Pubblicità

Perché abbiamo bisogno della sorpresa

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1268 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Ci ha aiutato a sopravvivere, fa avanzare la scienza ed è il “sale” di barzellette, romanzi, film, indovinelli e spot...

surpriseDopo aver inventato il cannocchiale, Galileo lo puntò verso il cielo e... sorpresa! Vide che intorno a Giove ruotavano quattro “minuscoli” oggetti, quando si sapeva che tutti i corpi celesti ruotassero intorno alla Terra.

L’inattesa osservazione mandò in crisi la teoria tolemaica (con la Terra al centro di tutto) e fece andare in prigione Galileo, perché all’epoca le sorprese in campo scientifico non erano molto apprezzate: rischiavano di minare le convinzioni religiose.

D’altra parte, come ricordava lo storico della scienza Thomas Kuhn, “molte importanti scoperte nascono dalla presa di coscienza di un’anomalia”. Per questo è importante avere la capacità di lasciarsi sorprendere: la serendipità, cioè la scoperta di qualcosa di imprevisto mentre si sta cercando tutt’altro, richiede la flessibilità di lasciarsi trasportare dalla sorpresa.

Alexander Fleming dimenticò di distruggere le colture batteriche su cui stava lavorando e, al ritorno da una vacanza, notò che erano state aggredite da una muffa del genere Penicillium. Fleming ne fu sorpreso, ma indagò, e scoprì le proprietà antibiotiche della penicillina.  

Cervello programmato

Per capire l’importanza di quella muffa ci voleva un genio, ma ogni essere umano si sarebbe accorto che era successo qualcosa di imprevisto. Perché il nostro cervello è programmato per attivarsi di fronte alle novità, una capacità alla quale probabilmente dobbiamo il nostro successo come specie. Pensate a un tragitto che fate tutti i giorni: sapreste dire di che colore è il terzo palazzo che incontrate sulla destra?
Probabilmente no. Ma è sufficiente che venga tagliato un albero per avvertire che qualcosa è cambiato e per metterci in allarme.
Lo stesso avviene per i suoni: non ci accorgiamo di rumori ambientali costanti, come quello del frigorifero, ma notiamo se cessano.

Occhi aperti, bocca aperta

Ai primordi della specie, ogni sorpresa poteva rivelarsi una minaccia (un predatore) o un’opportunità (una preda).

 

Tratto da Focus - prosegui nella lettura dell'articolo

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: bisogno film sorpresa scienza sale barzellette romanzi indovinelli spot Galileo Kuhn Fleming cervello programmato allarme novità successo specie occhi bocca

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Patografia

Ricostruzione delle patologie psichiche di personaggi celebri fondate sulle informazioni biografiche e sull’esame delle loro opere. La patografia è l' “autob...

Disfunzioni Sessuali

La classificazione proposta dall’ICD-10 (International Classification of Diseases, Decima Versione) indica, innanzitutto, quattro criteri generali per poter d...

Istinto

Il termine istinto, come indica l'etimologia stessa (il termine latino “instinctus”, deriva da instinguere, incitare), è usato nel linguaggio ordinario per indi...

News Letters

0
condivisioni