Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Perchè sorridere è contagioso?

on . Postato in News di psicologia

Sorridi! Fa star meglio tutti perché, consapevolmente o inconsapevolmente, coloro che ti guardano stanno sorridendo con te

sorriso1Crescenti evidenze mostrano che un istinto di imitazione della mimica facciale ci permette di sperimentare ed entrare in empatia con i sentimenti altrui.

L’incapacità di riflettere il volto di un'altra persona limita la nostra capacità di leggere le espressioni altrui e di reagire in modo corretto.

Alcuni psicologi sociali dell'Università del Wisconsin hanno descritto come le persone in situazioni sociali simulano le espressioni facciali degli altri e creare risposte emotive in se stesse di conseguenza.

Ad esempio, se sei con un amico che sembra triste potresti a tua volta assumere una faccia triste, senza rendertene conto.

“Imitare” l’espressione del tuo amico ti aiuta a riconoscere quello che sta sentendo associandolo con episodi del passato, in cui hai avuto questa espressione.
Gli esseri umani estraggono questo significato emotivo dalle espressioni facciali nel giro di poche centinaia di millisecondi.

Quindi rifletti sulle tue sensazioni emotive generando una sorta di “giudizio di riconoscimento” e la cosa più importante che ne deriva è che risponderai con un’azione appropriata: o vi avvicinate alla persona o la evitate.

La capacità di una persona di riconoscere e "condividere" le emozioni degli altri può essere inibita quando non si riesce ad imitare i volti.

È un disturbo comune per le persone con malattie motorie centrali o periferiche, come la paresi facciale dovuta ad un ictus o alla paralisi di Bell o anche in caso di danni ai nervi in conseguenza alla chirurgia plastica.

Secondo quanto osservano i ricercatori statunitensi, lo stesso non varrebbe per le persone con paralisi congenita, in quanto coloro che non hanno mai avuto la capacità di imitare le espressioni facciali sviluppano modi compensatori per interpretare le emozioni.

Le persone che hanno disturbi sociali connessi con la mimica facciale e/o con menomazioni nel riconoscimento delle emozioni, come nel caso dell'autismo, possono sperimentare problemi simili a chi ha una paralisi (non congenita).

Ci sono alcuni sintomi dell’autismo in cui la mancanza di mimica facciale può essere in parte dovuta alla mancanza del contatto visivo.

È utile scoprire quale meccanismo cerebrale agisce nell’aiutare il riconoscimento delle espressioni facciali.
Una migliore comprensione del meccanismo che sta dietro la simulazione sensomotoria ci darà una migliore visione di come trattare i relativi disturbi.

 

Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psychostore

 

 

Tags: paralisi emozioni sorriso imitazione mimica facciale empatia autismo sentimenti espressioni riconoscimento

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Ecolalia

L'ecolalia è un disturbo del linguaggio che consiste nel ripetere involontariamente, come un'eco, parole o frasi pronunciate da altre persone Si osserva, come stadio normale, nello sviluppo del...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

interpretazione sogno (1496836…

maria, 54       Ho sognato che vendevo le mie scarpe nuove di colore blu ad una ragazza che le aveva uguali alle mie ma sporche e rovinat...

Balbuzie, blocchi quando parlo…

Prince, 17       Salve mi chiamo P. K., ho 17 anni e sono nato qui in italia, sono di origine indiana, mio padre è qui in italia da 30 an...

Sentimenti (1500386971181)

Soraya16, 39       Salve, due mesi fa ho lasciato la mia compagna, con la quale abbiamo una bimba di 14 mesi. La ho lasciata perché non mi...

Area Professionale

Il Jobs Act Autonomi 2017: nov…

Il Jobs Act autonomi 2017, contenuto all'interno della precedente Legge di Stabilità del 2016, è in vigore dal 14 giugno 2017. Il disegno di legge prevede 21 ar...

Linee guida per le prestazioni…

LINEE GUIDA PER LE PRESTAZIONI PSICOLOGICHE VIA INTERNET E A DISTANZA Realizzate dalla Commissione ATTI TIPICI del CNOP le nuove linee guida per le prestazio...

Approvato il documento dell’Or…

Discusso e approvato al Consiglio Nazionale dell’Ordine (riunitosi sabato 17 giugno) il Documento “Ruolo della Psicologia nei Livelli Essenziali di Assistenza” ...

Le parole della Psicologia

Efferenza

Il termine “efferenza” si riferisce alle fibre o vie nervose che conducono in una determinata direzione i potenziali di riposo e di azione provenien...

Catalessia

Detta anche catalessi, è uno stato patologico, ad esordio improvviso e che si protrae per brevi o lunghi periodi, in cui vi è una sospensione dei movimenti volo...

Gruppi self-help

Strutture di piccolo gruppo, a base volontaria, finalizzate all’aiuto reciproco e al raggiungimento di scopi particolari I gruppi di self-help (definiti anche ...

News Letters