Pubblicità

Più di un miliardo di sigarette in meno in Inghilterra, scopriamo come hanno fatto

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1086 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Secondo una nuova ricerca finanziata da Cancer Research UK, pubblicata su JAMA Network Open, ogni anno, in Inghilterra, vengono fumate circa 1,4 miliardi di sigarette in meno

sigarette inghilterra

Tra il 2011 e il 2018, il consumo medio mensile di sigarette è diminuito di quasi un quarto, equivalenti a circa 118 milioni di sigarette in meno ogni mese.


Questo declino suggerisce che le leggi più rigorose sul tabacco e le azioni per incoraggiare le persone a smettere di fumare, funzionano.

I ricercatori, con sede presso l'UCL, hanno esaminato i dati sulla vendita di sigarette in Inghilterra e li hanno confrontati con i dati sull'uso mensile di sigarette riferito da oltre 135.000 persone, provenienti dallo Smoking Toolkit Study. Hanno scoperto che i due diversi metodi per osservare quante sigarette fumano le persone hanno fornito risultati simili.

Nel corso dell'intero periodo, il numero medio di sigarette fumate mensilmente è diminuito del 24,4% sulla base dei dati dell'indagine e del 24,1% sulla base dei dati di vendita, da 3,40 miliardi e 3,41 miliardi al mese a 2,57 miliardi e 2,58 miliardi, rispettivamente.

L'autrice principale, la dott.ssa Sarah Jackson del Tobacco and Alcohol Research Group dell'UCL, ha dichiarato: "È fantastico che ogni anno in Inghilterra si vendano e si fumino più di un miliardo di sigarette in meno. Il calo del consumo nazionale di sigarette è stato evidente. Questo significa che non solo ci sono meno persone che fumano, ma coloro che continuano a fumare stanno fumando meno.

"Studi come questo aiutano a darci un quadro accurato del consumo di sigarette, così sappiamo a che punto siamo e cosa bisogna fare di più". Attualmente il 16% degli adulti inglesi fuma sigarette.

Pubblicità


George Butterworth, Senior Policy Manager al Cancer Research UK, ha dichiarato: "È una grande notizia che vengano vendute e fumate meno sigarette. La BIg Tobacco ha affermato che l'introduzione di una regolamentazione più severa non avrebbe funzionato e si è battuto contro di essa, ma questa è la prova che le tendenze al fumo sono andate nella giusta direzione, anche se il fumo è ancora la causa principale causa di cancro e alcuni gruppi sociali hanno tassi più elevati di consumo di sigarette, come i lavoratori manuali, quindi non possiamo fermarci qui e pensare che il lavoro sia finito.

"Il mese scorso il governo si è impegnato a rendere il Regno Unito un paese senza sigarette entro il 2030. Ma i servizi per smettere di fumare, che offrono ai fumatori le migliori possibilità di smettere di fumare, sono stati oggetto di ripetuti tagli negli ultimi anni. Abbiamo bisogno che il governo risolva la crisi dei finanziamenti nei servizi locali nella lotta alle sigarette. L'industria del tabacco potrebbe essere costretta a pagare per questi servizi per ripulire il caos che i loro prodotti hanno creato ".



FONTE:

  • Sarah E. Jackson, Emma Beard, Bernard Kujawski, Ella Sunyer, Susan Michie, Lion Shahab, Robert West, Jamie Brown. Comparison of Trends in Self-reported Cigarette Consumption and Sales in England, 2011 to 2018. JAMA Network Open, 2019; 2 (8): e1910161 DOI: 10.1001/jamanetworkopen.2019.10161



Articolo a cura del dottor Andrea di Maio




Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: sigarette news di psicologia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Tecnostress - Tecnofobia

Il Tecnostress (o tecnofobia) è una patologia che scaturisce dall'uso eccessivo e simultaneo di quelle informazioni che vengono veicolate dai videoschermi. Ess...

Melatonina

Omone secreto dai pinealociti della ghiandola pineale (o epifisi), derivato dalla serotonina, regolatore dei ritmi circadiani.   Il ruolo più noto dell...

Sindrome ipercinetica

Nel disturbo ipercinetico si ha la contemporanea presenza di sintomi quali: la breve durata dell’attenzione, distrazione, iperattività e almeno un sintomo di im...

News Letters

0
condivisioni