Pubblicità

Nuovi modi di trattare la depressione negli adolescenti

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1106 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Circa un adolescente su 20 soffre di depressione e circa il 50% è a rischio di ammalarsi nuovamente. questo aumenta la probabilità di relazioni difficoltose, insuccesso scolastico e scarse prospettive occupazionali. E’ importante che i trattamenti abbiano un effetto duraturo per ridurre il rischio di recidive.

nuovi modi di trattare la depressione in adolescenza

La terapia cognitivo - comportamentale (CBT) è l’unico trattamento approvato dal National Institute for Health and Care Excellence (NICE) per la depressione negli adolescenti. Purtroppo, vi è una carenza di terapeuti CBT nel Regno Unito. Questo significa che molti giovani con depressione sono posti su una lista di attesa e ciò aumenta il rischio di peggioramento della salute mentale con alti tassi di suicidio e autolesionismo.

Nasce, dunque, l’esigenza di nuovi approcci terapeutici che abbiano la stessa efficacia per l'adolescente affetto da depressione.

Lo studio “Migliora il tuo umore con le terapie psicoanalitiche e cognitive” (IMPACT) prende in considerazione tre trattamenti: la terapia cognitivo-comportamentale (CBT), la psicoterapia psicoanalitica breve (STPP) e l’intervento psico-sociale breve (BPI).

In questo studio, La CBT è stato usata come un trattamento di 20 sessioni incentrate sulla correzione del pensiero negativo su di sé, il mondo e il futuro, insieme al tentativo di migliorare il tono dell’umore basso a causa dei pensieri negativi.Il STPP è un trattamento psicoanalitico di 28 sessioni che mirano a migliorare la capacità di regolare l'umore e rendere e mantenere relazioni positive. Il BPI, al contrario, è un intervento che consta di 12 sessioni con lo scopo di fornire informazioni sulla depressione, una consulenza sui problemi immediati e il supporto nel prendere decisioni sulla scuola famiglia e gli amici.

Evidenze iniziali hanno suggerito che la CBT funziona maggiormente con gli adolescenti, rispetto alla STPP, che è maggiormente indicata per gli adulti. Il BPI sembra essere meno efficace a causa del minor numero di sessioni utilizzate.

E’ stato condotto uno studio su 465 adolescenti con una diagnosi di depressione per valutare l’efficacia della STPP e scoprire se queste terapie mostrino effetti duraturi a un anno dalla fine del trattamento. I risultati dimostrano che i 2/3 degli adolescenti depressi trattati con le tre tipologie di terapia (CBT, STPP, BPI) hanno ottenuto migliori risultati. I miglioramenti si riferiscono in particolare alla riduzione dei sintomi depressivi di circa il 50% . I costi complessivi del trattamento e del successivo utilizzo dei servizi sanitari e sociali dopo la fine del trattamento non erano diversi nelle tre terapie.

Per concludere, i risultati dello studio sono importanti perché permetterebbero di offrire trattamenti alternativi agli adolescenti depressi, dal momento che presentano la stessa efficacia e gli stessi costi.

Il passo successivo si basa sull’individuazione di trattamenti da adattare alle esigenze dei singoli pazienti, poiché si ipotizza vi siano importanti differenze individuali nel determinare quali terapie si adattino maggiormente ad ogni tipo di persona depressa.

 

 

Tratto da: psypost

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Rubina Auricchio)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: depressione adolescenti

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Claustrofobia

La claustrofobia (dal latino claustrum, luogo chiuso, e phobia, dal greco, paura) è la paura di luoghi chiusi e ristretti come camerini, ascensori, sotterranei...

Lo stereotipo

Il termine stereotipo deriva dalle parole greche "stereos" (duro, solido) e "typos" (impronta, immagine, gruppo), quindi "immagine rigida". Si tratta di...

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

News Letters

0
condivisioni