Pubblicità

Nuovo attore chiave nella memoria a lungo termine

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 337 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Memoria a lungo termine controllata dalla sintesi proteica nelle cellule inibitorie

 Nuovo attore chiave nella memoria a lungo termine

Un team di ricerca multiistituzionale guidato da McGill ha scoperto che durante il consolidamento della memoria, ci sono almeno due processi distinti che avvengono in due diverse reti cerebrali: le reti eccitatorie e inibitorie.

I neuroni eccitatori sono coinvolti nella creazione di una traccia di memoria, mentre i neuroni inibitori bloccano il rumore di fondo e consentono l'apprendimento a lungo termine.

Il team, guidato dai professori della McGill University Nahum Sonenberg e Arkady Khoutorsky, dal professor Jean-Claude Lacaille dell'Université de Montréal e dal professor Kobi Rosenblum dell'Università di Haifa, autori senior del documento pubblicato oggi su Nature, ha anche scoperto che ogni sistema neuronale può essere selettivamente manipolato per controllare la memoria a lungo termine.

La ricerca, che risponde a una domanda di lunga data su quali sottotipi neuronali sono coinvolti nel consolidamento della memoria, ha potenziali implicazioni nell'individuazione di nuovi bersagli per farmaci per disturbi come il morbo di Alzheimer e l'autismo, che coinvolgono processi di memoria alterati.

Alla ricerca dei neuroni coinvolti nel consolidamento della memoria

Come si trasformano i ricordi a breve termine (che durano solo poche ore) in ricordi a lungo termine (che possono durare anni)?

È noto da decenni che questo processo, chiamato consolidamento della memoria, richiede la sintesi di nuove proteine ​​nelle cellule cerebrali. Ma fino ad ora non si sapeva quali sottotipi di neuroni fossero coinvolti nel processo.

Per identificare quali reti neuronali sono essenziali nel consolidamento della memoria, i ricercatori hanno utilizzato topi transgenici per manipolare un particolare percorso molecolare, eIF2α, in tipi specifici di neuroni.

Questo percorso aveva già dimostrato di svolgere un ruolo chiave nel controllo della formazione di memorie a lungo termine e nella regolazione della sintesi proteica nei neuroni.

Inoltre, ricerche precedenti avevano identificato eIF2α come cardine sia per le malattie del neurosviluppo che per quelle neurodegenerative.

Pubblicità

I sistemi eccitatori e inibitori svolgono entrambi un ruolo nel consolidamento della memoria

"Abbiamo scoperto che la stimolazione della sintesi proteica tramite eIF2α nei neuroni eccitatori dell'ippocampo era sufficiente per migliorare la formazione della memoria e la modifica delle sinapsi, nei siti di comunicazione tra i neuroni", afferma il dott. Kobi Rosenblum.

Tuttavia, è interessante notare che "abbiamo anche scoperto che la stimolazione della sintesi proteica tramite eIF2α in una classe specifica di neuroni inibitori, gli interneuroni della somatostatina, era anche sufficiente per aumentare la memoria a lungo termine regolando la plasticità delle connessioni neuronali", afferma il dott. Jean-Claude Lacaille.

"È affascinante poter dimostrare che questi nuovi giocatori - i neuroni inibitori - hanno un ruolo importante nel consolidamento della memoria", ha aggiunto la dottoressa Vijendra Sharma, ricercatrice associata nel laboratorio del Prof. Sonenberg e primo autore dell'articolo. "Fino ad ora era stato ipotizzato che il percorso eIF2α regolasse la memoria tramite i neuroni eccitatori".

"Queste nuove scoperte identificano la sintesi proteica nei neuroni inibitori, e in particolare nelle cellule della somatostatina, come un nuovo bersaglio per possibili interventi terapeutici in disturbi come il morbo di Alzheimer e l'autismo", ha concluso il dottor Nahum Sonenberg. "Ci auguriamo che questo aiuterà nella progettazione di trattamenti sia preventivi che post-diagnosi per coloro che soffrono di disturbi che coinvolgono deficit di memoria".

 

Reference:

  • Vijendra Sharma, Rapita Sood, Abdessattar Khlaifia, Mohammad Javad Eslamizade, Tzu-Yu Hung, Danning Lou, Azam Asgarihafshejani, Maya Lalzar, Stephen J. Kiniry, Matthew P. Stokes, Noah Cohen, Alissa J. Nelson, Kathryn Abell, Anthony P. Possemato, Shunit Gal-Ben-Ari, Vinh T. Truong, Peng Wang, Adonis Yiannakas, Fatemeh Saffarzadeh, A. Claudio Cuello, Karim Nader, Randal J. Kaufman, Mauro Costa-Mattioli, Pavel V. Baranov, Albert Quintana, Elisenda Sanz, Arkady Khoutorsky, Jean-Claude Lacaille, Kobi Rosenblum, Nahum Sonenberg. eIF2α controls memory consolidation via excitatory and somatostatin neurons. Nature, 2020; DOI: 10.1038/s41586-020-2805-8

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come si ritrova l'amore di viv…

polppols, 18 anni Ciao, ho 18 anni e non so bene come iniziare a scrivere questa richiesta. Non mi sono mai aperta con qualcuno liberamente e sinceramente ...

Problematiche relazionali [160…

m, 20 anni Salve, recentemente dei Miei amici mi hanno detto che dovrei vedere un terapeuta perché secondo loro ho dei problemi a capire come relazionarmi ...

Genitori che non ti accettano …

alice, 25 anni Buongiorno,scrivo perchè mi trovo in una situazione veramente difficile e ho bisogno di un consiglio. Dalla tarda adolescenza non sono mai a...

Area Professionale

Il disturbo pedofilico

Secondo il DSM-5 i criteri per diagnosticare ciò che prende il nome di disturbo pedofilico sono definiti come esperienze ricorrenti di eccitazione sessuale inte...

La psicologia forense

La psicologia forense, come definita dall'American Psychological Association è l'applicazione delle specialità cliniche al campo legale. La professione dello p...

Depressione adolescenziale e t…

Secondo un'analisi della letteratura, tra gli approcci psicoterapeutici che mostrano una certa efficacia nella gestione e trattamento della depressione adolesce...

Le parole della Psicologia

Archetipo

“La nostra psiche è costituita in armonia con la struttura dell'universo, e ciò che accade nel macrocosmo accade egualmente negli infinitesimi e più soggettivi ...

Algofilia

L’algofilia (dal greco ἄλγος "dolore" e ϕιλία "propensione") è la tendenza paradossale e patologica a ricercare il piacere in sensazioni fisiche dolorose. ...

Folie à deux

La folie à deux è un disturbo psicotico condiviso, ossia una “follia simultanea in due persone”.  Essa è una psicosi reattiva che insorge in modo simultane...

News Letters

0
condivisioni