Pubblicità

Perché l'abuso emotivo può essere correlato a emicrania

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 2173 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

L’esposizione ad un trauma quale l’abuso e l’abbandono durante l'infanzia possono avere effetti a lungo termine, l'emicrania è uno di questi

emicraniaL’esposizione ad un trauma quale l’abuso e l’abbandono dei minori sono condizioni più comuni di quanto si possa pensare.


Uno studio condotto  rivela che più di cinque milioni di bambini statunitensi hanno vissuto esperienze di maltrattamento tra il 2004 e il 2011.

Il maltrattamento infantile può essere inteso come qualsiasi atto o serie di atti commessi o omessi da parte di un genitore, il quale si traducono in danno, o danno potenziale. Diversi sono gli effetti dell’abuso a lungo termine, l'emicrania potrebbe essere uno di questi.

Mentre è stato dimostrato che tutte queste forme di maltrattamento infantile possono essere collegato all’ emicranie in età adulta,  l’abuso emotivo infantile sembra essere uno dei fattori predittivi più importanti per l’emicrania.

Tale forma di abuso, altrimenti detto maltrattamento psicologico, si concretizza in persistenti maltrattamenti emotivi e atteggiamenti di denigrazione e di rifiuto nei confronti dei bambini.
Questa forma di maltrattamento può verificarsi all'interno di una famiglia nel corso degli anni senza mai essere rivelato o dichiarato.

Il legame tra l'abuso emotivo e l'emicrania

L'emicrania è una patologia neurologica di tipo cronico, caratterizzata da ricorrenti cefalee, da moderate a gravi mal di testa.
Tale disturbo colpisce circa il 12-17 per cento delle persone negli Stati Uniti ed è circa tre volte più comune nelle donne rispetto agli uomini.

L’ipotesi è stata confermata da uno studio condotto su campioni rappresentativi a livello nazionale di anziani americani (età medie 50 e 56) e giovani adulti.

Perché l’abuso emotivo nell'infanzia portare a emicrania in età adulta?

L’ abuso può causare cambiamenti biologici che possono portare a emicrania nel corso della vita.

Mentre l'esatto meccanismo tra emicrania e maltrattamento infantile non è ancora stato compreso, la ricerca ha approfondito la comprensione sulle modifiche che potrebbero verificarsi nel corpo e nel cervello.

Esperienze infantili avverse sconvolgono la regolamentazione dell'asse ipotalamo-ipofisi-surrene (HPA), deputato al controllo del rilascio ormonale dello stress.

Ciò significa che l’esposizione a eventi avversi durante l'infanzia può interrompere il meccanismo di  risposta del corpo allo stress.

E’ opportuno ricordare che lo  stress non è solo un'emozione ma, anche una risposta fisica che può avere conseguenze per il corpo.

Studi di risonanza magnetica hanno rilevato che Il prolungamento dell’azione di questi ormoni dello stress altera sia la struttura sia la  funzione del sistema limbico del cervello, sede delle emozioni, dei comportamenti, della motivazioni e della memoria.

Tali alterazioni sono presenti sia in soggetti con una storia di maltrattamento infantile sia soggetti con diagnosi di emicrania.

Le esperienze stressanti indeboliscono anche il sistema immunitario e metabolico.

E’ stato riscontrato come i soggetti abusati e con diagnosi di emicrania abbiano un ‘alterazione della proteina C-reattiva, tale biomaker è un predittore di malattie cardiovascolari e ictus.  


L'emicrania è considerata una patologia  ereditaria. Ma, se non in una piccola minoranza di casi, non sono stati individuati i geni responsabili.

Tuttavia, lo stress nei primi anni di vita induce alterazioni nell'espressione genica senza alterare la sequenza del DNA. Tali cambiamenti vengono definiti epigenetici, sono di lunga durata e possono anche essere trasmesse alla progenie.
Il ruolo dell'epigenetica nell'emicrania è nelle prime fasi di indagine.


Il maltrattamento probabilmente è correlato solo in  parte all’emicrania. Ma è necessario, durante la fase di diagnosi tenere a mente che vi sia questa stretta interconnessione.

Trattamenti cognitivo-comportamentale, i quali alterano la risposta neurofisiologica allo stress, hanno dimostrato di essere efficaci  sia per l'emicrania sia nei casi id abuso.

I farmaci anti-epilettici, come valproato e topiramato sono approvati dalla FDA per il trattamento dell' emicrania. Questi farmaci sono anche entrambi noti per invertire cambiamenti epigenetici indotti dallo stress.

Coloro che soffrono di emicrania e nel corso della loro vita hanno avuto anche abusi infantile sono anche a maggior rischio di sviluppare disturbi psichiatrici come la depressione e l'ansia e  disturbi medici come la fibromialgia e la sindrome dell'intestino irritabile.

All'interno di una popolazione di emicrania clinica, i medici dovrebbero prestare particolare attenzione a coloro che sono stati sottoposti a maltrattamenti durante l'infanzia, in quanto, tali individui  sono anche ad alto rischio rischio di essere vittime di abusi domestici e di violenza del partner.

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: stress trauma abbandono abuso

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Coazione a ripetere

"Ciò che è rimasto capito male ritorna sempre; come un'anima in pena, non ha pace finchè non ottiene soluzione e liberazione", S. Freud Il termine coazione è impiegato correntemente nella...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Difficoltà nei rapporti sessua…

Emilio, 20     Salve, sono Emilio, ho 20 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Istinto

Il termine istinto, come indica l'etimologia stessa (il termine latino “instinctus”, deriva da instinguere, incitare), è usato nel linguaggio ordinario per indi...

Training Autogeno

Il training autogeno nasce come tecnica ideata da J.H. Schultz, neurologo e psichiatra.Training significa “allenamento”, autogeno “che si genera da sé”; ciò dif...

Acalculia

L'acalculia è un difetto a effettuare il calcolo mentale e scritto. Il termine acalculia è apparso per la prima volta nel 1925, proposto da Henschen, il quale l...

News Letters

0
condivisioni