Pubblicità

Nelle madri, la nausea mattutina viene associata a un maggiore rischio di autismo

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 790 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

I bambini, le cui madri avevano l'iperemesi gravidica (una forma grave di nausea mattutina) durante la gravidanza, avevano il 53% in più di probabilità di essere diagnosticati con un disturbo dello spettro autistico, secondo la ricerca Kaiser Permanente pubblicata sull'American Journal of Perinatology.

nausea mattutina autismo

"Questo studio è importante perché suggerisce che i bambini nati da donne con iperemesi potrebbero essere associati a un maggiore rischio di autismo", ha detto l'autore principale dello studio Darios Getahun, MD, PhD, del Kaiser Permanente Southern California Department of Research and Evaluation. "La consapevolezza di questa associazione può creare l'opportunità per una diagnosi e un intervento precoci nei bambini a rischio di autismo".

L'iperemesi gravidica si verifica in meno del 5% delle gravidanze. Le donne colpite soffrono di nausea intensa e non sono in grado di contenere cibo e liquidi. Ciò può portare a una disidratazione pericolosa e un'alimentazione inadeguata durante la gravidanza.

Per determinare l'estensione dell'associazione tra iperemesi gravidica e disturbo dello spettro autistico, i ricercatori hanno esaminato le cartelle cliniche elettroniche di quasi 500.000 donne in gravidanza e i loro bambini nati tra il 1991 e il 2014 al Kaiser Permanente nel sud della California. Hanno confrontato i bambini le cui madri avevano una diagnosi di iperemesi gravidica durante la gravidanza con quelli le cui madri non aveavano iperemesi.

Pubblicità

Altri risultati mostravano:

  • L'esposizione all'iperemesi gravidica è stata associata ad un aumentato rischio di autismo quando l'iperemesi gravidica è stata diagnosticata durante il primo e il secondo trimestre di gravidanza, ma non quando è stata diagnosticata solo nel terzo trimestre.
  • L'esposizione all'iperemesi gravidica è stata associata al rischio di autismo indipendentemente dalla gravità dell'iperemesi gravidica della madre.
  • L'associazione tra iperemesi gravidica e disturbo dello spettro autistico era più forte nelle ragazze rispetto ai ragazzi e tra i bianchi e gli ispanici rispetto a i neri e gli abitanti delle isole del Pacifico.
  • I farmaci usati per trattare l'iperemesi gravidica non sembravano essere correlati al rischio di autismo.

I risultati sono coerenti con l'ipotesi che le donne che soffrono di iperemesi gravidica possono avere uno scarso apporto nutrizionale, che a sua volta può portare a potenziali danni a lungo termine allo sviluppo neurologico dei loro bambini. Lo studio non può, tuttavia, escludere altre possibili spiegazioni, come le esposizioni perinatali ad alcuni farmaci e il fumo materno.



Fonte:

  • Darios Getahun, Michael J. Fassett, Steven J. Jacobsen, Anny H. Xiang, Harpreet S. Takhar, Deborah A. Wing, Morgan R. Peltier. Autism Spectrum Disorders in Children Exposed in Utero to Hyperemesis Gravidarum. American Journal of Perinatology, 2019; DOI: 10.1055/s-0039-1696670



Articolo a cura del Dottor Andrea di Maio




Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: nausee autismo news di psicologia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

Cinofobia

Il cane è da sempre l’animale più amato dagli esseri umani, ormai è proverbiale la definizione “migliore amico dell’uomo” e in effetti la storia conferma questa...

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

News Letters

0
condivisioni