Pubblicità

Portare farmaci al cervello con nanoparticelle per curare malattie neurodegenerative

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 130 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Le nanoparticelle potrebbero attraversare la barriera emato-encefalica per fornire farmaci al cervello

Portare farmaci al cervello con nanoparticelle per curare malattie neurodegenerative

 

I ricercatori dell'Institut National de la Recherche Scientifique (INRS) hanno dimostrato che le nanoparticelle potrebbero essere utilizzate per fornire farmaci al cervello per trattare le malattie neurodegenerative.

La barriera emato-encefalica è il principale ostacolo nel trattamento di malattie neurodegenerative come l'Alzheimer e il Parkinson.

Secondo un recente studio condotto da Jean-Michel Rabanel, ricercatore post-dottorato sotto la supervisione del professor Charles Ramassamy, nanoparticelle con proprietà specifiche potrebbero attraversare questa barriera ed essere catturate dalle cellule neuronali.

I ricercatori sono fiduciosi che questi risultati apriranno importanti prospettive per il rilascio di farmaci direttamente nel cervello.

Questa scoperta rivoluzionaria consentirebbe un trattamento migliore per le malattie neurodegenerative che colpiscono più di 565.000 canadesi.

"La barriera emato-encefalica filtra le sostanze nocive per impedire loro di raggiungere liberamente il cervello. Ma questa stessa barriera blocca anche il passaggio dei farmaci", spiega il farmacologo Charles Ramassamy.

In genere, sono necessarie dosi elevate per ottenere una piccola quantità di farmaco nel cervello. Ciò che rimane nel flusso sanguigno ha effetti collaterali significativi.

Spesso, questo disagio porta il paziente a interrompere il trattamento.

L'uso di nanoparticelle, che incapsulano i farmaci, comporterebbe meno effetti collaterali collaterali aumentando l'efficienza cerebrale.

Efficiente su un modello animale

Per dimostrare l'efficacia di questo metodo, il team di ricerca lo ha testato prima su cellule in coltura, poi su zebrafish.

Pubblicità

"Questa specie offre diversi vantaggi. La sua barriera emato-encefalica è simile a quella degli esseri umani e la sua pelle trasparente consente di vedere la distribuzione delle nanoparticelle quasi in tempo reale", afferma il professor Ramassamy, presidente della cattedra di ricerca Louise e André Charron su Morbo di Alzheimer, dalla Fondation Armand-Frappier.

Utilizzando test in vivo, i ricercatori sono stati in grado di osservare l'attraversamento della barriera emato-encefalica. Hanno anche confermato l'assenza di tossicità nel gruppo di nanoparticelle selezionate.

"Abbiamo realizzato le particelle con acido polilattico (PLA), un materiale biocompatibile che viene facilmente eliminato dall'organismo. Uno strato di polietilenglicole (PEG) ricopre queste nanoparticelle e le rende invisibili al sistema immunitario, in modo che possano circolare più a lungo nel flusso sanguigno ", spiega.

Dopo diversi anni di ricerca su nanoparticelle efficaci e sicure, il team di ricerca continuerà i test di laboratorio, mirando alla consegna di ingredienti attivi ad altri modelli animali con applicazioni cliniche definitive.

Reference:

  1. Jean-Michel Rabanel, Pierre-Alexandre Piec, Sarra Landri, Shunmoogum A. Patten, Charles Ramassamy. Transport of PEGylated-PLA nanoparticles across a blood brain barrier model, entry into neuronal cells and in vivo brain bioavailability. Journal of Controlled Release, 2020; 328: 679 DOI: 10.1016/j.jconrel.2020.09.042

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: farmaci cervello

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come si ritrova l'amore di viv…

polppols, 18 anni Ciao, ho 18 anni e non so bene come iniziare a scrivere questa richiesta. Non mi sono mai aperta con qualcuno liberamente e sinceramente ...

Problematiche relazionali [160…

m, 20 anni Salve, recentemente dei Miei amici mi hanno detto che dovrei vedere un terapeuta perché secondo loro ho dei problemi a capire come relazionarmi ...

Genitori che non ti accettano …

alice, 25 anni Buongiorno,scrivo perchè mi trovo in una situazione veramente difficile e ho bisogno di un consiglio. Dalla tarda adolescenza non sono mai a...

Area Professionale

Il disturbo pedofilico

Secondo il DSM-5 i criteri per diagnosticare ciò che prende il nome di disturbo pedofilico sono definiti come esperienze ricorrenti di eccitazione sessuale inte...

La psicologia forense

La psicologia forense, come definita dall'American Psychological Association è l'applicazione delle specialità cliniche al campo legale. La professione dello p...

Depressione adolescenziale e t…

Secondo un'analisi della letteratura, tra gli approcci psicoterapeutici che mostrano una certa efficacia nella gestione e trattamento della depressione adolesce...

Le parole della Psicologia

MECCANISMI DI DIFESA

Quando parliamo di meccanismi di difesa facciamo riferimento ad un termine psicoanalitico che individua i processi dinamici e inconsci mossi dall’Io per fronteg...

Disturbo Istrionico di Persona…

Disturbo di personalità caratterizzato da intensa emotività e costanti tentativi di ottenere attenzione, approvazione e sostegno altrui, attraverso comportament...

Mania

L. Binswanger (Melanconia e mania, 1960) ha messo in evidenza come nella mania vi sia una destrutturazione della dimensione temporale della vita psichica che no...

News Letters

0
condivisioni