Pubblicità

Object Recognition Improves When Other Objects Appear in the Same Orientation

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 365 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
A rose by any other name may smell just as sweet, but tilt it at an unexpected angle and it may still be easy to smell, just not recognize. That is, unless you saw another object — even an unrelated one — presented at the same angle. Researchers Markus Graf, Daniel Kaping, and H. H. Bulthoff of the Max Planck Institute for Biological Cybernetics in Germany found that despite the misorientation that occurs when objects are at an unusual angle, we are able to reorient ourselves to the new angle and are able to recognize another object at the same unusual angle more easily than the first.

"[O]bject recognition is achieved by performing coordinate transformations that compensate for spatial transformations," they conclude. It's easier for us to see and recognize familiar objects which are presented at their known orientation. When these objects are presented at an unexpected angle, it becomes more difficult to process them.

The findings are presented in the article, "Orientation Congruency Effects for Familiar Objects," in the March 2005 issue of Psychological Science , a journal of the American Psychological Society.

tratto da APS - prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Coppia e Famiglia (15604028132…

damiano, 46 Ho una dipendenza affettiva verso una donna della mia eta'. ...

Oscillazioni (1558793295819)

Tatiana, 21 E' difficile dire a che campo appartiene il mio problema, penso sia un insieme di causa: sta di fatto che per semplificare posso affermare che ho...

Sto male

Francis, 35 Ho bisogno di parlare con uno psicologo che mi aiuti ad affrontare una separazione difficile..è una situazione molto delicata e ho anche un bam...

Area Professionale

Articolo 21 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.21 (insegnamento strumenti e tecniche psicologiche), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardi...

Articolo 20 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.20 (didattica e deontologia), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Articolo 19 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.19 (selezione e valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Le parole della Psicologia

Binge Eating Disorder

Non si conosce ancora la causa esatta del BED (binge Eating Disorder), anche perché è una patologia da poco individuata e studiata come categoria a sé stante (s...

Paura

La paura è quell’emozione primaria di difesa, consistente in un senso di insicurezza, di smarrimento e di ansia, di fronte ad un pericolo reale o immaginario, o...

Fobie

Nel DSM-IV la fobia specifica è definita come la "paura marcata e persistente, eccessiva o irragionevole, provocata dalla presenza o dall'attesa di un oggetto o...

News Letters

0
condivisioni