Pubblicità

Poche gratificazioni sul lavoro? Più infarti

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 507 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Chi svolge lavori stressanti e senza gratificazioni ha il doppio di probabilità di morire per attacchi di cuore, secondo uno studio, pubblicato sul British Medical Journal, su 800 impiegati sani di una industria finlandese di metallo per un periodo di 25 anni.Soprattutto se non ci sono pari gratificazioni agli sforzi e alla fatica. Lo stress da lavoro, il nervosismo e la mancanza di gratificazioni sono collegate ad un vertiginoso aumento di colesterolo nell'organismo riscontrato dagli autori finlandesi della ricerca dell'Institute for Occupational Health. E' questa una possibile spiegazione del legame tra stress da lavoro e malattie cardiache.

Gli impiegati hanno compilato un questionario nel quale dovevano indicare il tipo di lavoro svolto, il grado di stress che sentivano e il grado di gratificazione che ne ricevevano. Con ciò non si intendeva soltanto il salario ma anche il riconoscimento sociale, la sicurezza nel lavoro e le opportunità di carriera. Coloro che risultavano con una notevole differenza tra grado di stress e gratificazione, sono risultati poi con un rischio doppio di infarto.

Anche la British Heart Foundation della Gran Bretagna ha concluso una ricerca da cui risulta che chi svolge lavori manuali in una fabbrica è più a rischio di malattie coronarie di quelli che lavorano negli uffici.
(s. j. s)

Articolo interamente tratto da "La Repubblica" del 7.11.02

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Genitore inadeguato [15992344…

DEDDA, 47 anni   Buongiorno, mia figlia 15enne soffre di blocchi emotivi a scuola. Quando deve fare un'interrogazione si chiude in se stessa, terror...

Come imparare ad andare [1599…

mar, 29 anni Ho avuto una relazione di 5 anni finita per motivi banali, incomprensioni, caratteri opposti e contrastanti. La storia é finita quasi tre anni...

MARITO DEPRESSO DA 3 MESI [159…

blu, 43 anni Buongiorno, non riesco a capire come poter aiutare mio marito che oramai sono 3 mesi che è depresso soprattutto la mattina appena sveglio e l...

Area Professionale

Funzionamento cognitivo in sog…

Recenti ricerche suggeriscono che le persone che presentano esperienze psicotiche, ma nessuna diagnosi di malattia psicotica, presentano un'alterazione del funz...

Il "potere" nella re…

Nonostante si possa pensare che vi sia uno squilibrio di potere all'interno della relazione terapeutica, in realtà lo psicoterapeuta non esercita un maggiore po...

Disfunzioni sessuali dopo la s…

L'11 giugno 2019 l'European Medicines Agency (EMA) ha formalmente dichiarato di riconoscere la disfunzione sessuale post-SSRI (Post-SSRI Sexual Dysfunction, PSS...

Le parole della Psicologia

Il linguaggio

L’uomo comunica sia verbalmente che attraverso il non verbale. Il processo del linguaggio ha suscitato da sempre l’interesse degli studiosi essendo essa una car...

La proiezione

La proiezione è un meccanismo di difesa arcaico e primitivo che consiste nello spostare sentimenti o caratteristiche proprie, o parti del Sè, su altri oggetti o...

Anginofobia

Con il termine Anginofobia si intende una patologia caratterizzata da una paura intesa di soffocare. Con il termine Anginofobia si intende una patologia caratt...

News Letters

0
condivisioni