Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Nuove strategie per il disturbo di attacco di panico

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 304 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
PSICONLINE® NEWS n.82 - 21.10.2001

I disturbi di attacco di panico rappresentano oggi una delle più diffuse patologie psichiche ed in costante aumento; esso colpisce circa il 3% della popolazione degli Stati Uniti ed interessa soggetti di entrambi i sessi soprattutto di età giovanile con manifestazioni di intense somatizzazioni su base ansioso-depressiva.. La patologia da attacco di panico (dap) è considerata impegnativa e complessa dai terapeuti a causa della intensa e spesso multiforme sintomatologia di somatizzazione ad essa associata e delle ripetute recidive che possono costellare il percorso terapeutico, che solitamente consiste in una psicoterapia ad indirizzo cognitivo-comportamentale affiancata ad un trattamento farmacologico con ansiolitici o antidepressivi.
Alcuni ricercatori della Washington University School of Medicine hanno recentemente concluso uno studio sull'argomento confrontando diversi approcci terapeutici tradizionali al disturbo di attacco di panico e proponendo un nuovo approccio, caratterizzato essenzialmente da un maggiore coinvolgimento dei pazienti alla terapia stessa.
I partecipanti allo studio, un campione di circa 100 pazienti con diagnosi clinica di dap è stato suddiviso in due sottogruppi - di cui il primo ha ricevuto un trattamento di tipo tradizionale con colloqui psicoterapeutici e trattamento farmacologico di supporto, ed il secondo un approccio denominato dai ricercatori stessi "collaborativo" - e seguiti dall'equipe dei ricercatori per un periodo di circa un anno.
In questo secondo tipo di trattamento viene infatti richiesto un coinvolgimento maggiore al paziente e gli vengono forniti strumenti per una comprensione maggiore delle proprie difficoltà psicologiche per mezzo di videotapes e dispense illustrative; sono inoltre possibili contatti telefonici ripetuti, soprattutto nei primi mesi di trattamento, tra terapeuti (anche più di uno) e paziente.
I risultati ottenuti al termine della ricerca hanno mostrato un miglioramento sensibilmente maggiore, in termini di remissione della sintomatologia e delle somatizzazioni presenti all'inizio della cura, nel caso dei soggetti del secondo gruppo che hanno seguito il trattamento "collaborativo" rispetto al gruppo dei pazienti con trattamento tradizionale.

(tratto da:"Better Care for Panic Disorder"- Ivanhoe Broadcast News - Oct, 2001)

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Totale disinteresse sessuale (…

Tabata, 41     Ho sempre avuto un rapporto ludico con il sesso. ...

Non starò autosabotando la mia…

Luna313, 31     Salve, fra qualche mese compirò 32 anni e ciò mi atterrisce, mi crea un'ansia indicibile. ...

Signorina (1527419268970)

Laura, 20     Salve, ho un problema di coppia e di famiglia. Ho conosciuto un ragazzo 5 mesi fa e sento di essermene innamorata. ...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Bigoressia

Il termine trova la sua etimologia nell'inglese "big = grande” e nel latino "orex=appetito”, ad indicare la "fame di grossezza” Per bigoressia, vigoressia o an...

Volontà

In psicologia, il concetto di volontà viene concepito, a seconda della scuola di riferimento, come: • Una funzione autonoma, non riconducibile ad altri process...

Anoressia Nervosa

L'anoressia nervosa è un disturbo alimentare, caratterizzato da una consistente perdita di peso, disturbi dell'immagine corporea, timore di ingrassare e amenorr...

News Letters

0
condivisioni