Pubblicità

Poche gratificazioni sul lavoro? Più infarti

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 483 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Chi svolge lavori stressanti e senza gratificazioni ha il doppio di probabilità di morire per attacchi di cuore, secondo uno studio, pubblicato sul British Medical Journal, su 800 impiegati sani di una industria finlandese di metallo per un periodo di 25 anni.Soprattutto se non ci sono pari gratificazioni agli sforzi e alla fatica. Lo stress da lavoro, il nervosismo e la mancanza di gratificazioni sono collegate ad un vertiginoso aumento di colesterolo nell'organismo riscontrato dagli autori finlandesi della ricerca dell'Institute for Occupational Health. E' questa una possibile spiegazione del legame tra stress da lavoro e malattie cardiache.

Gli impiegati hanno compilato un questionario nel quale dovevano indicare il tipo di lavoro svolto, il grado di stress che sentivano e il grado di gratificazione che ne ricevevano. Con ciò non si intendeva soltanto il salario ma anche il riconoscimento sociale, la sicurezza nel lavoro e le opportunità di carriera. Coloro che risultavano con una notevole differenza tra grado di stress e gratificazione, sono risultati poi con un rischio doppio di infarto.

Anche la British Heart Foundation della Gran Bretagna ha concluso una ricerca da cui risulta che chi svolge lavori manuali in una fabbrica è più a rischio di malattie coronarie di quelli che lavorano negli uffici.
(s. j. s)

Articolo interamente tratto da "La Repubblica" del 7.11.02

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie paranoie (1579177546962)

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo t...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55 , 20 anni Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi per il servizio che offrite. Sono una ragazza di 20 anni. Non ho un partner fisso...

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Area Professionale

L’intervento psicologico clini…

Il periodo di emergenza e di pandemia che stiamo affrontando ha imposto una rivisitazione, da parte degli operatori, dei criteri di gestione dell'approccio clin...

E' esplosa la psicologia onlin…

In piena crisi mondiale da Coronavirus è improvvisamente esplosa la psicologia online. Su consiglio del CNOP e obbligati dalle circostanze, molti psicologi e ps...

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Le parole della Psicologia

Disturbo post-traumatico da st…

I principali sintomi associati al Disturbo post-traumatico da stress possono essere raggruppati in tre specie: ...

Parafilia

  Con il termine Parafilie si fa riferimento ad un insieme di perversioni sessuali caratterizzate dalla presenza di comportamenti regressivi che prendono ...

Bigoressia

Il termine trova la sua etimologia nell'inglese "big = grande” e nel latino "orex=appetito”, ad indicare la "fame di grossezza” Per bigoressia, vigoressia o an...

News Letters

0
condivisioni