Pubblicità

Nuotare in compagnia dei delfini può risollevare dalla depressione

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 203 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Un articolo del British Medical Journal riporta i dettagli di una sperimentazione sugli effetti che il contatto e la compagnia dei delfini possono avere su pazienti affetti da alcune forme di depressione. Sta infatti prendendo piede in psicoterapia l’impiego di terapie alternative, in particolar modo della cosiddetta "animal facilitated therapy". Si tratta di cicli d’interazione con animali, in un ambiente naturale, che sembrano avere diversi effetti positivi.

Sono studi che cercano conferme alla teoria della “biofilia” la quale sostiene che la salute umana e il benessere siano dipendenti dalla relazione dell’individuo con l’ambiente naturale. E i risultati sembrano darle ragione.
La ricerca in questione è stata condotta in Honduras, presso il Roatan Institute for Marine Science (Roatan, Bay Island, Honduras) nel periodo tra Luglio 2002 e Dicembre 2003, da alcuni ricercatori della Division of Clinical Psychiatry del Department of Health Science della University of Leicester Medical School (Leicester, Gran Bretagna) e ha coinvolto 30 volontari che riportavano sintomi di media e moderata depressione.

Tratto da Yahoo! - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Barbiturici

Con il termine Barbiturici si indica quella classe di farmaci anestetici, antiepilettici ed ipnotici, derivati dall’acido barbiturico (o malonilurea), che hanno...

Negativismo

Con il termine Negativismo si può indicare, in linea generale, un comportamento contrario o opposto, di tipo sia psichico che motorio. ...

Riserva cognitiva

Alla fine degli anni Ottanta viene riconosciuta e definita la capacità individuale di resistere al deterioramento cognitivo fisiologico o patologico. Possono e...

News Letters

0
condivisioni