Pubblicità

Problemi cognitivi degli anziani

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 749 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Nuove ricerche nel campo dei problemi cognitivi degli anziani sono state effettuate dal team di ricerca condotto dal dr.Todd S.Braver e coll. della Washington University. La perdita graduale di abilità che consistono nel raggruppare stimoli simili ed usare indizi contestuali potrebbe secondo gli autori far luce sulla dinamica del declino cognitivo negli anziani. La ricerca, apparsa recentemente sulla rivista “Journal of Experimental Psychology” (Ed. APA) ha coinvolto gruppi di soggetti giovani ed anziani in modo da confrontare le loro performances in ambito cognitivo attraverso la somministrazione di test di attenzione, di percezione, di memoria, etc..

Nel modello esplicativo presentato da Braver e coll. il trattamento di questi stimoli contestuali( il cosiddetto “context processing”) è una specifica modalità di funzionamento di un sistema operativo psico-cognitivo che avrebbe la sua area di riferimento nella corteccia prefrontale. Il mediatore interessato al processo è la dopamina, che sarebbe implicata appunto soprattutto nei processi cognitivi, nella memoria e nel comportamento.

Presi nell’insieme, i risultati dello studio suggeriscono che col procedere dell’età si manifesti in misura crescente il deficit nella capacità di context processing poiché diminuisce la capacità di rappresentazione, mantenimento ed aggiornamento di questo schema operativo da parte del soggetto anziano. Il context processing avrebbe quindi un ruolo centrale nel funzionamento corretto della sfera cognitiva poiché permetterebbe di collegare ed associare gli stimoli tra loro e attribuire significato alle nostre esperienze; gli autori dello studio ipotizzano che tale meccanismo venga però inibito progressivamente con l’età insieme alla diminuzione dei livelli cerebrali di dopamina.

(Tratto da:” Context May Determine Cognitive Problems of Elderly” -NewsRx.com – Jan.2002)

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mi sento triste e depresso [16…

ANONIMo, 14 anni   Buongiorno, sono un ragazzo di 14 anni e sto vivendo un periodo buio nella mia vita; il motivo è soprattutto l'impatto che ha av...

Mio marito ha un disturbo? [16…

Francesca, 36 anni. Salve, ho un problema con mio marito. Lui ha 39 anni e siamo sposati da 12. Da 3 ha un'azienda tutta sua di idraulica, fa impianti, ec...

Vivo ogni giorno con sempre me…

  lola, 23 anni   Salve, sono una ragazza di 23 anni e soffro di molti dei settori sopra indicati..avrei davvero bisogno di sfogarmi con qualcun...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Ofidiofobia

L’ofidiofobia (dal greco ὄφις ophis "serpente" e φοβία phobia "paura") è la paura patologica dei serpenti. Il paradigma (ovvero il modello di riferimento) alla...

L’adolescenza

L'adolescenza (dal latino adolescentia, derivato dal verbo adolescĕre, «crescere») è quel tratto dell'età evolutiva caratterizzato dalla transizione dallo stato...

Ipercinesia

Nel disturbo ipercinetico si ha la contemporanea presenza di sintomi quali: la breve durata dell’attenzione, distrazione, iperattività e almeno un sintomo di im...

News Letters

0
condivisioni