Pubblicità

Parkinson: dieta ricca di flavonidi protegge i neuroni

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 510 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Gli uomini che mangiano cibi ricchi di flavonoidi, come bacche, te', mele e vino rosso hanno meno probabilita' di sviluppare il morbo di Parkinson. Almeno questo e' quanto emerso in uno studio della Harvard University and della University of East Anglia, pubblicato sulla rivista Neurology. Recenti studi hanno gia' dimostrato che questi composti possono offrire protezione contro una vasta gamma di malattie, come cardiopatie, ipertensione e alcuni tipi di cancro e demenza.

Quest'ultimo studio e' pero' il primo ad aver dimostrato che i flavonoidi proteggono neuroni degli esseri umani da malattie come il Parkinson. Per arrivare a queste conclusioni i ricercatori hanno coinvolto nello studio 130mila uomini e donne. Piu' di 800 avevano sviluppato il Parkinson entro 20 anni dal follow-up. Dopo un'analisi dettagliata delle diete e in generale dello stile di vita, gli studiosi hanno scoperto che i partecipanti di sesso maschile che mangiavano il maggior numero di cibi ricchi di flavonoidi avevano circa il 40 per cento in meno di probabilita' di ammalarsi di Parkinson.

 

Tratto da: "agi.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Depressione?[ 1596294882797 ]

Nick, 21 anni In pratica soffro da 1 anno di solitudine però sono riuscito sempre a reprimerela e con essa reprimo anche le mie emozioni, però adesso con i...

Aiuto compagno [1596550507819]

Manugia68, 51 anni  Buongiorno, grazie per l'attenzione. Vorrei chiedervi gentilmente che cosa in termini di comportamento dovrei provare a fare per ...

Single a 44 anni [159637738178…

Giuseppe, 44anni Gent.mi dottori buongiorno, vi scrivo per chiedervi un'opinione sulla mia storia di vita. Prometto che non sarò prolisso. ...

Area Professionale

Come lavorare con chi ha avuto…

Capita a psicologi e psicoterapeuti di lavorare con clienti che provengono da precedenti relazioni terapeutiche e in questo breve articolo cerchiamo di foc...

La resilienza e i concreti ind…

Gregory E. Miller e i suoi collaboratori in un nuovo studio di neuroimaging pubblicato sulla rivista PNAS hanno ipotizzato che la connettività della rete esecut...

Nelle sedute di psicoterapia l…

Una ricerca, pubblicata su “The American Journal of Psychotherapy”, sostiene l'ipotesi che l'umorismo all'interno delle sedute di psicoterapia possa contribuire...

Le parole della Psicologia

Sindrome di De Clerambault

La Sindrome di De Clerambault in psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona pro...

Podofobia

Una tra le paure meno conosciute sembra essere la podofobia ovvero la paura dei piedi. Il termine fobia (che in greco significa “paura” e “panico”)&n...

Agorafobia

Il termine agorafobia viene dal greco e letteralmente significa: "paura degli spazi aperti”. Le persone che ne soffrono temono perciò lo spazio esterno, vissuto...

News Letters

0
condivisioni