Pubblicità

Pensiero negativo ripetitivo legato al rischio di demenza

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 491 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Impegnarsi CONTINUAMENTE in schemi di pensiero negativo può aumentare il rischio di malattia di Alzheimer.

Pensiero negativo ripetitivo legato al rischio di demenzajpg

 Nello studio su persone di età superiore ai 55 anni, pubblicato su Alzheimer e demenza, i ricercatori hanno scoperto che il "pensiero negativo ripetitivo" (RNT) è collegato al successivo declino cognitivo e alla deposizione di proteine ​​cerebrali dannose legate all'Alzheimer".

I ricercatori sostengono che la RNT dovrebbe ora essere ulteriormente studiata come un potenziale fattore di rischio per la demenza e che gli strumenti psicologici, come la consapevolezza o la meditazione, dovrebbero essere studiati per vedere se questi possono ridurre il rischio di demenza.

L'autrice principale, la dott.ssa Natalie Marchant (UCL Psychiatry) ha dichiarato: "La depressione e l'ansia nella mezza età e nella vecchiaia sono già noti per essere fattori di rischio per la demenza. Qui, abbiamo scoperto che alcuni modelli di pensiero implicati nella depressione e nell'ansia potrebbero essere una ragione di fondo perché le persone con questi disturbi hanno maggiori probabilità di sviluppare demenza".

"Accanto ad altri studi, che collegano la depressione e l'ansia con il rischio di demenza, prevediamo che i modelli cronici di pensiero negativo per un lungo periodo di tempo potrebbero aumentare il rischio di demenza".

"Speriamo che i nostri risultati possano essere utilizzati per sviluppare strategie per ridurre il rischio di demenza delle persone aiutandole a ridurre i loro schemi di pensiero negativo".

Per lo studio sostenuto dall'Alzheimer's Society, il team di ricerca della UCL, INSERM e McGill University ha studiato 292 persone di età superiore ai 55 anni che facevano parte dello studio di coorte PREVENT-AD e altre 68 persone della coorte IMAP +.

Per un periodo di due anni, i partecipanti allo studio hanno risposto alle domande su come in genere pensano alle esperienze negative, concentrandosi su modelli RNT come la riflessione sul passato e le preoccupazioni per il futuro. I partecipanti hanno anche completato le misure dei sintomi della depressione e dell'ansia.

La loro funzione cognitiva è stata valutata, misurando la memoria, l'attenzione, la cognizione spaziale e il linguaggio. Alcuni (113) dei partecipanti hanno anche subito scansioni cerebrali PET, misurando i depositi di tau e amiloide, due proteine ​​che causano il tipo più comune di demenza, la malattia di Alzheimer, quando si accumulano nel cervello.

 

Pubblicità

 

I ricercatori hanno scoperto che le persone che hanno mostrato modelli RNT più elevati hanno sperimentato un maggiore declino cognitivo per un periodo di quattro anni e un calo della memoria (che è tra i primi segni della malattia di Alzheimer), e avevano maggiori probabilità di avere depositi di amiloide e tau nei loro cervello.

La depressione e l'ansia erano associate al successivo declino cognitivo ma non alla deposizione di amiloide o tau, suggerendo che il pensiero negativo ripetitivo potrebbe essere la ragione principale per cui la depressione e l'ansia contribuiscono al rischio di malattia di Alzheimer.

"Proponiamo che il pensiero negativo ripetitivo possa essere un nuovo fattore di rischio per la demenza in quanto potrebbe contribuire alla demenza in un modo unico", ha detto il dott. Marchant.

I ricercatori suggeriscono che il pensiero negativo ripetitivo può contribuire al rischio di Alzheimer attraverso il suo impatto su indicatori di stress come l'ipertensione, poiché altri studi hanno scoperto che lo stress fisiologico può contribuire alla deposizione di amiloide e tau.

Il coautore Dr Gael Chételat (INSERM e Université de Caen-Normandie) ha commentato: "I nostri pensieri possono avere un impatto biologico sulla nostra salute fisica, che potrebbe essere positiva o negativa. Le pratiche di allenamento mentale come la meditazione potrebbero aiutare a promuovere gli schemi mentali positivi associati e a disincentivare quelli negativi".

"Prendersi cura della propria salute mentale è importante e dovrebbe essere una delle maggiori priorità di salute pubblica, poiché non è importante solo per la salute e il benessere delle persone a breve termine, ma potrebbe anche avere un impatto sul rischio finale di demenza".

I ricercatori sperano di scoprire se la riduzione della RNT, possibilmente attraverso il mindfulness training or targeted talk therapy, potrebbe a sua volta ridurre il rischio di demenza.

Il dott. Marchant e il dott. Chételat e altri ricercatori europei stanno attualmente lavorando a un grande progetto per vedere se interventi come la meditazione possono aiutare a ridurre il rischio di demenza sostenendo la salute mentale in età avanzata.

Fiona Carragher, Direttrice della ricerca e dell'influenza della Alzheimer Society, ha dichiarato: "Comprendere i fattori che possono aumentare il rischio di demenza è fondamentale per aiutarci a migliorare la nostra conoscenza di questa condizione devastante e, ove possibile, sviluppare strategie di prevenzione. I modelli di pensiero negativo ripetuti, sia il declino cognitivo che i depositi dannosi sono interessanti, anche se abbiamo bisogno di ulteriori indagini per capirlo meglio. La maggior parte delle persone nello studio sono già state identificate come a maggior rischio di malattia di Alzheimer, quindi dovremmo vedere se questi i risultati fanno eco nella popolazione generale e se il pensiero negativo ripetuto aumenta il rischio di malattia di Alzheimer stesso".

"Durante questi periodi instabili, sentiamo ogni giorno delle persone sulla nostra linea di demenza di Alzheimer's Society che si sentono spaventate, confuse o in difficoltà con la loro salute mentale. Quindi è importante sottolineare che non si sta dicendo che il pensiero negativo di questo periodo provocherà l'Alzheimer nel breve termine".  

Reference:

Natalie L. Marchant, Lise R. Lovland, Rebecca Jones, Alexa Pichet Binette, Julie Gonneaud, Eider M. Arenaza-Urquijo, Gael Chételat, Sylvia Villeneuve. Repetitive negative thinking is associated with amyloid, tau, and cognitive decline. Alzheimer's & Dementia, 2020; DOI: 10.1002/alz.12116

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: psicologia Alzheimer, demenza pensiero negativo ripetitivo schemi di pensiero

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come imparare ad andare [1599…

mar, 29 anni Ho avuto una relazione di 5 anni finita per motivi banali, incomprensioni, caratteri opposti e contrastanti. La storia é finita quasi tre anni...

MARITO DEPRESSO DA 3 MESI [159…

blu, 43 anni Buongiorno, non riesco a capire come poter aiutare mio marito che oramai sono 3 mesi che è depresso soprattutto la mattina appena sveglio e l...

Consulenza [1599577765688]

Bice84, 36 anni Salve, volevo chiederle un'informazione riguardo alcuni comportamenti di mio marito. ...

Area Professionale

Considerazioni teoriche sulla …

In letteratura sono presenti diverse teorie sulle cause sottostanti l'abuso e la violenza domestica. Queste includono teorie psicologiche che considerano i trat...

La relazione gene-ambiente nel…

Fra gli scienziati è in corso un importante dibattito sui nuovi modelli che esaminano il ruolo combinato dei geni e dell'ambiente nell'evoluzione della schizofr...

Marketing e comunicazione nel …

I social media ed internet hanno modificato il modo di comunicare di milioni di persone. Di conseguenza è cambiato anche il modo di fare marketing ed è import...

Le parole della Psicologia

Psicosi

Il termine Psicosi è stato introdotto nel 1845 da von Feuchtersleben con il significato di "malattia mentale o follia". Esso è un disturbo psichiatrico e descr...

Intelligenza Emotiva

"Si tratta delle capacità di motivare se stessi e di persistere nel perseguire un obiettivo nonostante le frustazioni; di controllare gli impulsi e rimandare la...

Eiaculazione precoce

Può essere definita come la difficoltà o incapacità da parte dell'uomo nell'esercitare il controllo volontario sull'eiaculazione. L’eiaculazione precoce consis...

News Letters

0
condivisioni