Pubblicità

Predire i deficit emotivi nell'infanzia precocemente

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 424 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

I ricercatori dell'UNC Early Brain Development Study hanno tracciato lo sviluppo del circuito emotivo cerebrale nell'infanzia trovando connessioni cerebrali funzionali come negli adulti per la regolazione emotiva che emergono durante il primo anno di vita.

infanzia

La crescita di questi circuiti cerebrali durante il secondo anno di vita prediceva il QI ed il controllo emotivo del bambino al 4 anno di età, suggerendo una nuova via di intervento precoce per i bambini a rischio di problemi emotivi.


Lo studio è supportato dell'Istituto Nazionale della Salute e dal Cedars-Sinai Precision Medicine Initiative Award ed i risultati sono stati pubblicati in Biological Psychiatry: Cognitive Neuroscience and Neuroimaging.

"Se confermate in studi futuri, queste ricerche suggeriscono che potrebbe essere possibile identificare bambini a rischio per difficoltà comportamentali associate a disturbi psichiatrici molto precocemente nell'infanzia, permettendo interventi precoci per ridurre i rischi e migliorare i risultati comportamentali a lungo termine" spiega John Gilmore, autore co-senior dello studio: professore al Thad and Alice Eure e Vice Chair for Research & Scientific Affairs in UNC's Department of Psychiatry, e direttore dell'UNC Center for Excellence in Community Mental Health.

Pubblicità

I risultati sono basati sulle analisi di immagini cerebrali trovate in 223 bambini dell'UNC Early Brain Development Study. Gilmore e colleghi si sono focalizzati sul centro del processamento emotivo in una regione del cervello chiamata amigdala e sulle sue connessioni con le altre aree cerebrali legate alle emozioni.

Il processamento atipico dell'amigdala è collegato a disturbi come la depressione, l'ansia e la schizofrenia negli adulti. Nuove ricerche che individueranno lo sviluppo del sistema di controllo emotivo durante l'infanzia forniranno un indizio sulla possibilità che uno sviluppo atipico di questo sistema possa avere effetti sulle emozioni e cognizioni in futuro.

"Attraverso la lente della fMRI (risonanza magnetica cerebrale funzionale), questo studio mostra come il circuito essenziale cerebrale per la regolazione emotiva soddisfacente negli adulti era assente nei neonati ma emerge a 1-2 anni, fornendo la creazione per lo sviluppo emotivo con successo" illustra l'autore co-senior Wei-Gao, PhD nella Scuola di Medicina dell'UNC e professore associato e direttore della ricerca di neuroimmagine al Cedars-Sinai Medical Center di Los Angeles.

Classi di crescita dei circuiti emotivi durante il secondo anno di vita potrebbero predire l'ansia e la regolazione emotiva dei bambini al 4 anno di vita. La crescita di questi circuiti potrebbe predire anche il QI a 4 anni, indicando l'importanza non solo dello sviluppo del controllo emotivo tardivo ma anche quello della cognizione.

 

Tratto da ScienceDaily

 

 

(Traduzione ed adattamento a cura del Dottor Claudio Manna)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: emozioni deficit infanzia news di psicologia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (156328344573…

la vita è un caos, 17 Salve, siamo due sorelle di 17 anni e sono ormai 4 anni che nostra madre ha divorziato con nostro padre e dopo poco tempo ha conosciuto...

Non riesco ad andare da uno ps…

Sshx, 18 Circa 6 anni fa ho cominciato a presentare dei sintomi che, nel corso del tempo, si sono aggravati progressivamente e che adesso non mi permettono d...

Perdita improvvisa di un genit…

lorena, 26 Salve, innanzitutto ringrazio per questa preziosa opportunità. Scrivo questo messaggio per conto del mio fidanzato, lo stesso ha infatti perso il ...

Area Professionale

La rilevazione del trauma al T…

Il Test del Villaggio e la sua costruzione possono idealmente inscriversi in una spirale aurea sulla quale vengono declinate le diverse fasi di vita, dalla nasc...

Articolo 25 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.25 (uso degli strumenti di diagnosi e di valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Lear...

Articolo 24 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.24 (Consenso Informato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

Le parole della Psicologia

Ipercinesia

Nel disturbo ipercinetico si ha la contemporanea presenza di sintomi quali: la breve durata dell’attenzione, distrazione, iperattività e almeno un sintomo di im...

Prosopoagnosia

La prosopoagnosia (o prosopagnosia) è un deficit percettivo del sistema nervoso centrale che impedisce il riconoscimento dei volti delle persone (anche dei fami...

Training Autogeno

Il training autogeno nasce come tecnica ideata da J.H. Schultz, neurologo e psichiatra.Training significa “allenamento”, autogeno “che si genera da sé”; ciò dif...

News Letters

0
condivisioni