Pubblicità

Nuove strategie per il disturbo di attacco di panico

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 335 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
PSICONLINE® NEWS n.82 - 21.10.2001

I disturbi di attacco di panico rappresentano oggi una delle più diffuse patologie psichiche ed in costante aumento; esso colpisce circa il 3% della popolazione degli Stati Uniti ed interessa soggetti di entrambi i sessi soprattutto di età giovanile con manifestazioni di intense somatizzazioni su base ansioso-depressiva.. La patologia da attacco di panico (dap) è considerata impegnativa e complessa dai terapeuti a causa della intensa e spesso multiforme sintomatologia di somatizzazione ad essa associata e delle ripetute recidive che possono costellare il percorso terapeutico, che solitamente consiste in una psicoterapia ad indirizzo cognitivo-comportamentale affiancata ad un trattamento farmacologico con ansiolitici o antidepressivi.
Alcuni ricercatori della Washington University School of Medicine hanno recentemente concluso uno studio sull'argomento confrontando diversi approcci terapeutici tradizionali al disturbo di attacco di panico e proponendo un nuovo approccio, caratterizzato essenzialmente da un maggiore coinvolgimento dei pazienti alla terapia stessa.
I partecipanti allo studio, un campione di circa 100 pazienti con diagnosi clinica di dap è stato suddiviso in due sottogruppi - di cui il primo ha ricevuto un trattamento di tipo tradizionale con colloqui psicoterapeutici e trattamento farmacologico di supporto, ed il secondo un approccio denominato dai ricercatori stessi "collaborativo" - e seguiti dall'equipe dei ricercatori per un periodo di circa un anno.
In questo secondo tipo di trattamento viene infatti richiesto un coinvolgimento maggiore al paziente e gli vengono forniti strumenti per una comprensione maggiore delle proprie difficoltà psicologiche per mezzo di videotapes e dispense illustrative; sono inoltre possibili contatti telefonici ripetuti, soprattutto nei primi mesi di trattamento, tra terapeuti (anche più di uno) e paziente.
I risultati ottenuti al termine della ricerca hanno mostrato un miglioramento sensibilmente maggiore, in termini di remissione della sintomatologia e delle somatizzazioni presenti all'inizio della cura, nel caso dei soggetti del secondo gruppo che hanno seguito il trattamento "collaborativo" rispetto al gruppo dei pazienti con trattamento tradizionale.

(tratto da:"Better Care for Panic Disorder"- Ivanhoe Broadcast News - Oct, 2001)

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Nevrastenia

Termine introdotto dal medico statunitense Beard, nel 1884, per designare un quadro clinico, caratterizzato da stanchezza fisica e mentale, irritabilità, insonn...

Catarsi

Catarsi è un termine greco che deriva da kathàiro, "io pulisco, purifico", quindi significa “purificazione, liberazione, espiazione, redenzione”. Per i pitagor...

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La ...

News Letters

0
condivisioni