Pubblicità

Obesità. Due studi statunitensi ne svelano i segreti

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 282 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Nonostante sempre più persone nel mondo risultino obese, con le conseguenti complicazioni che questa condizione comporta come diabete o malattie cardiocircolatorie, ben poco sanno i ricercatori su cosa succede nel nostro organismo quando siamo in eccessivo sovrappeso. In particolare, fino ad oggi era sconosciuto l’effetto che l’obesità ha sul cervello, sui processi che regolano la fame, o il bilanciamento tra calorie assunte e quelle smaltite.

 

 

 

Proprio a cavallo tra le feste di Natale e Capodanno – giorni in cui il cibo ci tenta e il peso corporeo ci preoccupa – ecco arrivare due studi dagli Stati Uniti, che parlano proprio di cosa succede ai neuroni delle persone quando queste diventano obese. Le ricerche sono state entrambe pubblicate su Journal of Clinical Investigation.
Il primo studio, condotto dagli scienziati dell’Università di Washington a Seattle, ha scoperto che la condizione patologica di eccesso di grasso corporeo comporta un danno ai neuroni dell’ipotalamo. Questa area del cervello, tra le altre funzioni, è quella predisposta proprio a regolare il peso.

 

 

Tratto da: "quotidianosanita.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Soffro di depressione (1546116…

jessica, 22     Ciao mi chiamo Jessica e ho 22 anni, è la prima volta che mi rivolgo a qualcuno. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Satiriasi

La satiriasi è un termine usato in passato nella storia della medicina, indicante l'aumento in modo morboso dell'istinto sessuale nel maschio umano Il termine ...

Acting out

Il termine Acting out , letteralmente “passaggio all’atto”, indica l’insieme di azioni aggressive e impulsive utilizzate dall’individuo per esprimere vissuti co...

Acrofobia

L'acrofobia è definita come una paura dell'altezza. A differenza di una fobia specifica come l'aerofobia, ossia la paura di volare, l'acrofobia può generare uno...

News Letters

0
condivisioni