Pubblicità

Predatori in Internet

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 388 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Contrariamente agli stereotipi, i predatori sessuali su Internet in genere non si spacciano per ragazzi o bambini per attirare le loro vittime e costringerle a rapporti sessuali. A questo trucco ricorrerebbe solamente il cinque per cento degli adulti coinvolti in questo tipo di crimini sessuali, mentre gli altri puntano semplicemente ad alimentare la fiducia e la confidenza delle vittime, portando il minore a vedere la relazione con loro come qualcosa di romantico o avventuroso.

Questo è quanto risulta da una ricerca pubblicata su American Psychologist, la rivista dell'American Psychological Association con il titolo “Online ‘Predators’ and Their Victims: Myths, Realities and Implications for Prevention” a firma di Janis Wolak e collaboratori del Crimes against Children Research Center dell'Università del New Hampshire. “La maggior parte dei crimini sessuali iniziati su Internet coinvolge adulti che non nascondono il loro interesse sessuale. E nella maggior parte dei casi le vittime sanno di stare parlando con adulti”, dice infatti Wolak.

Tratto da "Lescienze.it" - prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia di perdere i propri cari…

Rita, 22     Salve, parlo a nome del mio fidanzato che non sa che sto scrivendo qui. ...

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Eisoptrofobia

L'eisoptrofobia o spettrofobia (da non confondere con la paura degli spettri, phasmofobia) è la paura persistente, irrazionale e ingiustificata degli specchi, o...

Dissociazione

La dissociazione come alterazione della struttura psichica e immagini contraddittorie di Sè. Il termine dissociazione in psicopatologia e psichiatria è identif...

Ansia da separazione

La causa alla base di questa esperienza nel successivo sviluppo di un disturbo mentale non ha più significato senza l’interazione di altri fattori che contribui...

News Letters

0
condivisioni