Pubblicità

New York dopo l'attentato

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 371 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Circa l’otto per cento dei cittadini di New York ha sofferto in questi ultimi mesi di forme depressive di vario tipo ed intensità e circa il sette per cento di disturbi post-traumatici da stress in conseguenza dell’attentato terroristico dell’11 Settembre scorso al World Trade Center di Manhattan. Il quotidiano New York Times, citando uno studio condotto recentemente della New York Academy of Medicine, ha riferito che nella ricerca emergono in molti soggetti condizioni di sovrapposizione delle due forme psicopatologiche, quella depressiva e quella post-traumatica.

Nei giorni che seguirono l’attentato queste percentuali erano molto maggiori, ma i sintomi veri e propri in termini di ansia, paura, disturbi del sonno, diminuzione del tono dell’umore e tratti fobici, nella maggiorparte dei casi sono diminuiti progressivamente nel giro di due –tre settimane.

Anche i media e la televisione soprattutto ebbero in quei giorni un ruolo per certi aspetti negativo, soprattutto sui più giovani e sui bambini in particolare, sottoposti alla ripetizione quotidiana di decine e decine di volte dell’impatto degli arerei contro le due torri ed al loro conseguente crollo, ma incapaci di elaborare quanto osservato se non con l’aiuto e la presenza tranquillizzante dei genitori o altre persone adulte.

Secondo le ultime indagini, i newyorkesi che soffrono ancora di forme depressive intense in seguito a quegli attentati sarebbero diminuiti oggi a circa il 3,5 % , mentre per quanto riguarda il disturbo post-traumatico da stress si avrebbe oggi una stima intorno al 2,3%.

Tratto da:” New Yorkers suffered depression, stress after September 11” – Ag. France-Presse – May 02

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Depressione (1557401609185)

Victoria, 22 Mi sveglio già stanca, da troppo tempo ormai, quasi da sempre. Mio padre è tornato a casa ieri sera, ha iniziato a sistemare la spesa in cucina ...

Ipocondria (1556980274713)

 Kiki, 30 Salve,Avrei bisogno di un consulto riguardo una persona a me molto vicina e molto cara, la quale soffre di ipocondria. Fortunatamente non ha...

Coppia terapeutica (1556664446…

Giulia, 40     Salve, sono bipolare borderline seguita da oltre 20 anni da psichiatri e psicoterapeuti. Vorrei sottoporre alla vostra attenzion...

Area Professionale

Articolo 17 - il Codice Deonto…

Anche questa settimana proseguiamo su Psiconline.it, con l'art.17 (segreto professionale e tutela della Privacy), il lavoro di analisi e commento, a cura d...

Articolo 16 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.16 (comunicazioni scientifiche e anonimato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini ch...

Articolo 15 - il Codice Deonto…

proseguiamo su Psiconline.it, con il commento all'art.15 (Collaborazioni con altri professionisti), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini c...

Le parole della Psicologia

Impulsività

L’impulsività è un elemento del carattere di ogni persona, anche se si manifesta in maniera molto più evidente rispetto alle altre, fino a divenire un vero e pr...

Tic

I tic sono quei disturbi, che consistono in movimenti frequenti, rapidi, involontari, apparentemente afinalistici. Sono percepiti come irresistibili, ma posson...

Afasia

L’afasia è un disturbo della formulazione e della comprensione di messaggi linguistici, che consegue a lesioni focali cerebrali, in persone che avevano in pre...

News Letters

0
condivisioni