Pubblicità

Nuovi strumenti per anticipare la diagnosi di Alzheimer

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 408 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Un prelievo sanguigno e la misurazione dei livelli di 10 fosfolipidi possono individuare con una precisione del 90 per cento se una persona cognitivamente normale svilupperà i sintomi di demenza, tipici della malattia di Alzheimer, nei due o tre anni successivi. È quanto viene annunciato in un nuovo articolo apparso sulla rivista “Nature Medicine” a firma di Mark Mapstone, dell'Università di Rochester, nello stato di New York, e colleghi di altri istituti e università statunitensi. Il risultato è un importante passo in avanti per arrivare a una diagnosi precoce di questa grave patologia degenerativa del sistema nervoso.
La malattia di Alzheimer colpisce attualmente 35 milioni di persone in tutto il mondo, ma con l'invecchiamento della popolazione ci si aspetta che diventino 115 milioni nel 2050.

 

Tratto da www.lescienze.it - Prosegui nella lettura dell'articolo

lunettes de soleil ray ban , cheap ray bans , nike air max 90 pas cher , nike air max one pas cher , longchamp pas cher
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto urgente (1554296627141)

Virginia, 17     Avrei urgentemente bisogno di aiuto, soffro d'ansia da qualche anno e, adesso che mi sono momentaneamente ritirata dalla scuol...

Collega con manie ossessive co…

Rebecca, 29     Buongiorno vorrei un consiglio su come rapportarmi con una collega arrivata in studio da pochi mesi con contratto a termine rin...

Confusione e stress (155330395…

Elena, 22     Buonasera, cercherò di spiegare al meglio la mia situazione. Ho 22 anni e sono fidanzata con R. da quasi 8 anni e ho una bambina ...

Area Professionale

Articolo 13 - il Codice Deonto…

Proseguiamo, con il commento all'art.13 (obbligo di referto o di denuncia), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

La nera depressione e il Confi…

Elementi prognostici ed esperienze traumatiche nel Test I.Co.S. Un caso clinico di depressione analizzato ed illustrato attraverso l'utilizzo del Test Indice de...

Articolo 12 - il Codice Deonto…

Prosegue, con l'art.12, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini. Articolo 12 L...

Le parole della Psicologia

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

Folie à deux

La folie à deux è un disturbo psicotico condiviso, ossia una “follia simultanea in due persone”.  Essa è una psicosi reattiva che insorge in modo simultane...

Acrofobia

L'acrofobia è definita come una paura dell'altezza. A differenza di una fobia specifica come l'aerofobia, ossia la paura di volare, l'acrofobia può generare uno...

News Letters

0
condivisioni