Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Pazienti schizofrenici e disturbi uditivi

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 791 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

I deficit dell'udito nella schizofrenia sono legati a uno specifico recettore del cervello.

pazienti schizofrenici e disturbi uditivi schizofrenia

Le persone con schizofrenia che hanno difficoltà a distinguere sottoli cambiamenti di tono con l'udito possono essere aiutate con esercizi di addestramento uditivo e con un farmaco che ha come bersaglio i recettori NMDA nel cervello, secondo i ricercatori.

L'incapacità di ascoltare sottili cambiamenti di intonazione, è un problema comune e debilitante per le persone affette da schizofrenia, esso è dovuto alla disfunzione dei recettori cerebrali del N-metil-D-aspartato (NMDA), secondo uno studio condotto dalla Columbia University Medical Center (CUMC).

Lo studio mostra anche che la questione uditiva può essere migliorata mediante la combinazione di esercizi di allenamento uditivi con un farmaco che ha come bersaglio i recettori del NMDA.

I risultati sono stati pubblicati online sulla rivista Brain. "Lievi variazioni nel nostro tono di voce sono un modo importante di comunicare emozioni, come la felicità o la tristezza," ha detto l'autore Joshua T. Kantrowitz, MD, assistente professore di psichiatria clinica alla CUMC.

"Questa incapacità di rilevare i sottili cambiamenti nell’intonazione può anche rendere difficile capire le parole durante la lettura; oltre il 70 % dei pazienti hanno problemi di dislessia e di un aggravarsi dei problemi di comunicazione in situazioni sociali e di lavoro. Ma mentre gli psichiatri hanno raccomandato farmaci per il controllo dei sintomi, questi trattamenti non hanno affrontato i deficit uditivi sottostanti. "

Il Dr. Kantrowitz ed i suoi colleghi hanno confrontato la plasticità uditiva (la capacità di imparare da compiti di udito) in 40 pazienti con schizofrenia e 42 pazienti sani.

Ogni soggetto ha ascoltato una serie di coppie di tono a cui gli è stato chiesto di indicare quale tono era più alto.
Sulla base di prestazioni di un soggetto, la difficoltà del compito è stato cambiata per la coppia di toni. Quando i soggetti identificavano correttamente il tono più alto, la differenza di intonazione nelle successive coppie di toni è diminuita; quando i soggetti non sono riusciti a identificare il tono più alto, i toni sono stati spostati più lontano.

"Le persone con normale plasticità uditiva di solito riescono meglio a discriminare tra i due toni durante la progressione del test, che riflette la capacità di imparare", ha detto il dottor Kantrowitz. "Questo accade nei pazienti sani del nostro studio."

Pubblicità

All'inizio, c'era una differenza del 50 % nel campo dei toni (ad esempio, 1000 Hz e 1500 Hz). In media, i pazienti sani sono stati in grado di discernere tra i toni con una differenza di tono di appena del 3 %.Al contrario, i pazienti che non migliorano tanto, rilevano una differenza in media del 16 %.

Le registrazioni EEG, realizzate mentre i soggetti hanno eseguito esercizi cerebrali uditivi, hanno rivelato che i pazienti schizofrenici avevano una minore attività delle onde cerebrali rispetto ai pazienti sani.
Secondo Lower le attività delle onde cerebrali sono associate ad un alterato funzionamento uditivo della corteccia sensoriale e ad una ridotta risposta alle esercitazioni.

Il Dr. Kantrowitz e i suoi colleghi sospettano che l'incapacità dei pazienti di schizofrenia di migliorare è causata da una disfunzione nei recettori NMDA, che sono fondamentali per l'apprendimento e la memoria.
Se fosse vero, migliorando l'attività del NMDA potrebbe migliorare la loro capacità di discriminare le varie intonazioni.

Per verificare questa ipotesi, ad alcuni pazienti con schizofrenia nello studio è stato somministrata la D-serina, un aminoacido che attiva i recettori NMDA, una volta alla settimana per un massimo di tre settimane, mentre altri hanno ricevuto un placebo.

I pazienti sono migliorati in modo significativo e la loro individuazione dei toni è aumentata con la formazione uditiva, ma solo quando la D-serina è stata presa per due settimane consecutive.

Nessun miglioramento è stato osservato nei pazienti che hanno preso D-serina una sola volta o in coloro che hanno preso un placebo.
"Resta da vedere se la D-serina o un altro farmaco di attivazione del NMDA è più adatto per questo scopo", ha detto il dottor Kantrowitz. "Quello che è importante è che ora sappiamo che le persone affette da schizofrenia possono migliorare la loro individuazione dei toni acustici con una combinazione di esercizi di addestramento uditivo e dosi ripetute di un farmaco che migliora gli effetti del recettore NMDA."

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

Tags: udito, recettori, NMDA, cambiamenti di intonazione, addestramento,

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Blesità

Per blesità si intende il difetto di pronuncia provocato da una situazione anomala degli organi della fonazione o dalla loro alterata motilità, con conseguente sostituzione , deformazione o...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Resilienza

Quando parliamo di resilienza ci riferiamo alla quella capacità di far fronte in modo positivo a degli eventi traumatici riorganizzando positivamente la ...

Aprassia

L'aprassia (dal greco "a" prefisso di negazione e "praxía", cioe' fare, quindi incapacità di fare) è un deficit primitivo dell’attivi...

Disturbo Schizotipico di Perso…

L'individuo con Disturbo Schizotipico di Personalità presenta tratti di stranezza, eccentricità, così come un marcato e persistente isolamento sociale. Il dist...

News Letters

0
condivisioni