Pubblicità

Per i dottori, maggiori informazioni sulle cause biologiche equivalgono a minore empatia per i pazienti

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 363 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

empatia Un nuovo studio di Yale dimostra che basta fornire a terapisti e psichiatri informazioni riguardo la biologia di un disturbo mentale e loro hanno una minore empatia per il paziente.

Questi risultati, pubblicati il 1 dicembre su “Proceedings of the National Accademy of Sciences”, confutano la concezione che le spiegazioni biologiche per la malattia mentale aumentano la compassione per le decine di milioni di americani che soffrono di problemi di salute mentale.

Il senso comune suggerisce, infatti, che le spiegazioni biologiche per i sintomi psichiatrici dovrebbero ridurre il biasimo che i pazienti ricevono per il loro comportamento, riconoscendo i colpevoli nei geni e nelle cellule nervose. Ciò, a sua volta, dovrebbe aumentare i sentimenti di compassione.

In una serie di studi, i medici americani lessero le descrizioni di pazienti, i cui sintomi erano spiegati usando informazioni che si focalizzavano sulla genetica e la biologia, o sulle esperienze dell’infanzia e sulle circostanze di vita stressanti. Tra le altre domande, ad essi fu chiesto quanta compassione sentivano per l’individuo, un elemento essenziale della terapia.

I ricercatori hanno trovato che i medici esprimevano, in misura consistente, una minore compassione per il paziente, quando i suoi sintomi erano spiegati usando i fattori biologici.

“Le spiegazioni biologiche sono come un’arma a doppio taglio” ha detto Matthew Lebowitz, laureato in Psicologia ed autore principale dello studio. “Loro tendono a far apparire i pazienti meno biasimevoli, ma l’eccessiva enfasi sulla biologia, per spiegare la psicopatologia, può essere disumanizzante, perché riduce le persone a meri meccanismi biologici”.

I medici, inoltre, quando erano fornite spiegazioni biologiche della malattia, piuttosto che quelle psicosociali, credevano che la psicoterapia avesse meno probabilità di essere efficace. Gli autori hanno constatato che questo costituisce un problema, perché alcuni studi suggeriscono che certi tipi di psicoterapia sono trattamenti importanti ed efficaci per vari disturbi mentali.

Pubblicità

Ci sono anche altri aspetti negativi delle spiegazioni biologiche. Secondo una ricerca degli autori, pubblicata l’anno scorso, gli individui depressi, più attribuiscono i loro sintomi a cause biologiche, più tendono ad essere pessimisti riguardo la loro prognosi.

I ricercatori, insomma, sottolineano l’importanza di riconoscere che i fattori biologici sono solo un pezzo del complesso puzzle sulle cause dei disturbi mentali.

“Non stiamo certamente dicendo che le persone dovrebbero ignorare i fattori biologici quando studiano i disturbi mentali, ma è cruciale concepire la biologia come qualcosa che è parte di tutta l’esperienza umana, piuttosto che come un qualcosa che separa le persone cosiddette malate di testa da tutti gli altri”, ha detto Woo-Kyoung Ahn, professore di psicologia e coautore dello studio.

 

Tratto da: psypost.org

 

(Traduzione e riassunto a cura della dottoressa Alice Fusella)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Marito assente (156491757332)

  sossie, 50 Sono sposata da 25 anni ed ho due splendidi ragazzi di 15 e 11 anni. 10 anni fa dopo la nascita del secondo figlio mio marito di anni 50...

Carla (1564835062431)

  carla, 30 Buongiorno, vi scrivo perché sto veramente male, sono fidanzata da 3 anni col il mio compagno con cui ho avuto una bambina pochi mesi fa ...

Relazione a distanza (15648262…

sara, 22 Salve, avrei un problema che mi blocca da giorni e vorrei un consiglio. Io e il mio ragazzo abbiamo una relazione a distanza da circa un anno (io it...

Area Professionale

Articolo 30 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.30 (compenso professionale), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo se...

Articolo 29 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.29 (uso presidi), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana spi...

Articolo 28 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.28 (vita privata e vita professionale) prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settiman...

Le parole della Psicologia

Melatonina

Omone secreto dai pinealociti della ghiandola pineale (o epifisi), derivato dalla serotonina, regolatore dei ritmi circadiani.   Il ruolo più noto dell...

Psicosomatica

La psicosomatica è una branca della psicologia che ha  lo scopo di identificare  la connessione tra un disturbo somatico e la sua natura psicologica. ...

Afasia

L’afasia è un disturbo della formulazione e della comprensione di messaggi linguistici, che consegue a lesioni focali cerebrali, in persone che avevano in pre...

News Letters

0
condivisioni