Pubblicità

Prevenzione del comportamento suicidario nell'ADHD

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 267 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Che effetto ha il trattamento farmacologico dell'ADHD sul comportamento suicidario?

Prevenzione del comportamento suicidario nellADHDGli individui con disturbo da deficit di attenzione / iperattività (ADHD) hanno un rischio elevato di comportamenti suicidari. I farmaci stimolanti sono utili nel trattamento dei sintomi fondamentali dell'ADHD; sono disponibili anche farmaci non stimolanti per il trattamento di questo disturbo. Questi farmaci influenzano il rischio di tentativi di suicidio?

Zheng Chang e colleghi hanno recentemente pubblicato i risultati di un ampio studio su questa domanda nella rivista Biological Psychiatry.

Questi investigatori hanno analizzato le informazioni non identificate da banche dati contenenti richieste di assicurazioni sanitarie commerciali sponsorizzate dai datori di lavoro degli Stati Uniti tra il 2005 e il 2014.

In particolare, hanno esaminato le richieste di ricovero ospedaliero, ambulatoriale e hanno compilato richieste di prescrizione da parte di 146 milioni di persone che rappresentano circa il 49% della popolazione degli Stati Uniti.

Da queste informazioni, hanno identificato un gruppo di circa 3,8 milioni di persone con una diagnosi di ADHD.

Sono stati anche in grado di accertare i mesi in cui un individuo ha fatto visita al pronto soccorso, una corsa in ambulanza o un ricovero in ospedale associato a un tentativo di suicidio e correlare tali informazioni con periodi in cui queste persone hanno compilato le prescrizioni per farmaci stimolanti o non stimolanti per l'ADHD.

I risultati dello studio erano chiari.

Pubblicità

Durante i mesi in cui le persone compilavano le prescrizioni per i farmaci per l'ADHD, c'era un rischio inferiore del 31-39% di un tentativo di suicidio rispetto ai mesi senza una richiesta completa di farmaci per l'ADHD. Questo effetto è stato osservato per tutte le fasce d'età che vanno dai bambini agli individui di mezza età.

È stato anche osservato per soggetti con o senza anamnesi di depressione o disturbo da uso di sostanze.

È interessante notare che il rischio inferiore era associato solo a farmaci stimolanti per l'ADHD (ad es. Metilfenidato e anfetamine); nessun effetto statisticamente significativo sui tentativi di suicidio è stato osservato durante i mesi in cui agli individui è stata prescritta l'atomoxetina, un farmaco non stimolante.

I meccanismi alla base degli effetti anti-suicidio degli stimolanti nei pazienti con ADHD non possono essere determinati da questo tipo di dati.

Sebbene sia i farmaci stimolanti che quelli non stimolanti possano essere efficaci nel trattamento dei sintomi dell'ADHD, è interessante notare che solo gli stimolanti erano associati a minori rischi di tentativi di suicidio.

Sebbene gli stimolanti siano trattamenti di prima linea per l'ADHD, sono anche farmaci con potenziale abuso. Allo stesso modo, la ketamina ha un potenziale di abuso, e tuttavia, se usata in modo appropriato, ha potenti effetti antidepressivi. Questo può essere vero anche per gli psichedelici e cannabinoidi come la marijuana. Forse non sorprende che i farmaci con potenti influenze sull'attività cerebrale possano avere effetti benefici o deleteri a seconda di come vengono utilizzati.

References

Chang, Z., Quinn, P.D., O'Reilly, L., Sjolander, A., Hur, K., Gibbons, R., Larsson, H., & D'Onofrio, B.M. (2019 Dec 13). Medication for attention-deficit/hyperactivity disorder and risk for suicide attempts. Biol Psychiatry. pii: S0006-3223(19)31920-1. doi: 10.1016/j.biopsych.2019.12.003.

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come imparare ad andare [1599…

mar, 29 anni Ho avuto una relazione di 5 anni finita per motivi banali, incomprensioni, caratteri opposti e contrastanti. La storia é finita quasi tre anni...

MARITO DEPRESSO DA 3 MESI [159…

blu, 43 anni Buongiorno, non riesco a capire come poter aiutare mio marito che oramai sono 3 mesi che è depresso soprattutto la mattina appena sveglio e l...

Consulenza [1599577765688]

Bice84, 36 anni Salve, volevo chiederle un'informazione riguardo alcuni comportamenti di mio marito. ...

Area Professionale

Disfunzioni sessuali dopo la s…

L'11 giugno 2019 l'European Medicines Agency (EMA) ha formalmente dichiarato di riconoscere la disfunzione sessuale post-SSRI (Post-SSRI Sexual Dysfunction, PSS...

Considerazioni teoriche sulla …

In letteratura sono presenti diverse teorie sulle cause sottostanti l'abuso e la violenza domestica. Queste includono teorie psicologiche che considerano i trat...

La relazione gene-ambiente nel…

Fra gli scienziati è in corso un importante dibattito sui nuovi modelli che esaminano il ruolo combinato dei geni e dell'ambiente nell'evoluzione della schizofr...

Le parole della Psicologia

Impulsività

L’impulsività è un elemento del carattere di ogni persona, anche se si manifesta in maniera molto più evidente rispetto alle altre, fino a divenire un vero e pr...

Ansia

L’ansia è una sensazione soggettiva caratterizzata da un senso spiacevole di apprensione e preoccupazione spesso accompagnata da sintomi fisici di tipo autonomi...

Agrafia

Il termine Agrafia deriva dal greco a-grapho (non-scrivo), indica la perdita parziale (paragrafia) o totale della capacità di scrivere, che insieme a quella d...

News Letters

0
condivisioni