Pubblicità

"Overshopping", l'ultima droga

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 349 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

La signora che ha acquistato ben quattro paia di scarpe Prada tutte uguali per poi gettarle nell’immondizia, lo studente di enologia che è arrivato a spendere anche 800 euro in poche ore con la carta di credito di papà per acquisti inutili, il ragazzo che ha collezionato fino a quattrocento jeans, tutti della stessa marca, per poi lasciarli con l’etichetta nell’armadio senza mai indossarli o, ancora, la casalinga che ha comprato cinque abiti invece di pagare le bollette. Sono i "new addicted", schiavi degli acquisti e drogati dallo shopping, ossessionati dalle vetrine e imbrigliati nella rete degli acquisti on line.

Tutti vittime delle "dipendenze comportamentali" che a Bologna e provincia colpiscono tra il 3% e il 5% della popolazione. E’ un quadro preoccupante quello dipinto dal professor Cesare Guerreschi, presidente della Siipac, la Società italiana interventi sulle patologie compulsive. "Quello dello shopping compulsivo è una malattia che, insieme alle altre nuove dipendenze, quali Internet, telefonino e sesso, sconosciute solo fino a poco tempo fa e ora identificate come vere e proprie "patologie compulsive", è in aumento". Le persone colpite da queste nuove dipendenze mostrano veri e propri sintomi di astinenza in mancanza del loro oggetto del desiderio: mal di testa, nausea, vertigini, vomito.

Tratto da "lastefani.it"- prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Superare una violenza subita (…

Cima, 23     Quasi due anni fa sono stata violentata da un ragazzo che conosco. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Demenza Semantica

Con la locuzione demenza semantica o SD (dall'inglese semantic dementia) si fa riferimento ad un particolare tipo di demenza frontotemporale il cui esordio è ca...

Abulia

Dal greco a-bule (non – volontà) indica uno stato soggettivo di mancanza o perdita della volontà. Si riferisce sia a un disturbo dell’attività intenzionale, pe...

Nevrastenia

Termine introdotto dal medico statunitense Beard, nel 1884, per designare un quadro clinico, caratterizzato da stanchezza fisica e mentale, irritabilità, insonn...

News Letters

0
condivisioni