Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Perché il tempo sembra volare?

on . Postato in News di psicologia

Nessuno è nato con una comprensione innata del tempo, e i bambini devono imparare a sincronizzare e coordinare il loro comportamento con il resto del mondo.

Perchè il tempo sembra volare

Fino ad allora, essi richiedono l'attenzione a tutte le ore del giorno e della notte, rovesciando completamente gli orari dei loro genitori. E per tutti noi, un  viaggio può essere disorientante e dirompente, soprattutto se si visita un luogo dove il tempo è organizzato in modo diverso da quello a cui siamo abituati (come in Spagna, con la sua siesta pomeridiana).

Ma siamo tutti in grado di regolarci alla fine (bambini compresi), adattandoci ad un sistema di unità temporale standard: minuti, ore e giorni della settimana.

Nonostante l'efficacia di questo sistema, c'è ancora una grande differenza nel modo in cui percepiamo il passare del tempo, come lo scorrere del tempo più veloce o più lento. Pochi minuti possono durare "per sempre" quando siamo in attesa che una luce diventi verde, o ci si può scioccare quando ci si rende conto che l'anno è quasi finito.

La variazione della percezione del tempo è stata al centro della mia ricerca per più di 30 anni. Mi sono affascinato a tale argomento, mentre mi stavo laureando presso L’Università dell’ Illinois. In classe, un giorno, il mio professore ci ha mostrato un colloquio con un quarterback NFL che ha spiegato come, durante le partite, spesso percepiva tutti gli altri giocatori come se si stessero muovendo a rallentatore.

Perché si verifica questa distorsione? Quali sono le cause?

Il tempo di indicizzazione: Un paradosso

Ho raccolto centinaia di testimonianze di persone in tutti i ceti sociali che hanno descritto casi in cui il tempo sembrava passasse lentamente. Le circostanze sono abbastanza varie, ma possono essere classificate in sei categorie generali.

In primo luogo, c'è la sofferenza intensa, come la tortura, o il piacere intenso, come l’estasi sessuale. (Il tempo non sempre vola quando ci si diverte.)
Poi c'è la violenza e il pericolo. I soldati, per esempio, spesso descrivono il rallentamento del tempo durante il combattimento.

L’attesa e la noia sono i più familiari. L'isolamento in carcere è una versione estrema di questa.

Le persone riferiscono che in uno stato alterato di coscienza - come ad esempio le esperienze indotte da farmaci come LSD, mescalina o peyote - anche il tempo sembra rallentare.

Elevati livelli di concentrazione e di meditazione possono influenzare il passare soggettivo del tempo. Diversi atleti, per esempio, percepiscono il tempo più lentamente quando sono "nella zona". Eppure le persone che sono abili nella meditazione subiscono effetti analoghi.

Infine, c'è shock e novità. Ad esempio, il tempo può rallentare quando stiamo facendo qualcosa di nuovo, come ad esempio l'apprendimento di un’abilità impegnativa o andare in vacanza in un luogo esotico.

Paradossalmente, quindi, il tempo è percepito più lentamente in situazioni in cui non c'è quasi nulla che accada oppure ci sono troppe cose che accadono. In altre parole, la complessità della situazione è o molto più alta o più bassa del normale.

Alcune esperienze più “intense” di altre.

Cosa potrebbe spiegare questo paradosso?

Dal punto di vista di un orologio o di un calendario, ogni unità temporale standard è esattamente identica: Ogni minuto contiene 60 secondi; ogni giorno contiene 24 ore. Tuttavia, le unità temporali standard, variano in quello che ho chiamato "la densità dell'esperienza umana" - il volume di informazioni oggettive e soggettive che portano.

Per esempio, la densità di esperienza è alta quando, oggettivamente, vi è una grande quantità di cose che accadono (come nel caso di un combattimento).
Oppure, la densità di esperienza può essere altrettanto elevata quando non c'è quasi nulla che accade (come nel caso di isolamento), perché quel periodo apparentemente "vuoto" del tempo costituisce un pieno coinvolgimento soggettivo di sé in tale situazione: ci stiamo concentrando sulle nostre azioni, pensando a come sia stressante tale circostanza e a quanto lentamente sembra scorrere il tempo.
Quindi, la risposta a questo paradosso sta nel modo inusuale in cui viviamo alcune circostanze. Noi prestiamo maggiore attenzione alle circostanze strane, poichè amplificano la densità dell’esperienza per l’unità temporale standard - e il tempo, a sua volta, sembra passare lentamente.

Come vola il tempo

Ne consegue, quindi, che il tempo sembra passare rapidamente quando la densità di esperienze per unità temporale standard è anormalmente bassa. Questa "compressione del tempo" è qualcosa che si verifica quando guardiamo indietro al nostro passato immediato o lontano. Due condizioni generali possono comprimere la nostra percezione del tempo.

In primo luogo, ci sono le attività di routine. Quando stiamo imparando, abbiamo bisogno di prestare la massima attenzione. Ma con la familiarità o la formazione, possiamo impegnarci in tali attività senza dedicare molta attenzione.

Prendiamo una giornata di lavoro. Si possono svolgere attività complesse, ma sono di routine perché le state facendo da così tanto tempo. Dato che ci comportiamo più o meno inconsapevolmente, ogni unità temporale standard contiene pochissima esperienza memorabile. La "densità" di esperienza unica è bassa. E alla fine della giornata, il tempo sembra essere passato rapidamente. Siamo piacevolmente sorpresi di scoprire che è già tempo di tornare a casa.

L'erosione della memoria episodica è la seconda condizione generale che rende il passare del tempo più rapido. E’ una condizione che riguarda tutti. I nostri ricordi degli eventi di routine che riempiono i giorni svaniscono con il tempo. Che cosa hai fatto il 17 del mese scorso? A meno che non era un'occasione speciale, probabilmente avete dimenticato le esperienze di un'intera giornata.

Questa dimenticanza si intensifica maggiormente quando si ritorna indietro con i ricordi. In un altro studio, ho chiesto alla gente di descrivere la loro percezione del passare del tempo di ieri, del mese scorso e dell'anno scorso. Hanno ritenuto che l'anno precedente era passato in modo più rapido rispetto al mese scorso, e che il mese precedente era passato più rapidamente rispetto a ieri.
Obiettivamente questo non ha senso: Un anno è 12 volte un mese, e un mese è 30 volte un giorno. Ma visto che la nostra memoria del passato erode, la densità di esperienza per unità temporale di serie diminuisce, lasciandoci con la percezione che il tempo è passato in fretta.

L'orologio regna ancora

Tuttavia, le situazioni che ho descritto sopra sono anomalie. Noi di solito non percepiamo il tempo che passa velocemente o lentamente. In condizioni normali, 10 minuti sono percepiti come 10 minuti. Per incontrare qualcuno in 10 minuti si arriva più o meno in tempo senza l'ausilio di un orologio. Questo è possibile solo perché abbiamo imparato a tradurre l'esperienza in unità temporali standard e viceversa.

Siamo in grado di fare questo perché non c'è coerenza nelle nostre esperienze giorno per giorno: una consistenza che è prodotta da schemi ripetitivi e prevedibili della società. La densità di esperienza per unità temporale standard è moderata e familiare. Impariamo quanta esperienza è generalmente contenuta in 10 minuti.

Solo qualcosa che altera la routine, una giornata particolarmente intensa di lavoro o una pausa per riflettere sull'anno precedente, ridurrà la densità normale di esperienza per unità temporale di serie, lasciandoci con l'impressione che il tempo è volato.

Allo stesso modo, un incidente automobilistico, un incidente che afferra la nostra attenzione, riempie istantaneamente ogni unità temporale di serie con l'esperienza di sé e della situazione, facendoci percepire l'incidente al rallentatore.

 

Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psychostore

 

 

 

Tags: memoria condizione umana, densità,

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

interpretazione sogno (1496836…

maria, 54       Ho sognato che vendevo le mie scarpe nuove di colore blu ad una ragazza che le aveva uguali alle mie ma sporche e rovinat...

Balbuzie, blocchi quando parlo…

Prince, 17       Salve mi chiamo P. K., ho 17 anni e sono nato qui in italia, sono di origine indiana, mio padre è qui in italia da 30 an...

Sentimenti (1500386971181)

Soraya16, 39       Salve, due mesi fa ho lasciato la mia compagna, con la quale abbiamo una bimba di 14 mesi. La ho lasciata perché non mi...

Area Professionale

Il Jobs Act Autonomi 2017: nov…

Il Jobs Act autonomi 2017, contenuto all'interno della precedente Legge di Stabilità del 2016, è in vigore dal 14 giugno 2017. Il disegno di legge prevede 21 ar...

Linee guida per le prestazioni…

LINEE GUIDA PER LE PRESTAZIONI PSICOLOGICHE VIA INTERNET E A DISTANZA Realizzate dalla Commissione ATTI TIPICI del CNOP le nuove linee guida per le prestazio...

Approvato il documento dell’Or…

Discusso e approvato al Consiglio Nazionale dell’Ordine (riunitosi sabato 17 giugno) il Documento “Ruolo della Psicologia nei Livelli Essenziali di Assistenza” ...

Le parole della Psicologia

Allucinazioni

Con il termine allucinazioni si fa riferimento alla percezione di qualcosa che non esiste, ma che tuttavia viene ritenuta reale. Le allucinazioni si presenta...

Disturbo di conversione

Consiste nella perdita o nell’alterazione del funzionamento fisico, all’origine del quale vi sarebbe un conflitto o un bisogno psicologico I sintomi fisici non...

Mania

L. Binswanger (Melanconia e mania, 1960) ha messo in evidenza come nella mania vi sia una destrutturazione della dimensione temporale della vita psichica che no...

News Letters