Pubblicità

Nuovi trattamenti per la dislessia

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 356 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Milioni di bambini dislessici potrebbero beneficiare di un nuovo trattamento terapeutico simile ad un esercizio sviluppato nell’ambito delle ricerche della Nasa, l’ente spaziale statunitense. Le prove effettuate su bambini con gradi severi di dislessia hanno dato risultati incoraggianti; in sei mesi di trattamento infatti il livello delle abilità di letto-scrittura sono migliorate di oltre il 40% in più rispetto alle altre modalità di intervento solitamente utilizzate in questo tipo di disturbi.

Gli specifici esercizi del nuovo programma di trattamento sono stati messi a punto dal Centro per la dislessia, disprassia e disturbi dell’attenzione di Warwickshire, in Inghilterra e sono basati su un modello di intervento attualmente utilizzato per trattare i casi di dislessia temporanea che possono verificarsi tra gli astronauti in missione spaziale a causa della alterazione delle condizioni esterne cui l’organismo è sottoposto. I test includono prove di diverso tipo, dalle più facili come per esempio il compito di riconoscere oggetti tenuti in mano fuori del contatto visivo, a quelli più impegnativi, come nel caso di esercizi integrati i cui vengono valutate contemporaneamente più abilità (per esempio, prove di memoria compiute in posizioni corporee che richiedono uno sforzo di concentrazione ed equilibrio, etc…).

“Da stime recenti – dice il prof.David Reynolds, docente presso la Exeter University e referente per il programma per la dislessia presso il Governo - si valuta che circa il 15% dei bambini di tutto il mondo presentino problemi collegati alla dislessia, per cui è necessario approntare nuovi interventi che servano per diagnosticare precocemente ed affrontare in maniera più efficace questo disturbo..”.

(tratto da:” Dyslexia Treatment Offers New Hope” – S.C. Morn. Post – Jan.2002)

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Sindrome di Munchausen

S'intende un disturbo psichiatrico in cui le persone colpite fingono la malattia od un trauma psicologico per attirare attenzione e simpatia verso di sé. A vol...

Rêverie

“Rêverie sta a designare lo stato mentale aperto alla ricezione di tutti gli ‘oggetti’ provenienti dall’oggetto amato, quello stato cioè di recepire le identifi...

Agrafia

Il termine Agrafia deriva dal greco a-grapho (non-scrivo), indica la perdita parziale (paragrafia) o totale della capacità di scrivere, che insieme a quella d...

News Letters

0
condivisioni