulla salute che vediamo per le popolazioni afroamericane, come il diabete e le malattie cardiovascolari."

Carter e i suoi collaboratori hanno utilizzato i dati del The Family and Community Health Study (FACHS), uno studio longitudinale di oltre 800 famiglie afro-americane condotto in più città, a partire dal 1996. Lo studio in corso, sostenuto dal National Institutes of Health e ospitato presso l'University of Georgia, si concentra sull'effetto del sostegno dei genitori e sugli stili disciplinari, sulle interazioni familiari, sulle caratteristiche del vicinato e su altri fattori contestuali che influenzano i genitori afroamericani e i loro figli.

I dati, inclusi i test di autovalutazione, sono stati raccolti ogni due o tre anni e ampliati nel 2015 per includere i prelievi di sangue per valutare i rischi dei partecipanti riguardo le malattie cardiache e il diabete, e per testare i biomarcatori che prevedono l'insorgenza precoce di queste malattie. Carter ha incluso i dati di 368 persone nelle sue analisi.

"Quello che abbiamo scoperto è che le esperienze di discriminazione razziale erano correlate a elevati sintomi depressivi, all'età di 10-15 e 20-29 anni", ha detto Carter. "Quindi, stiamo osservando che questo aumento dei sintomi depressivi si prolunga per molti anni, il che sta davvero influenzando l'invecchiamento accelerato. Quindi, i nostri risultati suggeriscono che le prime esperienze di vita riguarddo la discriminazione razziale sono correlate all'invecchiamento accelerato, ma in realtà il meccanismo che potrebbe guidare una parte di questo sono i sintomi depressivi. Potremmo iniziare a pensare a come questi fattori di salute mentale e fisica si intrecciano."

Pubblicità


Carter sta pianificando i prossimi passi dello studio per concentrarsi maggiormente sui processi dell'invecchiamento accelerato, la resilienza, le traiettorie del corso della vita verso la depressione e i possibili interventi nella prima infanzia.

L'obiettivo finale, per la società, sarebbe prevenire la discriminazione razziale, ha affermato, ma oltre a una vasta gamma di cambiamenti sistematici per raggiungere tale obiettivo, il campo della psicologia può integrarsi con altre discipline per svolgere un ruolo più forte nel pensare alle giuste strategie di intervento.

"Abbiamo prove basate sui trattamenti riguardanti le condizioni di salute mentale come la depressione", ha detto Carter. "Come psicologo clinico, penso che sia importante iniziare a riconoscere all'interno dei nostri trattamenti che lo stress derivante dal razzismo può influenzare i sintomi della salute fisica e mentale, già in tenera età. Spero che questa ricerca ci aiuti a pensare criticamente al razzismo come un fattore di stress sulla salute e sui modi in cui le strategie di intervento informate sulla cultura possono aiutare a ridurre l'impatto a lungo termine di questo fattore di stress".

I coautori di Carter includono Mei Ling Ong, Ronald L. Simons, Man Kit Lei e Steven Beach, tutti dell'University of Georgia, e Frederick Gibbons dell'University of Connecticut. La ricerca è stata sostenuta dal National Institute of Child Health and Human Development, il National Heart, Lung, and Blood Institute e il National Institute of Drug Abuse. Un ulteriore supporto è stato fornito dal Center for Translational and Prevention Science, finanziato dal National Institute on Drug Abuse.



Fonte:

  • Sierra E. Carter, Mei Ling Ong, Ronald L. Simons, Frederick X. Gibbons, Man Kit Lei, Steven R. H. Beach. The effect of early discrimination on accelerated aging among African Americans.. Health Psychology, 2019; DOI: 10.1037/hea0000788



Articolo a cura del Dottor Andrea di Maio



Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: discriminazione razzismo news di psicologia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia e problemi sociali (1572…

Nadarmozc, 32     Gentili dottori,è da qualche tempo che avverto uno strano fenomeno, di duplice natura.Quando sono fuori casa (Assolutamente la ...

Problema cellulare (1572545674…

Marta 16, 19     Buonasera, chiedo un consiglio per la situazione che sto vivendo con il ragazzo con cui mi sento da vari mesi. Ci siamo scontrat...

senza via di uscita 2 (1572361…

straniero66, 53 Vi ho già scritto in precedenza e ho avuto la vostra risposta “SENZA VIA DI USCITA (1571319488503)”. Continuo a stare male, attualmente io ...

Area Professionale

Articolo 42 - il Codice Deonto…

Si conclude su Psiconline.it, con il commento all'art.42 (vigenza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana ha s...

Articolo 41 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.41 (Osservatorio Permanente) prosegue, su Psiconline.it, il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Articolo 40 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.40 (pubblicità professionale), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo ...

Le parole della Psicologia

Aprassia

L'aprassia (dal greco "a" prefisso di negazione e "praxía", cioe' fare, quindi incapacità di fare) è un deficit primitivo dell’attivi...

Agrafia

Il termine Agrafia deriva dal greco a-grapho (non-scrivo), indica la perdita parziale (paragrafia) o totale della capacità di scrivere, che insieme a quella d...

Burnout

Il burnout è generalmente definito come una sindrome di esaurimento emotivo, di depersonalizzazione e derealizzazione personale, che può manifestarsi in tutte q...

News Letters

0
condivisioni