Pubblicità

NON PAGHI? E IO TI BOCCIO, È GUERRA SU CONTRIBUTI FAMIGLIE

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 587 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Il contributo sarebbe volontario, ma molte scuole, di fatto, lo impongono. Anche quest'anno ci sono istituti che tormentano i genitori che non versano il cosiddetto contributo volontario su cui ormai le scuole contano per poter mandare avanti la baracca ma che dovrebbe essere spontaneo. A rimettere il dito nella piaga e' Skuola.net con l'indagine 'Se non paghi ti boccio' che ha ricevuto numerose segnalazioni da parte degli studenti e genitori. Il sito ha ricevuto oltre cento segnalazioni.

Al Fazzini Mercanti di Napoli dalla segreteria, secondo quanto riporta Skuola.net, minacciano ripercussioni sul voto in condotta se non si paga il contributo scolastico. L'importo richiesto e' di 80 euro all'iscrizione e si ricorda che "la mancata presentazione" sara' "considerata un'infrazione disciplinare a tutti gli effetti, con ripercussioni sulla valutazione del comportamento e quindi, sulla media dei voti e sull'ammissione alla classe successiva". Tradotto in termini pratici, una minaccia che lascia intravedere alle famiglie ripercussioni sul voto dei figli e addirittura sulla promozione.

 

Tratto da: "direnews.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Podofobia

Una tra le paure meno conosciute sembra essere la podofobia ovvero la paura dei piedi. Il termine fobia (che in greco significa “paura” e “panico”)&n...

Misofonia

La misofonia, che letteralmente significa “odio per i suoni”,  è una forma di ridotta tolleranza al suono. Si ritiene possa essere un disturbo neurologico...

Ortoressia

L'ortoressia (dal greco orthos "corretto" e orexis "appetito") è una forma di attenzione abnorme alle regole alimentari, alla scelta del cibo e alle sue caratte...

News Letters

0
condivisioni