Pubblicità

New York dopo l'attentato

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 295 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Circa l’otto per cento dei cittadini di New York ha sofferto in questi ultimi mesi di forme depressive di vario tipo ed intensità e circa il sette per cento di disturbi post-traumatici da stress in conseguenza dell’attentato terroristico dell’11 Settembre scorso al World Trade Center di Manhattan. Il quotidiano New York Times, citando uno studio condotto recentemente della New York Academy of Medicine, ha riferito che nella ricerca emergono in molti soggetti condizioni di sovrapposizione delle due forme psicopatologiche, quella depressiva e quella post-traumatica.

Nei giorni che seguirono l’attentato queste percentuali erano molto maggiori, ma i sintomi veri e propri in termini di ansia, paura, disturbi del sonno, diminuzione del tono dell’umore e tratti fobici, nella maggiorparte dei casi sono diminuiti progressivamente nel giro di due –tre settimane.

Anche i media e la televisione soprattutto ebbero in quei giorni un ruolo per certi aspetti negativo, soprattutto sui più giovani e sui bambini in particolare, sottoposti alla ripetizione quotidiana di decine e decine di volte dell’impatto degli arerei contro le due torri ed al loro conseguente crollo, ma incapaci di elaborare quanto osservato se non con l’aiuto e la presenza tranquillizzante dei genitori o altre persone adulte.

Secondo le ultime indagini, i newyorkesi che soffrono ancora di forme depressive intense in seguito a quegli attentati sarebbero diminuiti oggi a circa il 3,5 % , mentre per quanto riguarda il disturbo post-traumatico da stress si avrebbe oggi una stima intorno al 2,3%.

Tratto da:” New Yorkers suffered depression, stress after September 11” – Ag. France-Presse – May 02

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Illusioni

Il termine illusione (dal latino illusio, derivato di illudere, "deridere, farsi beffe") indica, in genere, quelle percezioni reali, falsate dall'intervento di ...

Voyeurismo

Il Voyeurismo (dal francese  voyeur che indica chi guarda, “guardone”)  è un disordine della preferenza sessuale. I voyeur sono quasi sempre uomini c...

Ailurofobia

La ailurofobia o elurofobia comp. di ailuro-, dal gr. áilouros ‘gatto’, e -fobia. è la paura irrazionale e persistente dei gatti. La persona che manifesta ques...

News Letters

0
condivisioni