Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Nuovi fattori di rischio per i disturbi d'ansia

on . Postato in News di psicologia

Sono state recentemente scoperte diverse varianti di un gene che aumentano il rischio di sviluppare disturbi d’ansia. Un gruppo di ricercatori si pone l’obiettivo di sviluppare delle terapie individualizzate a partire dai risultati di questo studio.

nuovi fattori di rischio dei disturbi d ansiaI fattori psicologici, sociali ed ereditari svolgono tutti un ruolo nei disturbi d’ansia. Nella rivista Molecular Psychiatry, un gruppo di ricerca dell’Università di Würzburg (JMU) in Baviera, Germania, ha descritto il meccanismo genetico alla base dello sviluppo di tali disturbi. Sono state individuate almeno quattro varianti del gene GLRB (recettore B della glicina) come fattori di rischio per i disturbi d’ansia e di panico. Hanno partecipato a questo studio più di 5000 volontari e 500 pazienti affetti da disturbo da attacchi di panico.

In Germania, i disturbi d’ansia e di panico affliggono circa il 15% della popolazione adulta. Alcuni individui   possono sperimentare una paura estrema di ragni o altri oggetti, mentre altri hanno difficoltà di respirazione e battito cardiaco accelerato in ambienti piccoli o molto affollati. In alcuni casi, gli attacchi d'ansia si verificano senza una causa apparente e possono avere un impatto negativo sulla vita quotidiana dei pazienti, che spesso hanno problemi lavorativi e si ritirano dai contatti sociali.

Ma come si sviluppano e si evolvono i disturbi d’ansia?

Gli scienziati da Münster, Amburgo e Würzburg hanno tentato di rispondere a queste domande nell'ambito del Collaborative Research Center (CRC) e si sono posti l’obiettivo di sviluppare nuove terapie da adattare singoli pazienti. I disturbi d’ansia possono essere trattati con farmaci e la terapia comportamentale, per esempio.

La ricerca ha portato all’individuazione di diverse varianti del gene GLRB associate ai disturbi d’ansia.

Il gene era già conosciuto in precedenza ai ricercatori, anche se in relazione a una diversa patologia: una sua mutazione, come spiega il professor Deckert, membro del CRC e Direttore del Dipartimento di Psichiatria presso l'Ospedale JMU University, è responsabile di una malattia neurologica chiamata Iperekplesia, che si manifesta con una marcata ipertonia e una risposta riflessa esagerata. Come accade per i pazienti affetti da disturbi d’ansia, anche questi pazienti sviluppano comportamenti volti ad evitare situazioni potenzialmente minacciose.
Le varianti del gene GRLB associate ai disturbi d’ansia e panico sono diverse da quelle sopracitate, poiché si verificano con una frequenza maggiore e presentano conseguenze meno gravi. Ma anche queste innescano risposte esagerate e portano all’attivazione del “circuito della paura” nel cervello.

I risultati di questo studio hanno evidenziato un nuovo meccanismo alla base dello sviluppo dei disturbi d’ansia, ma sono necessarie ulteriori indagini per valutare come questi risultati possano contribuire all’individuazione di terapie nuove ed individualizzate. Ad esempio, sarebbe possibile riportare ad una condizione normale il “circuito della paura”, alterato dal gene GLRB, attraverso la somministrazione di farmaci.

 

Tratto da: sciencedaily

 

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Rubina Auricchio)

 

 


Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psicologi italiani

 

logo psychostore


 

 

 

Tags: ansia geni,

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto (148935473591)

azzurra, 17               Salve, sono una ragazza di 17 anni che sta vivendo una situazione familiare pessima, dici...

Troppo dolore (14888251032)

Mia, 45           Tutta la mia vita è una continua lotta per me, e adesso sono davvero, davvero, stanca. Partendo dal la...

Come capire cosa si ha e da ch…

Jep gambardella, 28     Salve, Ringrazio anticipatamente tutti i professionisti che mi risponderanno. Cercherò di essere breve ma pi&ugra...

Area Professionale

Il perdono nella pratica clini…

Secondo recenti ricerche il perdono e la capacità di perdonare possono essere correlati alla propria struttura di personalità, al processo di matu...

L' odio come paura dell’altro …

Gli atti di odio sono tentativi di distrarre sè stessi da sentimenti come la solitudine, l'impotenza, l'ingiustizia, l'inadeguateza e la vergogna. L'odio...

Inaugurazione Servizio Psicolo…

La Fondazione dell’Ordine degli Psicologi dell’Abruzzo – ONLUS, in seguito al sisma che ha colpito il Centro Italia nell’ Agosto 2016, h...

Le parole della Psicologia

La sindrome di Alice nel Paese…

Disturbo neurologico  che colpisce la percezione visiva, associato a  emicrania, crisi epilettiche o sostanze stupefacenti. La sindrome di Alice nel ...

Negativismo

Con il termine Negativismo si può indicare, in linea generale, un comportamento contrario o opposto, di tipo sia psichico che motorio. ...

Abulia

Dal greco a-bule (non – volontà) indica uno stato soggettivo di mancanza o perdita della volontà. Si riferisce sia a un disturbo dell&rsquo...

News Letters