Pubblicità

Perchè alcune parole sono divertenti?

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 381 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (4 Voti)

Lo scopo dello studio, pubblicato sul Giornale di Psicologia Sperimentale Generale, era capire cosa rendesse le parole divertenti.

divertenti

Uno studio degli scienziati della University di Alberta hanno dimostrato che le parole giudicate più divertenti sono quelle meno comuni e che hanno una ortografia o struttura fonologica improbabile.

Le 10 parole più divertenti nella lingua inglese sono "upchuck, bubby, boff, wriggly, yaps, giggle, cooch, guffaw, puffball e jiggly". Gli scienziati Westbury e Hollis hanno determinato la presenza di 2 tipi di predittori della comicità delle parole: quelli collegati alla forma della parola e quelli collegati al suo significato. "Lo humor è soggettivo, però esistono degli elementi che sono universalmente divertenti" ha spiegato il Professore Chris Westbury.

Il professore Westbury ed il suo collega Geoff Hollis, hanno analizzato le valutazioni sulla comicità di circa 5000 parole inglesi. La ricerca ha mostrato che ci sono due tipi di predittori della valutazione delle parole come divertenti: predittori della forma delle parole e predittori della semantica delle parole.

Pubblicità

I preditori della forma delle parole non hanno niente a che fare col significato di queste, ma misurano elementi come la lunghezza, il tono e quanto simili siano le parole in riferimento alla loro pronuncia e scrittura. Per esempio, lo studio ha rivelato che la lettera 'k' ed il suono 'oo' (come in 'boot') sono significativamente presenti nelle parole valutate come divertenti.

I predittori semantici sono presi da un modello computazionale linguistico e misurano come ogni parola sia collegata a diverse emozioni in 6 categorie: sesso, funzioni corporee, insulti, imprecazioni, animali e parole di festa. "Abbiamo iniziato identificando queste 6 categorie, il miglior predittore della comicità è risultata la distanza media delle parole da queste sei categorie. Questo ha senso perchè molte delle parole che per le persone sembrano essere divertenti rientra in più di una categoria" ha concluso il Professor Westbury.

 

 

Tratto da Sci-news

 

 

(Traduzione ed adattamento a cura del Dottor Claudio Manna)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: parole comicità news di psicologia divertenti humor predittori

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Non riesco ad andare da uno ps…

Sshx, 18 Circa 6 anni fa ho cominciato a presentare dei sintomi che, nel corso del tempo, si sono aggravati progressivamente e che adesso non mi permettono d...

Perdita improvvisa di un genit…

lorena, 26 Salve, innanzitutto ringrazio per questa preziosa opportunità. Scrivo questo messaggio per conto del mio fidanzato, lo stesso ha infatti perso il ...

Disturbo bipolare dell'umore (…

settepassi, 63 Soffro da circa 8 anni di DISTURBO BIPOLARE dell' UMORE, almeno così mi è stato diagnosticato. ...

Area Professionale

Articolo 25 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.25 (uso degli strumenti di diagnosi e di valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Lear...

Articolo 24 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.24 (Consenso Informato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

Articolo 23 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it prosegue, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini, con l'art.23 (compenso professionale) il commento settimanale che spiega ed ap...

Le parole della Psicologia

Balbuzie

La balbuzie interessa circa l’1% della popolazione mondiale (tasso di prevalenza), ma circa il 5% può dire di averne sofferto in qualche misura nel...

Aprassia

L'aprassia (dal greco "a" prefisso di negazione e "praxía", cioe' fare, quindi incapacità di fare) è un deficit primitivo dell’attivi...

Rêverie

“Rêverie sta a designare lo stato mentale aperto alla ricezione di tutti gli ‘oggetti’ provenienti dall’oggetto amato, quello stato cioè di recepire le identifi...

News Letters

0
condivisioni