Pubblicità

One-third of foster kids returned to their family are abused again

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 433 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

One in three children who have been reunified with their families after being placed in foster care will be maltreated again, according to a study into Quebec’s youth protection system by Marie-Andrée Poirier and Sonia Hélie of the University of Montreal’s School of Social Services. The study, the first of its kind in the world, was undertaken in the wake of a new law intended to improve the family stability of youth receiving child protection services.
The researchers, who are also affiliated with the Centre jeunesse de Montréal-Institut universitaire, looked at data collated in 2008 and 2009 by the province’s 16 youth protection centres to identify why children were re-entering the system after having already been placed in a foster family, returned to their biological family, and had their case closed. In all, Poirier and Hélie were looking at what happened in the lives of 4,120 minors, between the ages of 0 and 17, during the five years following the closing of their initial episode of services.
The study found that 33% percent of these children subsequently required further assistance from youth protection services, and the researchers found that two factors were particularly influential as to whether or not a child would fall into this category. Firstly, age. “Children aged three to five were most at risk of being abused or neglected again. This is due to their vulnerability and the constant care that they need,” Poirier said. The number of attempts that have been to reunite the child with his or her biological family is the second factor, at least amongst the youngest participants in the study. “It’s not instability with regards to the foster families with whom the child has been that plays a role, but rather the back-and-forth between the biological family and other settings. We believe that young children are more sensitive to the outcomes of failures to reunite the biological family and that this has an effect on their sense of attachment.”

 

Tratto da psypost.org Prosegui nella lettura dell'articolo

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

I ricordi flashbulb

Le flashbulb memories (FBM o ricordi flashbulb) sono state definite per la prima volta da Brown e Kulik nel 1977 come ricordi fotografici vividi, dettagliati e ...

Suicidio

Per suicidio (dal latino suicidium, sui occido, uccisione di se stessi) si intende l'atto con il quale un individuo si procura volontariamente e consapevolmente...

Nevrastenia

Termine introdotto dal medico statunitense Beard, nel 1884, per designare un quadro clinico, caratterizzato da stanchezza fisica e mentale, irritabilità, insonn...

News Letters

0
condivisioni