Pubblicità

NEW YORKERS' MENTAL HEALTH VISITS ROSE LITTLE AFTER 9/11

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 217 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
New Yorkers' use of mental health services rose only slightly during the year after the September 11, 2001, World Trade Center attacks compared with the year before the attacks, a recent study suggests. But the number of mental health visits among people already receiving treatment increased after the attacks. The study is one of the few to look at long-term use of community mental health services within a population after a major catastrophic event, say Joseph A. Boscarino, Ph.D., M.P.H., and colleagues at the New York Academy of Medicine and Florida State University. Their findings appear in the journal General Hospital Psychiatry.

“Following the World Trade Center attacks, mental health service providers geared up to provide mental health services for thousands of New Yorkers potentially affected by this event,” Boscarino says. “This major increase in utilization, however, never really materialized.”

The investigators conducted telephone surveys with 2,368 English- and Spanish-speaking adults who lived in New York City at the time of the attacks to learn about their post-disaster mental health service and medication use. Two different surveys were used: one of a cross-section of city residents and the other of persons who reported receiving mental health treatment within a year after the attacks.

tratto da Center for the Advancement of Health - continua la lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto (1539692710493)

JESSICA,40     Vivo un periodo difficile, dove l'ex del mio compagno fa di tutto per farti saltare le rotelle...e ci riesce, mi spia nei social, ...

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Frustrazione

La frustrazione può essere definita come lo stato in cui si trova un organismo quando la soddisfazione di un suo bisogno viene impedita o ostacolata. Rappresen...

Sindrome di Stoccolma

Con l'espressione Sindrome di Stoccolma si intende un particolare stato di dipendenza psicologica e/o affettiva che si manifesta in alcuni casi in vittime di ep...

Ortoressia

L'ortoressia (dal greco orthos "corretto" e orexis "appetito") è una forma di attenzione abnorme alle regole alimentari, alla scelta del cibo e alle sue caratte...

News Letters

0
condivisioni