Pubblicità

NEW YORKERS' MENTAL HEALTH VISITS ROSE LITTLE AFTER 9/11

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 249 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
New Yorkers' use of mental health services rose only slightly during the year after the September 11, 2001, World Trade Center attacks compared with the year before the attacks, a recent study suggests. But the number of mental health visits among people already receiving treatment increased after the attacks. The study is one of the few to look at long-term use of community mental health services within a population after a major catastrophic event, say Joseph A. Boscarino, Ph.D., M.P.H., and colleagues at the New York Academy of Medicine and Florida State University. Their findings appear in the journal General Hospital Psychiatry.

“Following the World Trade Center attacks, mental health service providers geared up to provide mental health services for thousands of New Yorkers potentially affected by this event,” Boscarino says. “This major increase in utilization, however, never really materialized.”

The investigators conducted telephone surveys with 2,368 English- and Spanish-speaking adults who lived in New York City at the time of the attacks to learn about their post-disaster mental health service and medication use. Two different surveys were used: one of a cross-section of city residents and the other of persons who reported receiving mental health treatment within a year after the attacks.

tratto da Center for the Advancement of Health - continua la lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto urgente (1554296627141)

Virginia, 17     Avrei urgentemente bisogno di aiuto, soffro d'ansia da qualche anno e, adesso che mi sono momentaneamente ritirata dalla scuol...

Collega con manie ossessive co…

Rebecca, 29     Buongiorno vorrei un consiglio su come rapportarmi con una collega arrivata in studio da pochi mesi con contratto a termine rin...

Confusione e stress (155330395…

Elena, 22     Buonasera, cercherò di spiegare al meglio la mia situazione. Ho 22 anni e sono fidanzata con R. da quasi 8 anni e ho una bambina ...

Area Professionale

Articolo 13 - il Codice Deonto…

Proseguiamo, con il commento all'art.13 (obbligo di referto o di denuncia), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

La nera depressione e il Confi…

Elementi prognostici ed esperienze traumatiche nel Test I.Co.S. Un caso clinico di depressione analizzato ed illustrato attraverso l'utilizzo del Test Indice de...

Articolo 12 - il Codice Deonto…

Prosegue, con l'art.12, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini. Articolo 12 L...

Le parole della Psicologia

Manipolazione

La manipolazione psicologica è un tipo di influenza sociale, finalizzata a cambiare la percezione o il comportamento degli altri, usando schemi e metodi subdoli...

Flooding

Indica una tecnica cognitivo-comportamentale che consiste nell'esposizione ripetuta del soggetto allo stimolo a valenza fobica, senza che vi sia per lui possibi...

Agnosia

L'agnosia (dal greco a-gnosis, "non conoscere") è un disturbo della percezione caratterizzato dal mancato riconoscimento di oggetti, persone, suoni, forme, odor...

News Letters

0
condivisioni