Pubblicità

Problemi mentali in Usa

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 569 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Più del 60% delle persone sofferenti di problemi mentali non riceve trattamenti in maniera sitematica e contrariamente ai risultati di precedenti ricerche, coloro che presentano disturbi psicologici nelle aree rurali sarebbero meglio trattati rispetto a quelli che abitano nelle grandi e medie città..Questo è quanto emerso da un recente studio condotto dall’equipe del dr.Ronald Kessler, docente alla Harvard Medical School e ricercatore presso L’Institute for Social Research dell’Università del Michigan (Usa).”La maggiorparte delle persone con serie problematiche psicologiche non avverte la necessità di ricorrere a cure e trattamenti specifici per i propri disagi mentali – dice il dr. Kessler – e coloro che ne sono coscienti cercano in primo luogo di ricorrere a rimedi superficiali ed inadeguati..”. Da uno studio pubblicato di recente sul bollettino dell’Health Service Research si stima che siano circa 10 milioni gli americani con seri problemi psicologici; gli sforzi compiuti dal sistema sanitario statunitense sono da qualche tempo diretti a permettere un più facile accesso alle cure, anche dal punto di vista economico.

La ricerca di Kessler è partita dall’analisi dei dati riportati dal National Comorbidity Survey, un rilevamento che ha coinvolto un vasto campione di circa 8000 persone di età compresa tra i 15 ed i 55 anni con problematiche mentali clinicamente accertate (dalle sindromi depressive a quelle fobico –ansiose, fino alle forme gravi di psicosi e schizofrenia); dallo studio dei casi è emerso che il 62% di essi, pur avendo patologie psichiche di una certa gravità, non aveva seguito nel precedente anno trattamenti psicologico o psichiatrici in maniera stabile e continuativa; la fascia di età maggiormente penalizzata dai trattamenti è risultata quella compresa tra i 18 ed i 35 anni.

(tratto da:”More Than 60% of Mentally Ill Not Getting Treatment” - NewsRx.com – Dec.2001)

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Sto bene da solo  [16102359254…

 Zeno, 30 anni     Buonanotte, sono sempre stato ansioso e poco socievole ma ultimamente sento che questo problema si è esarcerbato,spesso ...

Avere una relazione con una pe…

Carpazia, 30 anni     Buonasera, il più delle volte, giustamente direi, ci si concentra sulla persona che soffre di questa patologia, ma c'è b...

Esibizionismo (1609682059724)

Max, 39 anni     Buonasera, dopo la morte dei miei genitori circa tre anni fa, mi sono chiuso in un mondo immaginario (un lavoro, una casa, la ...

Area Professionale

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Il disturbo pedofilico

Secondo il DSM-5 i criteri per diagnosticare ciò che prende il nome di disturbo pedofilico sono definiti come esperienze ricorrenti di eccitazione sessuale inte...

Le parole della Psicologia

Transfert

Il transfert è uno dei concetti maggiormente dibattuti in psicologia ed indica il Trasferimento sulla persona dell'analista delle rappresentazioni inconsce prop...

Arpaxofilia

L'arpaxofilia è una parafilia, riguarda l'eccitazione sessuale che si prova nell’essere derubati, quindi quando ci si trova in una situazione di pericolo. Vist...

I gruppi Balint

I gruppi Balint iniziarono verso la fine degli anni ’40 quando fu chiesto a Michael e a Enid Balint di fornire ai medici generici una formazione psichiatrica pe...

News Letters

0
condivisioni