Pubblicità

Perché il ritorno sembra più breve dell'andata?

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 495 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

ritornoIl tragitto di ritorno ci appare più breve di quello di andata perché ne stimiamo la durata a posteriori, sulla base dei processi di memoria: il fenomeno è quindi legato alla determinazione retrospettiva dello scorrere del tempo. La scoperta rappresenta un passo in avanti per la comprensione di questo curioso effetto, che non ha trovato ancora una spiegazione esauriente in termini di processi percettivi e cognitivi.

Anche se il tragitto di andata e quello di ritorno hanno la stessa durata, quello di ritorno sembra durare di meno: si può sintetizzare così l'esperienza soggettiva di molte persone durante un viaggio. Un gruppo di ricercatori giapponesi dell'Università di Kyoto guidati da Ryosuke Ozawa ha ora studiato questo curioso fenomeno, chiamato “effetto del viaggio di ritorno”, arrivando alla conclusione, illustrata sulle pagine di "PLOS ONE", che si genera soltanto a posteriori, quando un soggetto valuta la durata del viaggio sulla base dei processi di memoria.

L'effetto del viaggio di ritorno è stato studiato in passato da vari gruppi di psicologi, che hanno cercato d'individuare i processi percettivi e cognitivi che possono esservi implicati.

Tratto da:lescienze.it- Prosegui nella lettura dell'articolo

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Quello che emerge nell’emergen…

L'emergenza per il Covid-19 ha portato la comunità degli psicologi ad applicare nuove e più attuali forme di sostegno psicologico. Una riflessione sulle implica...

Il Test del Villaggio come tec…

La ripetizione e la trasformazione nello spazio e nel tempo Il test del Villaggio è composto da un kit di 200 pezzi di legno colorato raffiguranti edifici (cas...

Le parole della Psicologia

Tic

I tic sono quei disturbi, che consistono in movimenti frequenti, rapidi, involontari, apparentemente afinalistici. Sono percepiti come irresistibili, ma posson...

Impulsività

L’impulsività è un elemento del carattere di ogni persona, anche se si manifesta in maniera molto più evidente rispetto alle altre, fino a divenire un vero e pr...

Binge Eating Disorder

Non si conosce ancora la causa esatta del BED (binge Eating Disorder), anche perché è una patologia da poco individuata e studiata come categoria a sé stante (s...

News Letters

0
condivisioni