Pubblicità

Perché percepiamo le emozioni intense nel petto?

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 870 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Non è solo un modo di dire: all'origine della sensazione ci sarebbe un meccanismo biologico preciso Che coinvolge il cervello e un nervo cranico che arriva fino all'addome.

emozioni news

Una notizia spiacevole può farci sentire "un tuffo al cuore", o lasciarci "con il cuore spezzato"; e chi non si è mai sentito "esplodere il cuore di gioia" per una felicità improvvisa?

Razionalmente sappiamo che il cuore non è coinvolto: una tradizione millenaria lo vuole simbolo di amore e sentimenti, ma di fatto è soltanto un muscolo. Emozioni e percezioni sono prerogative del cervello.

Fuor di metafora. Tuttavia, queste espressioni entrate nel linguaggio comune potrebbero non essere solamente metafore, ma nascere da un meccanismo biologico reale. Secondo Robert Emery e Jim Coan, professori di Psicologia dell'Università della Virginia che hanno risposto a questa domanda per Scientific American, la sensazione di coinvolgimento del cuore potrebbe derivare dalla corteccia cingolata anteriore, una regione cerebrale coinvolta nella regolazione delle reazioni emotive.

 

Tratto da Focus- prosegui nella lettura dell'articolo

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: percepiamo emozioni intense petto meccanismo biologico nervocranico addome

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Relazione di coppia patologica…

Matilde, 39     Salve, da qualche anno convivo con un uomo che giunti al secondo anno si è trasformato. Inizialmente ero un po' più fredda io for...

Complesso di inferiorità (1548…

Maria, 24     Sono una ragazza di 24 anni neolaureata, mi sono trasferita a Milano per un master dove attualmente convivo con il mio fidanzato, a...

Tradimento e sofferenza (15486…

Eva, 39     Dopo 12 anni di matrimonio totalizzante e meraviglioso, ho improvvisamente tradito mio marito, una cosa che non avrei mai e poi mai c...

Area Professionale

Articolo 4 - il Codice Deontol…

Articolo 4 Nell’esercizio della professione, lo psicologo rispetta la dignità, il diritto alla riservatezza, all’autodeterminazione ed all’autonomia di coloro ...

Che cos’è il Test del Villaggi…

Il test del Villaggio è un reattivo psicodiagnostico che può essere somministrato ai bambini, agli adolescenti, agli adulti, alle coppie, alla coppia genitore-b...

Articolo 3 - il Codice Deontol…

Articolo 3 Lo psicologo considera suo dovere accrescere le conoscenze sul comportamento umano ed utilizzarle per promuovere il benessere psicologico dell’indiv...

Le parole della Psicologia

Nevrastenia

Termine introdotto dal medico statunitense Beard, nel 1884, per designare un quadro clinico, caratterizzato da stanchezza fisica e mentale, irritabilità, insonn...

Frustrazione

La frustrazione può essere definita come lo stato in cui si trova un organismo quando la soddisfazione di un suo bisogno viene impedita o ostacolata. Rappresen...

Zoosadismo

E’ un disturbo psichiatrico che porta l'individuo a provare piacere nell'osservare o nell'infliggere sofferenze o morte ad un animale Lo zoosadismo, termine in...

News Letters

0
condivisioni