Pubblicità

Nuove rivelazioni nel processo di generazione dei neuroni

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 201 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

I ricercatori della Sahlgrenska Academy dell' Universita' di Gothenburg, in collaborazione con il gruppo di ricercatori di Finlandia e Canada, hanno scoperto una nuova ed imprevista funzione della Nestina, meglio conosciuta come segnale di rete neuronale delle cellule.

 Neuroni

Nello sviluppo cerebrale, 3 principali tipi di cellule, specialmente neuroni, astrociti ed oligodentrociti, sono generati dalla rete neuronale di cellule. In alcune parti del cervello, come l'Ippocampo, la regione coinvolta nell'apprendimento e nella memoria, sono stati aggiunti nuovi neuroni al circuito neuronale esistente anche negli adulti quando si verifica una grave restrizione della differenziazione neuronale.

Utilizzando dei topi mancanti di Nestina, una proteina che fa parte del citoscheletro conosciuta come filamenti intermedi o nanofilamenti, il team di ricerca, guidato dal  Prof. Milos Pekny  ha dimostrato che la Nestina aveva negli astrociti un importante ruolo nell'inibizione delle differenziazioni neuronali. Collegavano questa funzione regolatoria della Nestina al segnale Notch dagli astrociti alle vicine reti neuronali. Sorprendemente, la Nestina non controlla la generazione dei neuroni attraverso l'azione con la rete neuronale delle callule, ma indirettamente con la regolazione dei segnali Notch inibitori della neurogenesi che la rete neuronale riceve dagli astrciti, costituenti importanti delle nicchia neurogenica.

 

Pubblicità

 

La generazione e l'integrazione funzionale di nuovi neuroni dell' Ippocampo di mammiferi adulti, possono portare alla riorganizzazione di circuiti neuronali, innascando due effetti opposti: una miglior formazione di nuove memorie e una perdita più marcata di ricordi acquisiti in precedenza. Quindi, i topi adulti carenti di Nestina hanno sia un aumento del numero di nuovi neurni nell' Ippocampo e sia un' alterata memoria a lungo termine.

Filamenti intermedi di proteine o nanofilamenti come sono solitamente chiamati, sono importanti proteine dello stress che in molti tipi di cellule agiscono  come centri di comando delle crisi, nei momenti di stress cellulare ed emergono come target interessanti in molti disturbi, come spiegato da  Milos Pekny. Sono inoltre collegati al controllo della differenziazione cellulare e questa regolazione nel cervello o nel midollo spinale potrebbe essere un nuovo approccio per migliorare la plasticità neuronale e per la rigenerazione delle risposte in alcune situazioni come infarto, trauma neurologico e disturbi neurodegenarativi.

"Il nostro studio si aggiunge alla lista di quelli che riguardano le importanti funzioni degli astrociti nel Sistema Nervoso Centrale, cellule che abbiamo osservato essere come una sorta di sistema che controlla molti processi salutari e molti disturbi cerebrali" ha spiegato Ulrika Wilhelmsson.

 

 

Tratto da Science Daily

 

 

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Giulia Inglese)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: adulti neuroni rete neurale news di psicologia proteina nestina

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Allucinazioni

Con il termine allucinazioni si fa riferimento alla percezione di qualcosa che non esiste, ma che tuttavia viene ritenuta reale. Le allucinazioni si presenta...

Imago

Termine, introdotto da Jung, che designa il prototipo inconscio elaborato a partire dalle prime relazioni intersoggettive, reali o fantasmatiche, con cui il sog...

Disturbo di conversione

Consiste nella perdita o nell’alterazione del funzionamento fisico, all’origine del quale vi sarebbe un conflitto o un bisogno psicologico I sintomi fisici non...

News Letters

0
condivisioni