Pubblicità

Predire i deficit emotivi nell'infanzia precocemente

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 371 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

I ricercatori dell'UNC Early Brain Development Study hanno tracciato lo sviluppo del circuito emotivo cerebrale nell'infanzia trovando connessioni cerebrali funzionali come negli adulti per la regolazione emotiva che emergono durante il primo anno di vita.

infanzia

La crescita di questi circuiti cerebrali durante il secondo anno di vita prediceva il QI ed il controllo emotivo del bambino al 4 anno di età, suggerendo una nuova via di intervento precoce per i bambini a rischio di problemi emotivi.


Lo studio è supportato dell'Istituto Nazionale della Salute e dal Cedars-Sinai Precision Medicine Initiative Award ed i risultati sono stati pubblicati in Biological Psychiatry: Cognitive Neuroscience and Neuroimaging.

"Se confermate in studi futuri, queste ricerche suggeriscono che potrebbe essere possibile identificare bambini a rischio per difficoltà comportamentali associate a disturbi psichiatrici molto precocemente nell'infanzia, permettendo interventi precoci per ridurre i rischi e migliorare i risultati comportamentali a lungo termine" spiega John Gilmore, autore co-senior dello studio: professore al Thad and Alice Eure e Vice Chair for Research & Scientific Affairs in UNC's Department of Psychiatry, e direttore dell'UNC Center for Excellence in Community Mental Health.

Pubblicità

I risultati sono basati sulle analisi di immagini cerebrali trovate in 223 bambini dell'UNC Early Brain Development Study. Gilmore e colleghi si sono focalizzati sul centro del processamento emotivo in una regione del cervello chiamata amigdala e sulle sue connessioni con le altre aree cerebrali legate alle emozioni.

Il processamento atipico dell'amigdala è collegato a disturbi come la depressione, l'ansia e la schizofrenia negli adulti. Nuove ricerche che individueranno lo sviluppo del sistema di controllo emotivo durante l'infanzia forniranno un indizio sulla possibilità che uno sviluppo atipico di questo sistema possa avere effetti sulle emozioni e cognizioni in futuro.

"Attraverso la lente della fMRI (risonanza magnetica cerebrale funzionale), questo studio mostra come il circuito essenziale cerebrale per la regolazione emotiva soddisfacente negli adulti era assente nei neonati ma emerge a 1-2 anni, fornendo la creazione per lo sviluppo emotivo con successo" illustra l'autore co-senior Wei-Gao, PhD nella Scuola di Medicina dell'UNC e professore associato e direttore della ricerca di neuroimmagine al Cedars-Sinai Medical Center di Los Angeles.

Classi di crescita dei circuiti emotivi durante il secondo anno di vita potrebbero predire l'ansia e la regolazione emotiva dei bambini al 4 anno di vita. La crescita di questi circuiti potrebbe predire anche il QI a 4 anni, indicando l'importanza non solo dello sviluppo del controllo emotivo tardivo ma anche quello della cognizione.

 

Tratto da ScienceDaily

 

 

(Traduzione ed adattamento a cura del Dottor Claudio Manna)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: emozioni deficit infanzia news di psicologia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Area Professionale

Un articolo alla volta - Comme…

Catello Parmentola ed Elena Leardini introducono il loro impegno con i visitatori di Psiconline.it a commentare, articolo dopo articolo, il Codice Deontologico ...

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Le parole della Psicologia

Introiezione

Introiezione è un termine di origine psicoanalitica, con il quale si intende quel processo inconscio, per cui l’Io incamera e fa proprie le rappresentazioni men...

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

Lapsus

Il lapsus (in latino "caduta/scivolone") è un errore involontario consistente nel sostituire un suono o scrivere una lettera invece di un’altra, nella fusione d...

News Letters

0
condivisioni