Pubblicità

Poche gratificazioni sul lavoro? Più infarti

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 560 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Chi svolge lavori stressanti e senza gratificazioni ha il doppio di probabilità di morire per attacchi di cuore, secondo uno studio, pubblicato sul British Medical Journal, su 800 impiegati sani di una industria finlandese di metallo per un periodo di 25 anni.Soprattutto se non ci sono pari gratificazioni agli sforzi e alla fatica. Lo stress da lavoro, il nervosismo e la mancanza di gratificazioni sono collegate ad un vertiginoso aumento di colesterolo nell'organismo riscontrato dagli autori finlandesi della ricerca dell'Institute for Occupational Health. E' questa una possibile spiegazione del legame tra stress da lavoro e malattie cardiache.

Gli impiegati hanno compilato un questionario nel quale dovevano indicare il tipo di lavoro svolto, il grado di stress che sentivano e il grado di gratificazione che ne ricevevano. Con ciò non si intendeva soltanto il salario ma anche il riconoscimento sociale, la sicurezza nel lavoro e le opportunità di carriera. Coloro che risultavano con una notevole differenza tra grado di stress e gratificazione, sono risultati poi con un rischio doppio di infarto.

Anche la British Heart Foundation della Gran Bretagna ha concluso una ricerca da cui risulta che chi svolge lavori manuali in una fabbrica è più a rischio di malattie coronarie di quelli che lavorano negli uffici.
(s. j. s)

Articolo interamente tratto da "La Repubblica" del 7.11.02

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ragazzo insicuro e con ansia d…

Annie, 27 anni       Buonasera! In psicologia, i cinque fattori che elencherò possono essere correlati l'uno all'altro oppure no?* Ansia d...

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Sto bene da solo  [16102359254…

 Zeno, 30 anni     Buonanotte, sono sempre stato ansioso e poco socievole ma ultimamente sento che questo problema si è esarcerbato,spesso ...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Test di Rorschach

Test proiettivo che consente di tracciare un profilo di personalità attraverso le risposte verbali che un soggetto fornisce a una serie di stimoli ambigui. &...

Sindrome di Stoccolma

Con l'espressione Sindrome di Stoccolma si intende un particolare stato di dipendenza psicologica e/o affettiva che si manifesta in alcuni casi in vittime di ep...

Riserva cognitiva

Alla fine degli anni Ottanta viene riconosciuta e definita la capacità individuale di resistere al deterioramento cognitivo fisiologico o patologico. Possono e...

News Letters

0
condivisioni