Pubblicità

One-third of foster kids returned to their family are abused again

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 459 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

One in three children who have been reunified with their families after being placed in foster care will be maltreated again, according to a study into Quebec’s youth protection system by Marie-Andrée Poirier and Sonia Hélie of the University of Montreal’s School of Social Services. The study, the first of its kind in the world, was undertaken in the wake of a new law intended to improve the family stability of youth receiving child protection services.
The researchers, who are also affiliated with the Centre jeunesse de Montréal-Institut universitaire, looked at data collated in 2008 and 2009 by the province’s 16 youth protection centres to identify why children were re-entering the system after having already been placed in a foster family, returned to their biological family, and had their case closed. In all, Poirier and Hélie were looking at what happened in the lives of 4,120 minors, between the ages of 0 and 17, during the five years following the closing of their initial episode of services.
The study found that 33% percent of these children subsequently required further assistance from youth protection services, and the researchers found that two factors were particularly influential as to whether or not a child would fall into this category. Firstly, age. “Children aged three to five were most at risk of being abused or neglected again. This is due to their vulnerability and the constant care that they need,” Poirier said. The number of attempts that have been to reunite the child with his or her biological family is the second factor, at least amongst the youngest participants in the study. “It’s not instability with regards to the foster families with whom the child has been that plays a role, but rather the back-and-forth between the biological family and other settings. We believe that young children are more sensitive to the outcomes of failures to reunite the biological family and that this has an effect on their sense of attachment.”

 

Tratto da psypost.org Prosegui nella lettura dell'articolo

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Religione e psicologia (154766…

Luca, 28     Buona sera, premetto che il mio quesito non riguarda strettamente un malessere mentale, ma comunque un interrogativo esistenziale ch...

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Area Professionale

Un articolo alla volta - Comme…

Catello Parmentola ed Elena Leardini introducono il loro impegno con i visitatori di Psiconline.it a commentare, articolo dopo articolo, il Codice Deontologico ...

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Le parole della Psicologia

Ortoressia

L'ortoressia (dal greco orthos "corretto" e orexis "appetito") è una forma di attenzione abnorme alle regole alimentari, alla scelta del cibo e alle sue caratte...

La Sindrome di Stendhal

Patologia  psicosomatica, caratterizzata  da un senso di malessere diffuso provato di fronte alla visione di opere d’arte di straordinaria bellezza. ...

Longininfismo

Carattere degli organi sessuali femminili determinato da un grande sviluppo delle piccole labbra (o ninfe), le quali protendono all’esterno delle grandi labbra ...

News Letters

0
condivisioni