Pubblicità

Non tutti gli psicopatici sono violenti; un nuovo studio può spiegare perché alcuni hanno invece "successo".

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 307 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

La psicopatia è ampiamente riconosciuta come un fattore di rischio per comportamenti violenti, ma molti individui psicopatici si astengono da atti antisociali o criminali. Capire cosa porta questi "psicopatici" ad avere "successo" è stato finora un mistero.

Non tutti gli psicopatici sono violenti un nuovo studio può spiegare perché alcuni hanno invece successojpg

Un nuovo studio condotto dai ricercatori della Virginia Commonwealth University fa luce sui meccanismi alla base della formazione di questo fenotipo "di successo".
"Gli individui psicopatici sono molto inclini ad avere comportamenti antisociali, ma ciò che i nostri risultati suggeriscono è che alcuni potrebbero effettivamente essere in grado di inibire questi impulsi rispetto ad altri", ha dichiarato l'autore principale Emily Lasko, dottoranda presso il Dipartimento di Psicologia del College di scienze umanistiche."Anche se non sappiamo esattamente cosa scateni questo aumento nel controllo degli impulsi coscienti nel tempo, sappiamo che ciò si verifica negli individui ricchi di alcuni tratti di psicopatia che hanno avuto relativamente più" successo "dei loro pari."


Lo studio, "Cosa rende uno psicopatico di successo? Traiettorie longitudinali del comportamento antisociale dei criminali e controllo degli impulsi in funzione della psicopatia", sarà pubblicato in un prossimo numero della rivista Personality Disorders: Theory, Research and and Treatment.

Nel descrivere alcuni individui psicopatici come "di successo" rispetto a quelli "senza successo", i ricercatori si riferiscono a traiettorie o esiti della vita. Uno psicopatico "di successo", ad esempio, potrebbe essere un amministratore delegato o un avvocato ricco di tratti psicopatici, mentre uno psicopatico "senza successo" potrebbe avere quegli stessi tratti ma essere un detenuto.

Lo studio mette alla prova un modello di compensazione della psicopatia "di successo", che teorizza che gli individui psicopatici relativamente "di successo" sviluppano una maggiore coscienza dei tratti che servono a inibire i propri impulsi antisociali intensificati.

"Il modello di compensazione presuppone che le persone più elevate in alcuni tratti psicopatici (come la grandiosità e la manipolazione) siano in grado di compensare e superare, in una certa misura, i loro impulsi antisociali attraverso aumenti della coscienza del tratto, in particolare il controllo degli impulsi", ha detto Lasko.

Per testare questo modello, i ricercatori hanno studiato i dati raccolti su 1.354 autori di reati gravi minorenni che sono stati giudicati nei sistemi giudiziari in Arizona e Pennsylvania.

"Sebbene questi partecipanti non abbiano obiettivamente" successo ", questo è stato un campione ideale per testare le nostre ipotesi per due ragioni principali", scrivono i ricercatori.

"In primo luogo, gli adolescenti sono in una fase di sviluppo principale per il miglioramento del controllo degli impulsi. Consentendoci la variabilità longitudinale avremo bisogno di testare il nostro modello compensativo.
In secondo luogo, i delinquenti sono inclini ad atti antisociali, per definizione, e i loro tassi di recidiva hanno fornito un indice del mondo reale di fenotipi di psicopatia "di successo" rispetto a "non riusciti".

Pubblicità

Lo studio ha scoperto che livelli maggiori di psicopatia iniziale erano associati ad un aumento più elevato del controllo inibitorio generale e all'inibizione dell'aggressività nel tempo. Tale effetto è risultato amplificato tra i trasgressori "di successo" o quelli che hanno avuto minori livelli di recidiva.Le sue scoperte danno supporto al modello di compensazione della psicopatia "di successo", ha detto Lasko.

"Le nostre scoperte supportano un nuovo modello di psicopatia che proponiamo, che è in contraddizione con gli altri modelli esistenti di psicopatia in quanto si concentra più sui punti di forza o" surplus "associati alla psicopatia piuttosto che sui semplici deficit", ha detto. "La psicopatia non è un tratto di personalità semplicemente composto da deficit - ci sono molte forme che può assumere."
Lasko è ricercatore nel laboratorio di Psicologia Sociale e Neuroscienze della Virginia Commonwealth University, che cerca di capire perché le persone provino a farsi del male. David Chester, Ph.D., direttore del laboratorio e assistente professore di psicologia, è coautore dello studio.
I risultati dello studio potrebbero essere utili in contesti clinici e forensi, ha detto Lasko, in particolare per lo sviluppo di efficaci strategie di prevenzione e intervento precoce in quanto potrebbero aiutare a identificare i punti di forza che gli individui psicopatici possiedono in grado di scoraggiare il comportamento antisociale futuro.

Reference:

Emily N. Lasko, David S. Chester. What Makes a 'Successful' Psychopath? Longitudinal Trajectories of Offenders' Antisocial Behavior and Impulse Control as a Function of Psychopathy. Personality Disorders: Theory, Research, and Treatment (in press), 2020

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: psicologia successo psicopatia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problematiche relazionali [160…

m, 20 anni Salve, recentemente dei Miei amici mi hanno detto che dovrei vedere un terapeuta perché secondo loro ho dei problemi a capire come relazionarmi ...

Genitori che non ti accettano …

alice, 25 anni Buongiorno,scrivo perchè mi trovo in una situazione veramente difficile e ho bisogno di un consiglio. Dalla tarda adolescenza non sono mai a...

Attacco di panico [16046547539…

NoNickname1, 18 anni Sono in un periodo difficile. ...

Area Professionale

Il disturbo pedofilico

Secondo il DSM-5 i criteri per diagnosticare ciò che prende il nome di disturbo pedofilico sono definiti come esperienze ricorrenti di eccitazione sessuale inte...

La psicologia forense

La psicologia forense, come definita dall'American Psychological Association è l'applicazione delle specialità cliniche al campo legale. La professione dello p...

Depressione adolescenziale e t…

Secondo un'analisi della letteratura, tra gli approcci psicoterapeutici che mostrano una certa efficacia nella gestione e trattamento della depressione adolesce...

Le parole della Psicologia

Pediofobia

La pediofobia è definita come una paura persistente, incontrollata e ingiustificata nei confronti di bambole e burattini. Da sempre infatti le bambole sono usa...

Disturbo di conversione

Consiste nella perdita o nell’alterazione del funzionamento fisico, all’origine del quale vi sarebbe un conflitto o un bisogno psicologico I sintomi fisici non...

Autostima

L'autostima è il processo soggettivo e duraturo che porta il soggetto a valutare e apprezzare se stesso tramite l'autoapprovazione del proprio valore personale ...

News Letters

0
condivisioni