Pubblicità

Patologie cardiache e declino cognitivo

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 413 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Le operazioni chirurgiche del sistema cardiaco, che rappresentano un evento con forte impatto emotivo ed elevato potere stressogeno per i soggetti che vi si sottopongono, possono influire negativamente anche sulla sfera intellettiva intervenendo quale fattore favorente il declino cognitivo. Questa è la conclusione di alcuni recenti studi, focalizzati su un ampio campione di persone che hanno effettuato operazioni chirurgiche con installazione di bypass, da parte di un team di ricerca della North Carolina University condotto dal prof. Julian Keith, docente di psicologia.

“Sono stati rilevati significativi incrementi di difficoltà nella memoria a breve termine e nei compiti che richiedono attenzione e concentrazione – dice il prof. Keith – per cui il rischio di un certo declino cognitivo sembra effettivamente presente in una larga percentuale di questi soggetti, anche se non sono stati compiuti studi sulla lunga distanza per verificare l’eventuale sviluppo nel tempo di tale declino… I disturbi cardiovascolari presentano elementi in comune con altri processi patologici gravi che conducono alla demenza senile ed alla malattia di Alzheimer; i fattori negativi in comune sembrano essere quelli relativi alle difficoltà nella circolazione sanguigna ed alla irrorazione delle cellule cerebrali, per cui infarti ed altri accidenti a livello cardiaco possono provocare alterazioni dell’afflusso sanguigno in alcune zone del cervello con conseguente danno delle principali funzioni ad esse collegate.

Tratto da:” Heart Surgery May Cause Cognitive Decline - HealthScout – Jul.02

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come si ritrova l'amore di viv…

polppols, 18 anni Ciao, ho 18 anni e non so bene come iniziare a scrivere questa richiesta. Non mi sono mai aperta con qualcuno liberamente e sinceramente ...

Problematiche relazionali [160…

m, 20 anni Salve, recentemente dei Miei amici mi hanno detto che dovrei vedere un terapeuta perché secondo loro ho dei problemi a capire come relazionarmi ...

Genitori che non ti accettano …

alice, 25 anni Buongiorno,scrivo perchè mi trovo in una situazione veramente difficile e ho bisogno di un consiglio. Dalla tarda adolescenza non sono mai a...

Area Professionale

Il disturbo pedofilico

Secondo il DSM-5 i criteri per diagnosticare ciò che prende il nome di disturbo pedofilico sono definiti come esperienze ricorrenti di eccitazione sessuale inte...

La psicologia forense

La psicologia forense, come definita dall'American Psychological Association è l'applicazione delle specialità cliniche al campo legale. La professione dello p...

Depressione adolescenziale e t…

Secondo un'analisi della letteratura, tra gli approcci psicoterapeutici che mostrano una certa efficacia nella gestione e trattamento della depressione adolesce...

Le parole della Psicologia

Ipnosi

Particolare stato psichico, attraverso il quale è possibile accedere alla dimensione inconscia ed emotiva dell’individuo, concedendo al singolo l'apertura della...

Imago

Termine, introdotto da Jung, che designa il prototipo inconscio elaborato a partire dalle prime relazioni intersoggettive, reali o fantasmatiche, con cui il sog...

Sindrome dell’arto fantasma

Il dolore della Sindrome dell'arto fantasma origina da una lesione diretta o indiretta del Sistema Nervoso Centrale o Periferico che ha come conseguenza un...

News Letters

0
condivisioni