Pubblicità

Piccoli Mozart non si nasce ma si diventa

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 624 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Piccoli Mozart non si nasce, ma si diventa. Nessun dono dal cielo, dunque, ma solo impegno e dedizione possono trasformare i piccoli in potenziali bambini prodigio. A rivelarlo è uno studio dell'Università dell'Arkansas, a Fayetteville, che sembra suggerire come tecnica e passione possano far la differenza. Strumento, spartiti e allenamento al posto dei consueti giocattoli, in altre parole, sono la strada da percorrere per crescere un piccolo genio in casa. La genetica, al contrario, conta poco: il talento musicale non è scritto nel nostro Dna.

I ricercatori statunitensi hanno 'fotografato' il cervello di violinisti e flautisti, attenti alle eventuali differenze che potevano riscontrare durante l'ascolto di sinfonie. E' noto da tempo che il cervello dei musicisti reagisce in modo diverso a contatto con la musica. Tuttavia questo nuovo studio, che ha guadagnato le pagine di New Scientist, ha rilevato che le aree che si 'accendono' durante l'ascolto della musica, ovvero quelle deputate alla sintassi e alla timbrica musicale, lavorano più intensamente quando nel motivo ascoltato entra in scena il proprio strumento.

Tratto da "Adnkronos.com" - prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Morte del padre senza emozioni…

 bianca, 54 anni     Buongiorno Dottori, da qualche settimana è morto mio padre di 81 anni dopo una breve malattia. Non ho mai avuto un b...

Il mio fidanzato mi umilia [1…

Ragazza991, 19 anni         Buonasera,   sono fidanzata da due anni, e ormai è da un anno o poco più che ogni volta che gl...

Aiuto [1610926691822]

Brigida, 38 anni     Buonasera, sono una mamma disperata. Vi scrivo per un consulto in merito a mia figlia Giulia di 9 anni. Da un annetto circ...

Area Professionale

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Le parole della Psicologia

Lo stereotipo

Il termine stereotipo deriva dalle parole greche "stereos" (duro, solido) e "typos" (impronta, immagine, gruppo), quindi "immagine rigida". Si tratta di...

Disturbo schizoide di personal…

Disturbo di personalità caratterizzato da mancato desiderio o piacere ad instaurare relazioni altrui e chiusura verso il mondo esterno. Il disturbo schizoide d...

Fissazione

Nel linguaggio comune, quando parliamo di fissazioni, ci riferiamo a comportamenti che la persona ha sempre messo in atto, che sono diventati abituali e che la ...

News Letters

0
condivisioni