Pubblicità

Notti agitate? Brutti voti per gli studenti

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 202 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Notti agitate o addirittura in bianco regalano brutti voti a scuola a bambini e ragazzi.
A confermare quanto già sospettato da molti insegnanti è uno studio condotto da Howard Taras dellUniversita della California a San Diego, e pubblicato sul Journal of School Health. Da una revisione di 21 ricerche, l'esperto ha dedotto che i disturbi del sonno influiscono in modo negativo sulla performance scolastica, ma anche su varie abilità neurocognitive.

La buona notizia, però, e che alcune cause delle notti agitate sono reversibili. E, dopo un appropriato intervento, i poveri studenti insonni possono tornare a ottenere buoni voti. In molti casi, come ad esempio quando la causa èun problema di respirazione notturna, l'intervento del medico può non solo migliorare il sonno, ma anche i risultati scolastici, assicura Taras. Non solo, ma il sonno agitato dovrebbe essere considerato un potenziale alleato della cattiva resa scolastica di uno studente.

Tratto da Yahoo! - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Religione e psicologia (154766…

Luca, 28     Buona sera, premetto che il mio quesito non riguarda strettamente un malessere mentale, ma comunque un interrogativo esistenziale ch...

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Area Professionale

Un articolo alla volta - Comme…

Catello Parmentola ed Elena Leardini introducono il loro impegno con i visitatori di Psiconline.it a commentare, articolo dopo articolo, il Codice Deontologico ...

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Le parole della Psicologia

Nevrastenia

Termine introdotto dal medico statunitense Beard, nel 1884, per designare un quadro clinico, caratterizzato da stanchezza fisica e mentale, irritabilità, insonn...

Identificazione

L’identificazione è quel processo psicologico, attraverso il quale un individuo assume una o più caratteristiche di un altro soggetto, modificandosi parzialme...

Longininfismo

Carattere degli organi sessuali femminili determinato da un grande sviluppo delle piccole labbra (o ninfe), le quali protendono all’esterno delle grandi labbra ...

News Letters

0
condivisioni