Pubblicità

Ottimizzare il supporto scolastico per i bambini con ADHD

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 371 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Una nuova ricerca offre una guida più chiara su come poter aiutare al meglio i bambini con ADHD (Disturbo da deficit di attenzione e iperattività) per alleviare i sintomi e massimizzare i propri risultati scolastici.

adhd

Lo studio dell’University of Exeter includendo ricerche dell’EPPI – CENTRE (University Collage London), intraprende una visione sistematica che analizza le ricerche disponibili a supporto dei bambini con ADHD nelle scuole. Pubblicata nella rivista Review of Education è la scoperta inerente gli interventi che includono un supporto individuale e un focus su una miglior autoregolazione dei risultati scolastici. Circa il 5% dei bambini presentano ADHD, ciò significa che molte classi avranno almeno un bambino con questa condizione. Hanno delle difficoltà a rimanere seduti, a focalizzare la propria attenzione e a controllare gli impulsi, in maniera maggiore rispetto agli altri bambini della stessa età.

Le scuole possono essere un particolare ambiente di sfida per questi bambini; le difficoltà dei bambini nel dover rispettare il proprio turno o star al proprio posto influenzano sia compagni e sia insegnanti. Le ricerche mostrano che il trattamento farmacologico è efficace, ma non funziona per tutti i bambini e non è ben accetto da alcune famiglie.
La ricerca è stata finanziata dal National Institute for Health Research Cllaboration for Leadership in Applies Health Research and Care (CLAHRC) South West Peninsula.

Il team ha randomizzato 28 prove di controllo su misure non farmacologiche a supporto dei bambini con ADHD nelle scuole. In una meta analisi, hanno osservato differenti componenti delle misure portate a termine per valutare in cosa lo studio fosse efficace. Il team ha scoperto che un importante aspetto degli interventi di successo per accrescere i risultati scolastici dei bambini era quando questi si focalizzavano sull’autoregolazione e quando questi erano eseguiti in sessioni individuali. L’autoregolazione è difficile per bambini che sono molto impulsivi e hanno difficoltà nell’attenzione selettiva. I bambini hanno bisogno di imparare a riconoscere come si sentono dentro, a notare reazioni impulsive e ad evitarle se possibile, a fermarsi a pensare prima di agire.

Pubblicità

Questo è più difficile per i bambini con ADHD rispetto ad altri, ma queste sono abilità che possono essere acquisite e imparate. Il team ha anche trovato alcune promettenti evidenze caratterizzate da cartoncini giornalieri di resoconto. I bambini inseriscono giornalmente degli obiettivi che sono monitorati attraverso questi cartoncini che il bambino porta con se tra casa e scuola e tra le lezioni in classe. Le ricompense sono state date per gli obiettivi raggiunti. Il numero di studi in questo argomento era più basso e le nostre ricerche non sempre concordano. Ma il cartoncino giornaliero di resoconto è uno strumento conveniente e facile da utilizzare.

Tamsin Ford, professore di neuropsichiatria infantile all’University of Exeter Medical School, afferma “i bambini con ADHD sono di certo tutti unici gli uni dagli altri. E’ una questione complessa e non vi è un approccio uguale per tutti. Tuttavia, la nostra ricerca da’ una dimostrazione più forte del fatto che interventi non farmacologici nelle scuole possono aiutare il bambino ad ottenere le proprie qualità potenziali in termini scolastici e in altri risultati. Maggiori ricerche di miglior qualità sono necessarie ma nel frattempo le scuole devono cercare di produrre cartoncini giornalieri di resoconto e di incrementare l’abilità dei bambini nel regolare le proprie emozioni. Questi approcci possono servire al meglio individualmente per i bambini con ADHD.

 

Tratto da ScienceDaily

 

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Giulia Inglese)

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: ADHD supporto news di psicologia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Depressione?[ 1596294882797 ]

Nick, 21 anni In pratica soffro da 1 anno di solitudine però sono riuscito sempre a reprimerela e con essa reprimo anche le mie emozioni, però adesso con i...

Aiuto compagno [1596550507819]

Manugia68, 51 anni  Buongiorno, grazie per l'attenzione. Vorrei chiedervi gentilmente che cosa in termini di comportamento dovrei provare a fare per ...

Single a 44 anni [159637738178…

Giuseppe, 44anni Gent.mi dottori buongiorno, vi scrivo per chiedervi un'opinione sulla mia storia di vita. Prometto che non sarò prolisso. ...

Area Professionale

Come lavorare con chi ha avuto…

Capita a psicologi e psicoterapeuti di lavorare con clienti che provengono da precedenti relazioni terapeutiche e in questo breve articolo cerchiamo di foc...

La resilienza e i concreti ind…

Gregory E. Miller e i suoi collaboratori in un nuovo studio di neuroimaging pubblicato sulla rivista PNAS hanno ipotizzato che la connettività della rete esecut...

Nelle sedute di psicoterapia l…

Una ricerca, pubblicata su “The American Journal of Psychotherapy”, sostiene l'ipotesi che l'umorismo all'interno delle sedute di psicoterapia possa contribuire...

Le parole della Psicologia

Pedofilia

  Con il termine pedofilia si intende un disturbo della sessualità di tipo parafilico, caratterizzato da intensi e ricorrenti impulsi o fantasie sessuali ...

Androfobia

L’androfobia rientra nella grande categoria delle fobie e viene definita come paura degli uomini. Nelle femmine questa paura tende a determinare un’avversione p...

Sentimento

Il sentimento è quella risonanza affettiva, meno intensa della passione e più duratura dell’emozione, con cui il soggetto vive i suoi stati soggettivi e gli asp...

News Letters

0
condivisioni