Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Odiato mal di testa, da oggi ti scaccio via

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 219 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
È crudele, fa soffrire, colpisce non solo per la sua intensità, ma anche per l’imprevedibilità e la ripetitività degli attacchi. Stiamo parlando dell’emicrania, di quei 7 milioni di italiani - la stragrande maggior parte sono donne - che ne soffrono in forma ciclica. Eppure solo un paziente su dieci viene trattato adeguatamente. Solo uno su sei si rivolge allo specialista, mentre gli altri pensano che non ci siano trattamenti che lo possano aiutare. L’emicrania è così diventata, a torto, una malattia sottostimata e fortemente sotto-trattata. Eppure i rimedi farmacologici esistono. Quanto alla prevenzione, gli esperti dicono attenzione a stress, alle posizioni che sollecitano la muscolatura cervicale, agli alcolici, all’alimentazione.

«Sull’emicrania resiste ancora il pregiudizio che si tratti di una malattia secondaria – spiega il professor Giorgio Zanchin, direttore del Centro Cefalee dell’Università di Padova - in quanto generalmente non mortale e caratterizzata da dolore soggettivo. La realtà è ben diversa e lo vediamo ogni giorno nei nostri centri». Infatti, oltre al forte dolore fisico, alla nausea e al vomito che costringono il malato a letto anche per giorni, «un aspetto invalidante e fortemente ansiogeno della malattia è l’imprevedibilità dell’attacco: il paziente ha l’ansia di non avere mai la certezza di poter far fronte a un compito assunto come una riunione di lavoro o una semplice cena con amici con forti ripercussioni sulla qualità di vita dei malati e dei loro familiari anche al di fuori dell’attacco».

Ma è possibile prevenire la malattia? «Le persone a rischio - sottolinea l’esperto - devono fare attenzione ai fattori ambientali in modo da identificare quelli che scatenano le crisi e cercare di eliminarli: lo stress, particolari posizioni che sollecitano la muscolatura cervicale, gli alcolici, l’alimentazione. Alcuni cibi favoriscono la sua insorgenza come i formaggi stagionati, gli agrumi, gli insaccati e il glutammato sodico, un insaporitore.

E quando sopravviene l’attacco, come comportarsi? «Vi sono farmaci efficaci e specifici come i triptani, - conclude il professor Zanchin - in grado di restituire alle proprie attività abituali 3 pazienti su 4, interrompendo completamente l’attacco o alleviandolo in misura cospicua. Il nostro impegno deve quindi essere rivolto ad incoraggiare l’uscita da un atteggiamento di rinuncia, dal ritornello del dover convivere col mal di testa, informando i pazienti che l’emicrania può essere oggi curata in maniera efficace».

(tratto da La StampaWeb - 30.12.2002)

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Non so più chi sono... (152760…

BETH, 21     Innanzitutto salve... a chi sta leggendo. ...

Ho paura di non trovare mai il…

Kikhi, 26     Salve... ho paura di non trovare mai il mio posto. ...

Infedeltà (1528369634858)

Lap84, 34     Sono sposata con mio marito da 5 anni, e nell'ultimo periodo è nato in me il dubbio che possa essermi infedele... ...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

La vecchiaia

Il passaggio dalla mid-life alla vecchiaia è al giorno d’oggi più sfumato e graduale che nel passato, a causa dell’aumento della durata media della vita, del pr...

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

Identificazione

L’identificazione è quel processo psicologico, attraverso il quale un individuo assume una o più caratteristiche di un altro soggetto, modificandosi parzialme...

News Letters

0
condivisioni