Pubblicità

Problemi cognitivi degli anziani

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 724 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Nuove ricerche nel campo dei problemi cognitivi degli anziani sono state effettuate dal team di ricerca condotto dal dr.Todd S.Braver e coll. della Washington University. La perdita graduale di abilità che consistono nel raggruppare stimoli simili ed usare indizi contestuali potrebbe secondo gli autori far luce sulla dinamica del declino cognitivo negli anziani. La ricerca, apparsa recentemente sulla rivista “Journal of Experimental Psychology” (Ed. APA) ha coinvolto gruppi di soggetti giovani ed anziani in modo da confrontare le loro performances in ambito cognitivo attraverso la somministrazione di test di attenzione, di percezione, di memoria, etc..

Nel modello esplicativo presentato da Braver e coll. il trattamento di questi stimoli contestuali( il cosiddetto “context processing”) è una specifica modalità di funzionamento di un sistema operativo psico-cognitivo che avrebbe la sua area di riferimento nella corteccia prefrontale. Il mediatore interessato al processo è la dopamina, che sarebbe implicata appunto soprattutto nei processi cognitivi, nella memoria e nel comportamento.

Presi nell’insieme, i risultati dello studio suggeriscono che col procedere dell’età si manifesti in misura crescente il deficit nella capacità di context processing poiché diminuisce la capacità di rappresentazione, mantenimento ed aggiornamento di questo schema operativo da parte del soggetto anziano. Il context processing avrebbe quindi un ruolo centrale nel funzionamento corretto della sfera cognitiva poiché permetterebbe di collegare ed associare gli stimoli tra loro e attribuire significato alle nostre esperienze; gli autori dello studio ipotizzano che tale meccanismo venga però inibito progressivamente con l’età insieme alla diminuzione dei livelli cerebrali di dopamina.

(Tratto da:” Context May Determine Cognitive Problems of Elderly” -NewsRx.com – Jan.2002)

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Perdere le persone importanti …

  Crazy, 48 anni Buonasera, chiedo come si fa ad accettare prima la perdita di un marito e dopo poco quella di un fratello. {loadposition pub3} &n...

Ragazzo insicuro e con ansia d…

Annie, 27 anni       Buonasera! In psicologia, i cinque fattori che elencherò possono essere correlati l'uno all'altro oppure no?* Ansia d...

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Balbuzie

La balbuzie interessa circa l’1% della popolazione mondiale (tasso di prevalenza), ma circa il 5% può dire di averne sofferto in qualche misura nel...

Disturbo Schizotipico di Perso…

L'individuo con Disturbo Schizotipico di Personalità presenta tratti di stranezza, eccentricità, così come un marcato e persistente isolamento sociale. Il dist...

Melatonina

Omone secreto dai pinealociti della ghiandola pineale (o epifisi), derivato dalla serotonina, regolatore dei ritmi circadiani.   Il ruolo più noto dell...

News Letters

0
condivisioni