Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Povertà e sviluppo cerebrale

on . Postato in News di psicologia

Come migliorare lo sviluppo cerebrale attraverso il rinforzo delle dinamiche familiari.

povertà e sviluppo cerebrale

Un gruppo di ricercatori dell’Università della Georgia ha dimostrato, per la prima volta, nella partecipazione ad un programma di prevenzione noto come Strong African American Families Program, che si possono rimuovere gli effetti della povertà sullo sviluppo del cervello, migliorando e supportando la genitorialità e rafforzando i rapporti familiari.

In un documento pubblicato nel Journal of the American Medical Association Pediatrics, Gene H. Brody, autore principale dello studio e co-direttore del Centro UGA per la ricerca della famiglia, e i suoi colleghi hanno utilizzato la risonanza magnetica per esaminare lo sviluppo del cervello di 59 adulti che hanno partecipato al SAAF all’età di 11 anni con 57 adulti aventi lo stesso background ma che non hanno partecipato al programma.

Hanno scoperto che coloro che hanno partecipato al SAAF hanno mostrato maggiori volumi nelle regioni del cervello che promuovono l'apprendimento, la memoria e lo stress della tolleranza.

"Si può pensare a un cervello come un muscolo che dobbiamo rafforzare durante tutta l'infanzia e l'adolescenza", ha detto Brody, professore di Sviluppo Umano e della Scienza Famiglia al College della Georgia. "Quando quel muscolo ottiene adeguati livelli di stimolazione e protezione contro lo stress forniti da un adeguato nutrimento, le persone tendono a fare molto meglio."

Brody ha notato che gli scienziati hanno cominciato a studiare la possibilità che crescere in povertà può avere effetto sulle aree del cervello che supportano l'apprendimento dei bambini, la memoria, l'umore e la capacità di far fronte allo stress. Il SAAF è stato progettato per migliorare la genitorialità e rafforzare le relazioni familiari tra le famiglie afro-americane che vivono nel Sud rurale.

"Non tutti i bambini e gli adolescenti che crescono in esiti avversi vivono la povertà. Un sottoinsieme di giovani che ricevono genitori di supporto a sviluppare la resilienza alle conseguenze della povertà", ha detto Brody.

"Stiamo espandendo questi risultati usando uno studio controllato di un programma di prevenzione per testare le idee e dimostrare che essere genitori di supporto ha importanti benefici per lo sviluppo del cervello. Abbiamo seguito questi partecipanti da quando avevano 11 anni e tutto quello che abbiamo imparato nel corso degli ultimi 14 anni ha rafforzato la nostra convinzione che il caregiving è incredibilmente importante per molti aspetti dello sviluppo umano, tra cui lo sviluppo del cervello".

Oltre agli effetti sul cervello, la ricerca di Brody con i partecipanti del SAAF ha riscontrato che questi individui hanno più bassi livelli di ormoni dello stress che circolano nei loro corpi, più bassi livelli di infiammazione, e sono meno propensi a mostrare marcatori biologici di invecchiamento precoce.

"E 'molto gratificante avere la prova scientifica che il SAAF può aiutare la salute e il benessere dei giovani afro-americani", ha detto Brody.

Se motivati, questi risultati possono anche fornire una strategia per i responsabili politici e i professionisti di pediatria alle organizzazioni genitori-insegnanti da utilizzare per migliorare le disparità sociali.

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psychostore

 

 

 

 

Tags: tolleranza povertà, effetti cerebrali, caregiving,

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con la mia ragazza e …

Sabrina, 16                   Salve, sono una ragazza di 16 anni, impegnata da quasi un anno e mezzo i...

Signor (1497211992990)

bruno, 76             Ogni giorno mi sento depresso e sempre triste nella mia vita ho pero tutti mia madre e mia nonna gl...

Adolescente che non si acconte…

sara, 36                 Salve,Siamo una famiglia di stranieri che vive in italia da diverso tempo,qualche an...

Area Professionale

Approvato il documento dell’Or…

Discusso e approvato al Consiglio Nazionale dell’Ordine (riunitosi sabato 17 giugno) il Documento “Ruolo della Psicologia nei Livelli Essenziali di Assistenza” ...

Workshop: I Pericoli di Facebo…

Il giorno 24 maggio 2017, presso la sede di Pescara dell’Ordine degli Psicologi della Regione Abruzzo, si è svolto il primo dei due incontri dedicati alla Web R...

La psicosi: tra Jung, Freud e …

La psicosi è, in gran parte, il risultato di una diade soggetto-oggetto che è presenta nella mente dell’individuo psicotico. Questo signific...

Le parole della Psicologia

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

Mania

L. Binswanger (Melanconia e mania, 1960) ha messo in evidenza come nella mania vi sia una destrutturazione della dimensione temporale della vita psichica che no...

Dismorfismo corporeo

L’interesse sociale nei confronti del Disturbo di Dismorfismo Corporeo (BDD) è cresciuto solo recentemente nonostante sia stato documentato per la prima volta n...

News Letters