Pubblicità

Pensieri suicidari negli adolescenti transgender

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1290 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Nuove evidenze empiriche suggeriscono che i servizi di salute mentale per gli adolescenti necessitano di attuare piani di prevenzione atti a proteggere gli studenti transgender da pensieri suicidari.

transgender e pensieri suicidari

I risultati di un nuovo studio hanno messo in evidenza come il 35% dei giovani transgender (il doppio rispetto ai giovani che non lo sono), in California, abbiano avuto pensieri suicidari nel corso dell’anno passato.

Gli esperti hanno sottolineato come negli ultimi anni i giovani e gli adulti transgender abbiano ricevuto un’attenzione pubblica senza precedenti.

Inoltre negli Stati Uniti, a seguito di dibattiti pubblici che hanno posto i riflettori su questioni inerenti i bagni, i servizi armati e altre questioni inerenti la tutela giuridica, la preoccupazione per la discriminazione e la salute mentale dei transgender è andata via via crescendo.

Oltre ai molti dibattiti fatti in quest’ambito, esiste anche una piccola ricerca che ha indagato la qualità della vita delle persone transgender e che ha permesso di documentare con precisione la salute e il benessere di questi soggetti.

Il presente studio è stato il primo a utilizzare dati statali rappresentativi, provenienti dagli Stati Uniti, allo scopo di documentare il rischio significativamente più elevato degli studenti transgender, provenienti dalla California, di avere pensieri suicidari, rispetto al resto della popolazione

I risultati sono stati ottenuti grazie alla partecipazione ad un sondaggio, il California Healthy Kids Survey (CHKS) di oltre 910.000 studenti delle scuole superiori e un sottogruppo di quasi 36.000 adolescenti rappresentativi degli studenti californiani.

All’incirca il 35% dei giovani transgender in California ha riportato pensieri suicidari l’anno precedente, rispetto al 19% dei giovani non transgender.

Pubblicità

Amaya Perez-Brumer, autore principale di questo studio, ha dichiarato che è fondamentale che gli studi inerenti la salute mentale degli adolescenti includano ricerche sull’identità di genere e sull’orientamento sessuale, in modo tale da riuscire a comprendere maggiormente e creare dei programmi in grado di rispondere alle esigenze di tutti i giovani degli Stati Uniti. 

Dallo studio sono emersi anche tassi di depressione e vittimizzazione più elevati nei transgender rispetto a coloro che non lo sono e questo spiega in parte anche il maggior rischio per i giovani transgender di avere pensieri suicidari.

Secondo il co-autore Stephen Russel, come tutti gli studenti, anche i giovani transgender devono essere sicuri e sostenuti a scuola. Egli, inoltre, riferendosi ai risultati, ritiene che riducendo la depressione e la vittimizzazione nei transgender, dovrebbe ridursi in maniera significativa anche il rischio relativo al suicidio.

Dunque, da quanto emerso è chiara la necessità di attuare interventi atti ad affrontare le problematiche legate alla discriminazione (depressione e vittimizzazione), così come sono necessari ulteriori studi per comprendere la relazione fra fattori di rischio psico-sociali (es. ansia, abuso di sostanze) e pensieri suicidari.

Gli autori dello studio sottolineano, comunque, che la ricerca da loro condotta è solo un punto di partenza, dal momento che i dati ottenuti potrebbero anche sottovalutare l’entità della disparità dell’identità di genere nei pensieri suicidari. Ciò perché il campione esaminato nello studio era limitato agli studenti che attualmente frequentano la scuola in California, senza considerare coloro che sono stati espulsi o che hanno abbandonato precocemente la scuola, i quali potrebbero anch’essi essere maggiormente vulnerabili al rischio di suicidio.

 

Tratto da PsychCentral

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Claudia Olivieri)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

Tags: news di psicologia pensieri suicidari; transgender;

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Relazione di coppia patologica…

Matilde, 39     Salve, da qualche anno convivo con un uomo che giunti al secondo anno si è trasformato. Inizialmente ero un po' più fredda io for...

Complesso di inferiorità (1548…

Maria, 24     Sono una ragazza di 24 anni neolaureata, mi sono trasferita a Milano per un master dove attualmente convivo con il mio fidanzato, a...

Tradimento e sofferenza (15486…

Eva, 39     Dopo 12 anni di matrimonio totalizzante e meraviglioso, ho improvvisamente tradito mio marito, una cosa che non avrei mai e poi mai c...

Area Professionale

Articolo 4 - il Codice Deontol…

Articolo 4 Nell’esercizio della professione, lo psicologo rispetta la dignità, il diritto alla riservatezza, all’autodeterminazione ed all’autonomia di coloro ...

Che cos’è il Test del Villaggi…

Il test del Villaggio è un reattivo psicodiagnostico che può essere somministrato ai bambini, agli adolescenti, agli adulti, alle coppie, alla coppia genitore-b...

Articolo 3 - il Codice Deontol…

Articolo 3 Lo psicologo considera suo dovere accrescere le conoscenze sul comportamento umano ed utilizzarle per promuovere il benessere psicologico dell’indiv...

Le parole della Psicologia

Allucinazioni

Con il termine allucinazioni si fa riferimento alla percezione di qualcosa che non esiste, ma che tuttavia viene ritenuta reale. Le allucinazioni si presenta...

Musofobia

Il termine musofobia, che deriva del greco μῦς (mys) che significa "topo", è la paura persistente ed ingiustificata per i topi, più in generale per i roditori. ...

Fobie

Nel DSM-IV la fobia specifica è definita come la "paura marcata e persistente, eccessiva o irragionevole, provocata dalla presenza o dall'attesa di un oggetto o...

News Letters

0
condivisioni