Pubblicità

Nuovi trattamenti per la dislessia

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 411 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Milioni di bambini dislessici potrebbero beneficiare di un nuovo trattamento terapeutico simile ad un esercizio sviluppato nell’ambito delle ricerche della Nasa, l’ente spaziale statunitense. Le prove effettuate su bambini con gradi severi di dislessia hanno dato risultati incoraggianti; in sei mesi di trattamento infatti il livello delle abilità di letto-scrittura sono migliorate di oltre il 40% in più rispetto alle altre modalità di intervento solitamente utilizzate in questo tipo di disturbi.

Gli specifici esercizi del nuovo programma di trattamento sono stati messi a punto dal Centro per la dislessia, disprassia e disturbi dell’attenzione di Warwickshire, in Inghilterra e sono basati su un modello di intervento attualmente utilizzato per trattare i casi di dislessia temporanea che possono verificarsi tra gli astronauti in missione spaziale a causa della alterazione delle condizioni esterne cui l’organismo è sottoposto. I test includono prove di diverso tipo, dalle più facili come per esempio il compito di riconoscere oggetti tenuti in mano fuori del contatto visivo, a quelli più impegnativi, come nel caso di esercizi integrati i cui vengono valutate contemporaneamente più abilità (per esempio, prove di memoria compiute in posizioni corporee che richiedono uno sforzo di concentrazione ed equilibrio, etc…).

“Da stime recenti – dice il prof.David Reynolds, docente presso la Exeter University e referente per il programma per la dislessia presso il Governo - si valuta che circa il 15% dei bambini di tutto il mondo presentino problemi collegati alla dislessia, per cui è necessario approntare nuovi interventi che servano per diagnosticare precocemente ed affrontare in maniera più efficace questo disturbo..”.

(tratto da:” Dyslexia Treatment Offers New Hope” – S.C. Morn. Post – Jan.2002)

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (156328344573…

la vita è un caos, 17 Salve, siamo due sorelle di 17 anni e sono ormai 4 anni che nostra madre ha divorziato con nostro padre e dopo poco tempo ha conosciuto...

Non riesco ad andare da uno ps…

Sshx, 18 Circa 6 anni fa ho cominciato a presentare dei sintomi che, nel corso del tempo, si sono aggravati progressivamente e che adesso non mi permettono d...

Perdita improvvisa di un genit…

lorena, 26 Salve, innanzitutto ringrazio per questa preziosa opportunità. Scrivo questo messaggio per conto del mio fidanzato, lo stesso ha infatti perso il ...

Area Professionale

La rilevazione del trauma al T…

Il Test del Villaggio e la sua costruzione possono idealmente inscriversi in una spirale aurea sulla quale vengono declinate le diverse fasi di vita, dalla nasc...

Articolo 25 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.25 (uso degli strumenti di diagnosi e di valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Lear...

Articolo 24 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.24 (Consenso Informato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

Le parole della Psicologia

Affetto

L'affetto (dal latino "adfectus", da "adficere", cioè "ad" e "facere", che significano "fare qualcosa per") è un sentimento di particolare intensità, che lega u...

Anancasmo

Con i termine “anancasmo”, dal greco ἀναγκασμός ossia "costrizione, violenza", ci si riferisce al sintomo delle nevrosi ossessive o compulsive, consistente nell...

Acrofobia

L'acrofobia è definita come una paura dell'altezza. A differenza di una fobia specifica come l'aerofobia, ossia la paura di volare, l'acrofobia può generare uno...

News Letters

0
condivisioni