Pubblicità

Perchè sorridere è contagioso?

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1087 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Sorridi! Fa star meglio tutti perché, consapevolmente o inconsapevolmente, coloro che ti guardano stanno sorridendo con te

sorriso1Crescenti evidenze mostrano che un istinto di imitazione della mimica facciale ci permette di sperimentare ed entrare in empatia con i sentimenti altrui.

L’incapacità di riflettere il volto di un'altra persona limita la nostra capacità di leggere le espressioni altrui e di reagire in modo corretto.

Alcuni psicologi sociali dell'Università del Wisconsin hanno descritto come le persone in situazioni sociali simulano le espressioni facciali degli altri e creare risposte emotive in se stesse di conseguenza.

Ad esempio, se sei con un amico che sembra triste potresti a tua volta assumere una faccia triste, senza rendertene conto.

“Imitare” l’espressione del tuo amico ti aiuta a riconoscere quello che sta sentendo associandolo con episodi del passato, in cui hai avuto questa espressione.
Gli esseri umani estraggono questo significato emotivo dalle espressioni facciali nel giro di poche centinaia di millisecondi.

Quindi rifletti sulle tue sensazioni emotive generando una sorta di “giudizio di riconoscimento” e la cosa più importante che ne deriva è che risponderai con un’azione appropriata: o vi avvicinate alla persona o la evitate.

La capacità di una persona di riconoscere e "condividere" le emozioni degli altri può essere inibita quando non si riesce ad imitare i volti.

È un disturbo comune per le persone con malattie motorie centrali o periferiche, come la paresi facciale dovuta ad un ictus o alla paralisi di Bell o anche in caso di danni ai nervi in conseguenza alla chirurgia plastica.

Secondo quanto osservano i ricercatori statunitensi, lo stesso non varrebbe per le persone con paralisi congenita, in quanto coloro che non hanno mai avuto la capacità di imitare le espressioni facciali sviluppano modi compensatori per interpretare le emozioni.

Le persone che hanno disturbi sociali connessi con la mimica facciale e/o con menomazioni nel riconoscimento delle emozioni, come nel caso dell'autismo, possono sperimentare problemi simili a chi ha una paralisi (non congenita).

Ci sono alcuni sintomi dell’autismo in cui la mancanza di mimica facciale può essere in parte dovuta alla mancanza del contatto visivo.

È utile scoprire quale meccanismo cerebrale agisce nell’aiutare il riconoscimento delle espressioni facciali.
Una migliore comprensione del meccanismo che sta dietro la simulazione sensomotoria ci darà una migliore visione di come trattare i relativi disturbi.

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: paralisi emozioni sorriso imitazione mimica facciale empatia autismo sentimenti espressioni riconoscimento

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Ecolalia

L'ecolalia è un disturbo del linguaggio che consiste nel ripetere involontariamente, come un'eco, parole o frasi pronunciate da altre persone Si osserva, come stadio normale, nello sviluppo del...

Le parole della Psicologia

La proiezione

La proiezione è un meccanismo di difesa arcaico e primitivo che consiste nello spostare sentimenti o caratteristiche proprie, o parti del Sè, su altri oggetti o persone. Il termine proiezione, dal...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Psicosi

Il termine Psicosi è stato introdotto nel 1845 da von Feuchtersleben con il significato di "malattia mentale o follia". Esso è un disturbo psichiatrico e descr...

Aggressività

In psicologia indica uno stato di tensione emotiva generalmente espresso in comportamenti lesivi e di attacco. Nel corso degli anni l’aggressività...

Fobie

Nel DSM-IV la fobia specifica è definita come la "paura marcata e persistente, eccessiva o irragionevole, provocata dalla presenza o dall'attesa di un oggetto o...

News Letters

0
condivisioni